Come fare in casa il tipico gelato sovietico al gusto crème brûlée tra due wafer croccanti

Legion Media
Era una vera delizia made in Urss, con il tocco chic di ricordare il celebre dessert francese. Ecco la ricetta

Nei primi anni della sua produzione in Russia, il gelato veniva venduto principalmente da carrettini mobili, all’interno dei quali si utilizzava del ghiaccio secco per mantenere la temperatura necessaria. Non era nemmeno preconfezionato: il gelataio “modellava” manualmente il gelato, spalmandolo all’interno di due fette di wafer, come fosse il ripieno di un panino, o semplicemente lo vendeva a peso.

Più tardi, negli anni Cinquanta, iniziarono ad aprire delle gelaterie, con una loro atmosfera speciale. Andare a un primo appuntamento in gelateria era una cosa comune. Per pochi soldi si potevano avere tre palline di vari gusti: cioccolato, noci, crème brûlée, ecc. Pagando un piccolo extra, ti ci mettevano sopra della marmellata di frutta o o delle scaglie di cioccolato. In quelle gelaterie, di potevano persino trovare prelibatezze come gelato il con lo champagne o con il cognac (ovviamente, le loro versioni made in Urss: lo shampànskoe e il konjàk).

All’inizio degli anni Sessanta, cominciò la produzione di massa, con macchinari per riempire di gelato coppette o cialde di wafer e per fare ghiaccioli.

Il biscotto al gelato al gusto crème brûlée era uno dei preferiti dai sovietici. Era fatto con latte e panna naturali, con l’aggiunta di sciroppo di caramello, e aveva un bel colore tostato. Era racchiuso tra due wafer che rimanevano croccanti e leggeri. Lo sciroppo di caramello era in realtà prodotto con il latte condensato, la sgushjonka, e richiamava il sapore del celebre dessert francese pur conservando il suo carattere russo.

È molto semplice preparare questo gelato a casa. Otterrete un prodotto naturale, gustoso, e con una goccia di nostalgia per le gelaterie sovietiche.

Ingredienti:

Per il gelato:

  • Latte intero – 450 ml
  • Panna – 270 ml
  • Latte condensato – 215 g
  • Zucchero – 60 g
  • Agar agar – 3 g

Per lo sciroppo al gusto crème brûlée:

  • Latte condensato – 50 g
  • Zucchero – 40 g
  • Acqua – 115 ml

Preparazione:

In primo luogo, preparate un caramello. In una piccola pentola unite 15 ml di acqua, zucchero e latte condensato. Accendete il fuoco e, a fuoco medio, mescolate costantemente fino a quando non otterrete un colore marrone caramello e una consistenza densa.

Versate con cura il resto dell’acqua (100 ml) nella pentola con il caramello e portate il composto a ebollizione. Fate bollire e continuate a mescolare fino a quando il denso caramello non si sarà dissolto nell’acqua. Mettete da parte lo sciroppo ottenuto, per raffreddarlo.

Nel frattempo, preparate il gelato. In una pentola di medie dimensioni versate latte, panna e latte condensato. In una piccola ciotola unite lo zucchero e la polvere di agar agar; mescolando il tutto.

Mettete la pentola con i liquidi a fuoco medio e scaldate il composto. Quando la miscela diventa calda aggiungete lo sciroppo al gusto di crème brûlée che avete preparato e girate fino a rendere il tutto omogeneo. Ora, fate sobbollire la miscela, mescolando costantemente, e versate la miscela agar agar (che fa da addensante) e zucchero. Continuate a sbattere per un minuto fino a quando tutte le polveri si saranno disciolte. Togliete la pentola dal fuoco e raffreddate la miscela. Coprite la massa del gelato con una pellicola trasparente in modo che non si formi una pellicina sulla parte superiore, e mettetela in frigorifero per almeno 4 ore a maturare.

Dopo 4 ore posizionate la massa nel congelatore. Tiratela fuori ogni 30 minuti per mescolarla con un cucchiaio in modo che il gelato sia più uniforme, oppure posizionate la massa in una gelatiera, fino al congelamento

Distribuite la massa tra due wafer e lasciatela congelare di nuovo in freezer per almeno un’ora. Buon appetito!


I cinque migliori gelati della Russia da provare almeno una volta nella vita 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie