Marmellata di rosa canina: un dolce toccasana per l’inverno

Legion Media
Concedetevi attimi di dolce leggerezza con questa confettura ricca di vitamine: ecco la ricetta per una marmellata da preparare in poche mosse

In una giornata di tardo autunno, i rami spogli di rosa canina fanno capolino tra i cespugli del bosco, trasmettendo con le loro bacche rosse una sensazione di allegra spensieratezza. In città è molto difficile trovare queste bacche, ma in aperta campagna è una “sorpresa” piuttosto comune.

Ricordo ancora quando da bambina, durante le influenze invernali, mia mamma mi versava con cura un cucchiaio di sciroppo denso di rosa canina: era così dolce e profumato che sembrava miele! E visto che ci stiamo avviando di corsa verso la stagione più fredda dell’anno, suggerisco di fare scorta di marmellata di rosa canina, sana e gustosa: l’ideale per combattere il raffreddore e rafforzare il sistema immunitario. 

I frutti di rosa canina infatti sono noti per il loro ricco contenuto di vitamina A, E e C e sono particolarmente utili nella prevenzione del raffreddore e dell'influenza. Ecco perché la confettura di rosa canina è considerata tra le più sane e, se preparata correttamente, non è meno delicata e gustosa di altri tipi di marmellata di bacche. 

Quattro consigli per cucinare una marmellata coi fiocchi:

  1. La marmellata raggiunge livelli eccellenti solo se preparata con frutti dello stesso livello di maturità. Ricordate che le bacche ben mature sono più morbide, più dolci e più colorate. 
  1. Il secondo fattore significativo sono gli utensili da cucina: evitate di utilizzare pentole di rame o di alluminio. In questo caso, le migliori sono le pentole smaltate, ma vanno benissimo anche quelle in acciaio inox. Per evitare che la marmellata si bruci, date la preferenza alle pentole con il fondo piatto e spesso e riempitele di circa un terzo, in modo che la frutta si cuocia in modo uniforme. 
  1. In terzo luogo, ci sono alcuni tipi di frutta che richiedono una precottura. La frutta grande come le mele e le pere deve essere scottata o bollita per qualche minuto in acqua bollente prima della cottura. Per evitare che le albicocche e le prugne si “stracuociano”, mettetele a bagno per 5 minuti in una soluzione di bicarbonato. Per mantenere la forma delle bacche e dei frutti con buccia dura (prugne, uva spina, pere, ecc.) ed evitare che la buccia si rompa, prima della cottura punzecchiateli in più punti con uno stuzzicadenti. 
  1. L'ultima cosa, ma non meno importante, è la capacità di determinare il livello di cottura della marmellata: prendete un po’ di marmellata con un cucchiaio e fate colare una gocciolina sull'unghia del pollice: se la goccia rimane rotonda e non cambia forma, la marmellata è pronta. 

Come disse una volta Anton Cechov: “La conoscenza non ha alcun valore se non la si mette in pratica”. Quindi…  rimbocchiamoci le maniche e passiamo al processo di cottura!

Ingredienti:

  • 2 kg di bacche di rosa canina (con semi)
  • 1 kg di zucchero
  • 350 ml di acqua

Procedimento:

  • Rimuovete i semi che si trovano all'interno di ogni bacca di rosa canina. Io personalmente non li ho tolti, perché le bacche che ho raccolto nel bosco erano selvatiche e minuscole, e così ho deciso di non rimuovere i semi. Ma se non utilizzate bacche selvatiche, lavate e asciugate i frutti di rosa canina e poi tagliate le due estremità; apriteli e rimuovete tutti i semini. 
  • Sciogliete lo zucchero in acqua calda, portate a ebollizione mescolando costantemente e versate lo sciroppo caldo in una grande pentola da cucina insieme alle bacche prive di semi. Lasciate riposare la composta fino al giorno successivo. 
  • Il giorno successivo portate a ebollizione il composto e cucinatelo per 5 minuti a fiamma bassa, fino a quando le bacche saranno del tutto morbide. 
  • Sterilizzate i vasetti. Potete farlo in modo classico, con l'acqua: versate l'acqua bollente in un vasetto pulito, chiudetelo con il coperchio e lasciatelo così per 8-10 minuti. Oppure sterilizzateli nel microonde: versate un po' d'acqua (circa ½ pollice) in un vasetto di vetro pulito e mettetelo nel microonde per 2 minuti. 
  • A questo punto riempite i barattoli sterilizzati con la marmellata, lasciando un po' di spazio nella parte alta. Pulite i bordi del vasetto e chiudete con il coperchio, anch’esso sterilizzato, facendo attenzione a non stringere troppo l'anello. Coprite i vasetti con qualche canovaccio per far raffreddare la marmellata lentamente; dopo almeno 12 ore la vostra marmellata di rosa canina sarà pronta per essere conservata o mangiata. 

Priyatnogo appetita! 

LEGGI ANCHE: Passione varenye: quattro modi per preparare la tradizionale confettura russa 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie