Le sette più belle chiese cattoliche e protestanti della Russia

Legion Media
La religione prevalente in Russia è l’Ortodossia, per cui le chiese degli altri culti cristiani sono perle rare, ma spesso dei veri capolavori architettonici

Cattedrale dell’Immacolata Concezione – Mosca

La più grande chiesa cattolica della Russia, la Cattedrale dell’Immacolata Concezione, fu costruita all’inizio del XX secolo grazie a donazioni dalla diaspora polacca. Riuscì a sopravvivere alla persecuzione bolscevica e alle campagne anti-religiose. Oggi è il centro di preghiera principale per i cattolici nella capitale russa. 

Chiesa anglicana di Sant’Andrea – Mosca

Questo edificio gotico vittoriano sembra assolutamente fuori contesto nel complesso architettonico di Mosca. Nel periodo sovietico, grazie alla sua ottima acustica, la chiesa anglicana di Sant’Andrea fu utilizzata dall’etichetta discografica di Stato “Melodija” come studio di registrazione. Su richiesta personale della regina Elisabetta II, nel 1994, il presidente Boris Eltsin restituì l’edificio alla locale comunità di expat inglesi.

Chiesa cattolica del Santo Rosario – Vladimir (185 km a nordest di Mosca)

All’inizio del XX secolo, i rivoluzionari russi usarono questa chiesa, costruita dai polacchi tra il 1892 e il 1894, per tenere riunioni segrete, camuffandosi da parrocchiani. Ecco perché, quando i bolscevichi presero il potere nel 1917, non distrussero la chiesa del Santo Rosario, e la lasciarono pure in funzione fino al 1930, quando fu chiusa (il parroco finì nel gulag delle Solovkì) e il campanile venne trasformato in antenna per le trasmissioni radio. È tornata al culto negli anni Novanta. 

Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo – Mosca

Una delle più antiche chiese protestanti della Russia, la Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo, fu costruita nel 1905. In epoca sovietica, la cattedrale era utilizzata come cinema, così come per i Diafilm (un tipo di proiezione sovietica più rudimentale), il che portò alla distruzione dell’interno originale. L’aspetto storico è stato restituito alla cattedrale solo nei primi anni Duemila. 

Chiesa del Sacro Cuore – Samara (1.050 km a sudest di Mosca)

Questa chiesa cattolica nella città di Samara, sul fiume Volga, contiene alcune delle sacre reliquie di Martino de Porres, il primo santo nero nelle Americhe,  patrono dei barbieri e dei parrucchieri e, in Perù, della giustizia sociale.

Chiesa evangelica luterana di San Paolo –Vladivostok (9.135 km a est di Mosca)

Nel periodo sovietico, la chiesa fu sede del Museo storico navale della Flotta sovietica del Pacifico. Una coppia di cannoni fu posta ai lati del portale d’ingresso e un busto di Lenin si ergeva sull’altare. Oggi la chiesa riceve aiuti economici dal governo tedesco, che l’ha riconosciuta come parte del patrimonio tedesco all’estero. 

Chiesa della Nostra Signora dell’Assunzione –Kursk (530 a sud di Mosca)

Come gran parte delle altre chiese della Russia, anche questa fu saccheggiata durante la Rivoluzione del 1917. Tuttavia, nel 2000, un certo Albert restituì alla chiesa tre icone e una croce, parte dei tesori perduti. Ha raccontato che suo padre li aveva segretamente nascosti durante il caos rivoluzionario, e ha detto che ora potevano essere riportati al loro posto. Il destino degli altri cimeli rubati, tuttavia, rimane sconosciuto.

 

Sette cupole russe che vi faranno sentire in paradiso 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie