Volete sfondare nel cinema? Ecco come recitare in un film russo

Pixabay, archivio personale
Se non siete russi ci sono opportunità di avere parti sul set in Russia, anche se probabilmente resterete cristallizzati nella parte dello “straniero” e avrete solo piccoli ruoli

Come può uno straniero farsi strada nell’industria cinematografica russa? 

Il più delle volte succede per puro caso. Tuttavia, la persona in questione deve essere in contatto con qualcuno che conosce i cineasti o deve essere visibile nel circolo creativo della capitale.

Il britannico Jonathan Salway si è assicurato un ruolo in “Dvizhenie vverch” (titolo per il mercato estero: “Going Vertical”), un film russo sulla rocambolesca e controversa finale olimpica di pallacanestro del 1972 tra l’Urss e gli Stati Uniti, grazie a un incontro casuale con un DJ americano che aveva appena saputo che i produttori del film stavano cercando un madrelingua inglese. “Abbiamo dovuto fare uno screen-test girato su un telefono cellulare che è stato inviato a un produttore e loro mi hanno invitato”, ha detto.

“Il Moscow English Theatre (che gestisco) è conosciuto in città. La gente di cinema ha scoperto che esiste e poi ci ha contattato dicendo che stavano cercando attori inglesi per fare parti di madrelingua”, ha detto Jonathan Salway, che ha anche interpretato il personaggio di un regista inglese in un episodio della serie “Londongrad”. 

Le conoscenze con i grandi nomi dell’industria cinematografica russa aiutano molto uno straniero e a volte possono aprire la strada al grande schermo per i principianti. 

Quali ruoli propongono i registi russi agli stranieri? 

Il ruolo degli stranieri nei film russi dipende direttamente dalla loro capacità di parlare russo e meno dalla capacità di fingere accenti di altri Paesi. Purtroppo, però, gli attori stranieri di solito non vanno oltre a recitare il ruolo degli “stranieri”. Per alcuni, può diventare un circolo vizioso.

“Ho partecipato ad alcuni film recitando piccole inutili parti. Allo stesso tempo, però, ho acquisito esperienza nel farlo”, ha detto Martin Cook, regista teatrale britannico che lavora come freelance nel cinema russo, ed è apparso in film di spicco come “Hardcore!”, “O chom govorjat muzhchiny/What Men Talk About”, “Olympus Inferno”, e in uno spinoff della serie tv di successo “Mosgaz”, sulla caccia al primo serial killer sovietico. 

Dopo essere apparso in “Hardcore!” di Ilija Naishuller, un film di grande successo, in un ruolo secondario, Martin Cook ha avuto una gran serie di richieste, ma non quelle che si aspettava. “Mi chiamavano e mi dicevano ‘vogliamo che tu sia nel nostro film’, ma quando chiedevo ‘chi è il personaggio’, rispondevano sempre ‘uno straniero’”. Cook fa un gesto per far intendere che la chiamata finiva lì.

Chi sa parlare la lingua, può fare una carriera nel doppiaggio, un percorso in cui la competizione non è così agguerrita.

I registi russi hanno degli stereotipi su come gli stranieri dovrebbero recitare il ruolo degli stranieri?

Sappiamo come sono i russi nei film di Hollywood: personaggi intimidatori che parlano con un forte accento e lavorano per la mafia o compiono omicidi. Gli stranieri che lavorano su set cinematografici in Russia dicono di essere stati in grado di eludere in gran parte questo problema dello stereotipo. Apparentemente, i registi russi preferiscono dare ai propri attori maggiore libertà su come interpretare i loro personaggi.

“Non ho ancora notato un uso preciso di diverse appartenenze nazionali in ruoli stereotipati. Ma, ripeto, ho fatto la parte solo di tre piccoli personaggi indipendenti”, ha detto Salway. 

E c’è un ma. La libertà degli attori stranieri di plasmare i propri personaggi a loro piacimento potrebbe significare che i loro ruoli non sono così importanti nell’ordine più ampio delle cose sul set. “Trovo molto strano che i registi non siano realmente interessati a lavorare su un personaggio. Pensavo ‘oh, mi stanno dando molta libertà’, ma ora penso ‘semplicemente non gliene importa un fico secco, perché il mio ruolo è assolutamente laterale’”, ha detto Cooke riguardo la sua esperienza durante le riprese di “Mosgaz”. 

Esiste una domanda di attori di lingua inglese in Russia? 

Sì, ma ci sono sia pro che contro. Dal momento che in Russia ci sono pochi attori stranieri preparati pronti a recitare rapidamente piccoli ruoli con breve preavviso, i registi possono spesso contattarli per primi. Allo stesso tempo, tuttavia, i registi non hanno bisogno di personaggi stranieri nei loro film abbastanza spesso, e anche se il numero di attori stranieri è piccolo, le occasioni di lavoro non sono sufficienti per far sì che il grande schermo diventi la loro occupazione principale in carriera. 

“Non penso che ci sia una vera e propria domanda di attori stranieri in Russia. C’è più un generico bisogno che una domanda strutturata. La mentalità russa fa sì che si preferisca usare attori locali. Non è che non vogliano attori stranieri, ma non si rivolgono loro con facilità”, ha detto Winn, che studia alla Moscow Film School con Ingeborga Dapkūnaitė, attrice lituana di spicco nell’industria cinematografica russa.

“Detto questo, ultimamente ho iniziato a vedere sempre più attori stranieri in televisione e nei film”, ha aggiunto Winn, il quale pensa che la chiave di questo problema di accessibilità limitata dall’esterno sia che il mercato cinematografico russo al momento non sta cercando di diventare internazionale, concentrandosi invece sul pubblico domestico. 

Gli attori stranieri non sono preoccupati di apparire in film di propaganda? 

Affrontiamolo il problema: alcuni film russi contengono elementi di propaganda. Che si tratti di un film di guerra o di un dramma sportivo, un elemento di autocompiacimento e vanteria è destinato a esserci. In molti casi, i principali antagonisti sono gli americani, ed è qui che gli attori stranieri tornano utili. Ma non hanno problemi di coscienza a impersonare tali ruoli? 

“Alcuni dicono che ‘Going Vertical’ abbia una leggera prospettiva anti-americana. Ma in ogni film in cui si parla di un successo nazionale, sia nel settore militare o, come in questo caso, sportivo, c’è sempre la prospettiva di quel Paese. Può anche avere un certo grado di antiamericanismo, ma più del tipo Ehi, abbiamo vinto noi la partita!”, ha detto Salway. 

“Tutta la cultura dell’intrattenimento è una forma di propaganda. Ecco perché esiste”, dice invece Cook, che in passato ha interpretato un debole capo della Cia in una serie televisiva russa.

 

Quando Richard Gere voleva interpretare Pushkin in un film russo, non sapendo che era mulatto 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie