Zuppa di noodles e funghi: l'antica ricetta russa dal sapore asiatico

Julia Mulino
Questa zuppa ha almeno 200 anni di storia! Siete curiosi di assaggiarla anche voi? Vi basteranno pochi e semplici ingredienti per portare a tavola un piatto gustoso e originale, anche in versione vegetariana

Questa ricetta è tratta dal famoso libro di cucina di Elena Molokhovets. Anche se ha una storia di 200 anni, è incredibilmente moderna e ricorda un po’ il ramen, il tipico piatto giapponese. 

Si tratta di una zuppa di funghi e noodles (“lapsha”, in russo) fatti in casa. Siccome la zuppa in sé è piuttosto semplice da realizzare, ho deciso di preparare i noodles a mano. E non me ne sono pentita affatto, visto che si fanno in pochi minuti!  

La ricetta originale prevede di preparare un brodo vegetale per i noodles e di far bollire le patate separatamente, così come i funghi secchi, e di aggiungere poi tutti gli ingredienti ai noodles solo alla fine. 

Il motivo per cui mi sono completamente innamorata di questa ricetta è il processo di impiattamento: tutti gli ingredienti formano una sinfonia equilibrata di sapori e consistenze!

L’unica variazione personale che ho apportato è stata l’aggiunta di funghi freschi: li ho cucinati in padella con un soffritto di burro e porro e li ho aggiunti a quelli secchi al momento di impiattare. L’ideale è usare funghi di stagione come finferli o porcini. 

Tradizionalmente la zuppa in Russia è a base di pollo; io ho cucinato questa ricetta sia in versione vegetariana, sia con il pollo. Sono tutte e due fantastiche! Tuttavia, preferisco quella con il pollo, per il suo gusto intenso e saporito.

Volete provare anche voi? 

Ingredienti 

Per i noodles:

  • Farina - 200 gr
  • Uova - 2 pezzi
  • Sale - 1/2 cucchiaino

Per la zuppa:

  • Carota - 1 pz
  • Cipolla - 2 pz
  • Sedano - 2 gambi
  • Porro - 1 pz
  • Patate - 4 pz
  • Porcini secchi - 1/5 tazza
  • Champignons (o porcini freschi) - 300 gr
  • Prezzemolo
  • Alloro - 3 pz
  • Aneto
  • Pepe nero
  • Burro - 30 gr
  • Sale
  • Un pollo intero (per una variante non vegetariana)

Preparazione

1. Per preparare i noodles, mettete la farina, le uova e il sale in una ciotola e lavorate l’impasto per circa 15 minuti.

2. Coprite l'impasto con della pellicola da cucina e lasciatelo riposare per 30 minuti.

3. Dividete l'impasto in 4 parti uguali.

4. Stendetelo ricavando quattro fogli sottili (dovrebbero essere leggermente trasparenti). Lasciateli asciugare sul piano di lavoro per circa 15-20 minuti. Assicuratevi che siano asciutti ma ancora elastici: ciò eviterà che si attacchino tra loro mentre li lavorate.

5. Piegate ogni foglio a triangolo.

6. Tagliate la pasta in strisce sottili (di circa 3 mm).

7. Distribuite i noodles su un vassoio e lasciateli asciugare.

8. Se optate per una variante vegetariana, preparate il brodo aggiungendo all’acqua carote, cipolle, sedano e alloro. Lasciate bollire per 30 minuti.

9. Se invece preparate il brodo di pollo, dovrete far bollire l'acqua per circa 2 ore.

10. Trascorso il tempo necessario, togliete le verdure (e il pollo) dal brodo.

11. Tagliate le patate e fatele bollire a parte in acqua leggermente salata. Io ho aggiunto anche una foglia di alloro, un po’ di cipolla e un pizzico di pepe nero per dare più sapore.

12. Fate bollire i porcini secchi con alloro, sale e pepe per circa un'ora; quindi toglieteli e tritateli.

13. Tagliate i funghi freschi e il porro, e friggeteli fino a quando saranno morbidi e dorati. A questo punto tritateli.

14. Portate a ebollizione il brodo vegetale e aggiungete i noodles: saranno pronti in pochi minuti. Impiattate i noodles in un piatto profondo.

15. Aggiungete le patate, i funghi secchi tritati, gli champignon e i porri fritti, le verdure tritate, un po' di burro e pepe nero.

16. Versate il brodo di porcini nel piatto.

17. Buon appetito!  

LEGGI ANCHE: Shchi di primavera: la zuppa della tradizione russa con un tocco di fantasia orientale

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie