Cinque scrittori occidentali influenzati da Dostoevskij

Pavel Balabanov/Sputnik
Il grande autore russo del XIX secolo ha avuto un forte influsso su pensatori come Nietzsche e su tanti uomini di lettere e di filosofia, americani ed europei. Scopri quali

Cosa può essere più importante per uno scrittore del riconoscimento da parte di qualcuno autorevole e famoso? Sigmund Freud, il pioniere della psicoanalisi, ammise che il suo metodo non era applicabile ai personaggi dei libri di Fedor Dostoevskij.
Kafka sentiva un profondo legame con Dostoevskij, e con passione leggeva brani di “L’adolescente” al suo amico Max Brod, che in seguito scrisse che il quinto capitolo del romanzo influenzò molto lo stile di Kafka.
James Joyce elogiò Dostoevskij: “... è l’uomo che più di ogni altro ha creato la prosa moderna e l’ha portata allo stato attuale”.
Virginia Woolf ha scritto che i romanzi di Dostoevskij sono “mulinelli ribollenti, tempeste di sabbia che girano, trombe marine che fischiano e ci risucchiano. Sono composte esclusivamente e interamente dalla sostanza dell’anima. Contro la nostra volontà siamo attratti, girati, accecati, soffocati, e allo stesso tempo riempiti di un’estasi vertiginosa”.
Gabriel García Márquez e Haruki Murakami erano fan di Dostoevskij in gioventù. Probabilmente l’unico scrittore che non ha riconosciuto la grandezza di Dostoevskij è stato Vladimir Nabokov.
Sappiamo con certezza che Charles Dickens (nove anni più vecchio di lui) ha avuto una grande influenza su Dostoevskij. A sua volta, lo scrittore più cupo della letteratura russa ha avuto un impatto fondamentale sulla visione del mondo di molti autori successivi. Diamo un’occhiata a questa lista.

1. William Faulkner

Diversi libri hanno studiato il fascino di Faulkner per Dostoevskij. Il romanziere americano ha menzionato lo scrittore russo come una delle sue principali ispirazioni letterarie, accanto alla Bibbia e a Shakespeare. A influenzarlo sono stati soprattutto “I fratelli Karamazov”; un libro che ha riletto spesso. Scrisse anche al poeta Hart Crane che la letteratura americana non ha nulla di paragonabile a questo romanzo.
“Come Dostoevskij, Faulkner era interessato a studiare la crisi di una personalità che si trovava in mezzo alla crisi della società”, ha scritto l’esperto di Faulkner Robert Hamblin. Una famiglia casuale descritta da Faulkner simboleggia gli stati d’animo e le condizioni dell’intera nazione (del Sud americano, per essere più precisi), così come i personaggi di Dostoevskij, sempre a un bivio di moralità, fede ed emozioni.

2. Friedrich Nietzsche

Gli esperti considerano le “Memorie dal sottosuolo” di Dostoevskij come il diario di un uomo pazzo e uno dei primi esempi di esistenzialismo. E anche se Søren Kierkegaard è il padre della filosofia moderna, il romanziere russo ha avuto una grande influenza sulla maggior parte delle sue menti più brillanti, come Jean-Paul Sartre e Friedrich Nietzsche, che ha definito “Memorie dal sottosuolo” un lavoro psicologico magistrale.
Nietzsche aveva un grande interesse per la letteratura russa e leggeva Pushkin, Lermontov e Gogol. Ha definito Dostoevskij una delle scoperte più felici della sua vita. “Conosci Dostoesvkij? A parte Stendhal, nessuno è stato una così bella sorpresa per me e nessuno mi ha fatto tanto piacere. È uno psicologo con cui trovo un terreno comune.”
C’è una leggenda secondo cui Nietzsche avrebbe persino letto il romanzo di Dostoevskij “Umiliati e offesi” con le lacrime agli occhi, e quello che sappiamo per certo è che il filosofo tedesco espresse il più profondo rispetto per Dostoevskij dopo aver letto questo libro.
Ci sono prove che Nietzsche avesse familiarità anche con “Delitto e castigo”, “L’Idiota” (la sua teoria dell’Anticristo è un opposto del principe Myshkin) e “Memorie dalla casa dei morti” (non era soddisfatto del pessimismo russo).

3. Jean-Paul Sartre

“Dostoevskij scrisse una volta: ‘Se Dio non esistesse, allora tutto sarebbe permesso,’ e questo per l’esistenzialismo è il punto di partenza”, si legge nel lavoro filosofico simbolo di Sartre, “L’esistenzialismo è un umanismo”. La frase sintetizza le opinioni anticlericali di Ivan Karamazov. Nell’interpretazione di Sartre ciò significa che se Dio non esistesse, allora gli umani sarebbero responsabili di tutto, senza alcuna possibilità di chiedere il perdono.
La letteratura russa stava cercando la chiave per comprendere gli umani molto prima che comparisse l’esistenzialismo. Dostoevskij mise in primo piano questa ricerca di significato e cercò di risolvere il mistero della responsabilità, tra se stessi e Dio, nei personaggi di Raskolnikov in “Delitto e castigo”, di Stavrogin ne “I Demoni” e di Ivan Karamazov ne “I fratelli Karamazov”.
Tuttavia, la fede è la risposta principale di Dostoevskij a tutte le domande, cosa che è in contrasto con l’esistenzialismo occidentale.

4. Ernest Hemingway

L’atteggiamento di Hemingway nei confronti di Dostoevskij si legge in “Festa mobile”. “In Dostoevskij c’erano cose da credere e cose da non credere, ma alcune così vere da cambiarti mentre le leggevi; fragilità e follia, cattiveria e santità e l’insania del gioco, ti balzavano agli occhi come il paesaggio e le strade in Turgenev, e il movimento delle truppe, il terreno e gli ufficiali e gli uomini e i combattimenti in Tolstoj”.
Dopo tale elogio, tuttavia, l’autore ha espresso una controversa critica: “Come può un uomo scrivere così male, così spaventosamente male, e comunicarti delle sensazioni così profonde? ”
Molti esperti russi sospettano che Hemingway fosse solo geloso.

5. Orhan Pamuk

Pamuk ammette che Tolstoj sia un romanziere più magistrale, ma personalmente è stato molto più influenzato dal Dostoevskij politico. Una volta, durante un ciclo di conferenze a San Pietroburgo, Pamuk ha affermato che quando ha letto per la prima volta “I fratelli Karamazov”, ha capito che la sua vita era completamente cambiata. Pamuk sentiva persino che Dostoevskij gli stesse parlando direttamente, rivelandogli qualcosa sulle persone e sulla vita che nessun altro conosce.
All’età di vent’anni, Pamuk lesse uno dei migliori romanzi politici, “I Demoni”, e ne rimase allo stesso tempo stupito e spaventato. Niente di ciò che aveva letto prima gli aveva fatto una tale impressione. Era scioccato da quanto forte potesse essere la sua passione per il potere e allo stesso tempo era stupito dalla sua capacità di perdonare e dal bisogno di avere fede. La brama di tutte le cose sporche e sante nello stesso momento; questo è ciò che ha fatto riflettere Pamuk profondamente.

Volete capire i russi? Leggetevi queste dieci citazioni di geniali scrittori

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più