La magia dei costumi: ecco le foto dal dietro le quinte del Malyj Teatr di Mosca

Mark Bojarskij
Il Piccolo Teatro sorge accanto a quello “Grande”, il Bolshoj, e ha quasi duecento anni di storia. Entrare nelle sue sartorie è un viaggio nel tempo e nella cultura russa

Andare dietro le quinte e osservare quello che accade, è probabilmente il sogno di ogni appassionato di teatro. Ma nei corridoi del Malyj Teatr (il “Piccolo Teatro”) di Mosca, persino i giornalisti vengono ammessi molto raramente. Il direttore artistico e leggendario attore Jurij Solomin ritiene che le persone non debbano sapere come nasce la magia scenica, altrimenti la magia scompare. 

Il Malyj Teatr esiste già da quasi due secoli. L’inaugurazione ufficiale avvenne nel 1824, ma la prima troupe del futuro teatro si era formata già nel 1756 presso l’Università di Mosca. Fin dall’inizio, la nuova istituzione culturale fu orientata alla messa in scena di rappresentazioni classiche: “Le nozze di Figaro” di Pierre-Augustin Caron de Beaumarchais, “Che disgrazia l’ingegno!” di Aleksandr Griboedov, “L’ispettore generale” e “I fidanzati” (o “Il matrimonio”) di Nikolaj Gogol e poi pièce di Aleksandr Ostrovskij e, ovviamente, di Anton Chekhov.

Il Malyj è un teatro di repertorio, e ogni messa in scena rimane in cartellone per molti anni. In questa stagione, ci sono più di 20 spettacoli e i costumi di ognuno di essi attendono il loro giorno, sempre pronti. 

Nel fondo museale del teatro sono conservati oltre 200 costumi storici. La maggior parte di essi sono in ottimo stato di conservazione, nonostante i tanti anni di utilizzo, e alcuni di loro vengono addirittura tolti dalle teche e rimessi in servizio, quando uno spettacolo torna in repertorio. Il costume più antico qui presente risale al 1849. 

In totale, nella storia del Malyj Teatr sono stati confezionati oltre diecimila costumi di scena. Ancora oggi vengono realizzati seguendo gli schizzi antichi e persino utilizzando le tecnologie sartoriali del XIX secolo. Per esempio, se il costumista ha deciso di decorare il vestito di Arkadina ne “Il gabbiano” con dei piselli veri, così deve essere! 

Ecco alcuni dei costumi più particolari e curiosi del Malyj Teatr 

Spettacolo “Il gabbiano” di Anton Chekhov. Costume di Arkadina (nell’interpretazione di Irina Muravjova). Prestate attenzione ai già nominati piselli
Spettacolo “La Jeunesse de Louis XIV” di Alexandre Dumas padre. Costume di Anna d’Asburgo
Spettacolo “Lo zar Boris”, tratto dalla tragedia di Aleksej Konstantinovich Tolstoj. Costume della zarina

La direttrice della sartoria dei costumi femminili Alla Zemljakova lavora al Malyj Teatr da vent’anni. Parla dei costumi con incredibile passione e si avvicina a loro come se fossero opere d’arte di un museo. Racconta che i giorni di spettacolo iniziano con la preparazione dei costumi: vengono stirate al vapore le parti di seta e viene controllato scrupolosamente lo stato degli abiti. 

Spettacolo “Che disgrazia l’ingegno!” di Aleksandr Griboedov. Costume della nonna
Spettacolo “Un ballo in maschera” di Mikhail Lermontov. Costume di Inna

In seguito i costumi vengono portati nei vari camerini. Ci sono persino leggende sugli speciali carrelli usati per il trasporto. Si dice che persino il rispettabile direttore artistico Solomin ci abbia scorrazzato sopra per i corridoi, per divertire i figli di un attore, che erano venuti come ospiti in teatro.

Spettacolo “Il malato immaginario” di Molière. Costume della serva
Spettacolo “Tre sorelle” di Anton Chekhov. Costume di Masha (la più antica mantella talma nel fondo museale)

Prima dell’inizio dello spettacolo, le costumiste aiutano le attrici. “Da sole è praticamente impossibile indossare certi abiti. Alcuni pesano tantissimo, e altri hanno dei complicati corsetti.

Alla Zemlyakova

Ma l’aiuto non è solo fisico; noi come psicologhe aiutiamo le interpreti a entrare nella parte e a calarsi nell’atmosfera dell’epoca”, spiega Alla.

Spettacolo “Che disgrazia l’ingegno!” di Aleksandr Griboedov. Costume di Famusov (nell’interpretazione dell’attuale direttore artistico del teatro Jurij Solomin)
Spettacolo “Poslednaja zhertva” (“L’ultima vittima”) di Aleksandr Ostrovskij. Costume di Lavr Pribytkov

Non appena le attrici indossano i costumi non possono più né bere un caffè né fare niente di quello che potrebbe potenzialmente danneggiare i preziosi abiti. “Per tanti attori il fatto di portare dei costumi storici è molto importante. E lo fanno con grande rispetto e attenzione. Una volta si sono bucati dei guanti che avevamo comprato apposta per lo spettacolo in un negozio di antiquariato e abbiamo proposto di sostituirli con un paio nuovo anticato artificialmente. Ma tutte le attrici si sono risolutamente rifiutate di infilarseli e hanno chiesto di riparare alla bell’e meglio quelli vecchi”.

Dramma musicale “Don Juan” (“Don Giovanni”) di Aleksej Konstantinovich Tolstoj. Costume del Commendatore
Spettacolo “La Jeunesse de Louis XIV” di Alexandre Dumas padre. Costume di un moschettiere
Spettacolo “La Jeunesse de Louis XIV” di Alexandre Dumas padre. Costume di Luigi XIV

La sartorie e le sale trucco degli attori maschi sono a un altro piano del teatro. “Certo noi non abbiamo quegli abiti con le crinoline”, dice la direttrice Larisa Pasjuta, togliendo dalla gruccia una bellissima pelliccia lunga fino al pavimento. Con la luce negli occhi ci invita a prestare attenzione ai costumi che ama di più e con la leggerezza di una farfalla tira fuori uno dopo l’altro i pesanti vestiti per le nostre foto. 

Larisa Pasyuta
Spettacolo “Che disgrazia l’ingegno!” di Aleksandr Griboedov. Costume di Skalozub
Spettacolo “Re Lear” di William Shakespeare. Costume del Re Lear
Spettacolo “Un ballo in maschera” di Mikhail Lermontov. Costume di Abrenin

Anche se qui non ci sono gli sfarzosi abiti delle dame dei secoli che furono, gli stivali, le uniformi, i giustacuore non sono meno impressionanti. Sullo stendino sono ad asciugare una dozzina di guanti bianco candido. Larisa racconta come soffiano via, sbuffandoci su, ogni granello di polvere dagli alberi.

Guanti e mutandoni possono essere lavati, mentre in lavanderia gli abiti civanno solo a stagione conclusa, perché i costumi non possono uscire dal teatro quando ci sono gli spettacoli: potrebbero sempre servire urgentemente.

Spettacolo “Lo zar Boris”, tratto dalla tragedia di Aleksej Konstantinovich Tolstoj. Costume del principe Golitsyn

Spettacolo “Anche il più furbo ci può cascare” di Aleksandr Ostrovskij. Costume di Krutitskij
Spettacolo “La dama di picche” dall’omonimo racconto di Aleksandr Pushkin. Costume dell’ufficiale

Dieci classici del teatro russo da non perdersi, e dove vederli a Mosca e San Pietroburgo 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie