La Settimana della Cucina Italiana nel mondo scalda i fornelli (e i palati) di Mosca

Legion Media
Degustazioni, master class, incontri e proiezioni cinematografiche per la quarta edizione del festival che punta a promuovere le eccellenze e i prodotti enogastronimici del Belpaese. Tante le iniziative anche in Russia

“Educazione alimentare: cultura del gusto”. È questo il tema della Settimana della Cucina Italiana nel mondo, che si celebra per il quarto anno consecutivo anche in Russia, fino al 24 novembre 2019. 

Il progetto, inaugurato il 10 novembre con la XX Asta Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba, seguita in diretta da Mosca dal Bosco Café, mira a presentare ai russi le tradizioni culinarie del Belpaese, raccontando le eccellenze del territorio e i migliori piatti della cucina italiana, così amati nella Terra dei Cremlini. 

Spazio anche ai vini, con il Festival del Vino Italiano, tenutosi il 14 novembre presso l’Enoteca Azbuka Vkusa di Kutuzovsky Prospekt, seguito dalla conferenza “La Sardegna anche a tavola”, organizzata il 18 novembre all’istituto italiano di Mosca, a cura del giornalista gastronomico Anatoly Ghendin.

L’Ambasciata d’Italia a Mosca ha poi ospitato la Premiazione dei vincitori dell’Ospitalità Italiana, iniziativa organizzata in collaborazione con la Camera di Commercio Italo-Russa e finalizzata alla certificazione dei migliori ristoranti italiani in Russia.

Su il sipario poi sul Festival IKRA Talks (dal 19 novembre), che accoglierà la master class con degustazione dal titolo “Il gelato italiano come idea nazionale dello slow food”, a cura del maestro gelataio Stefano Guizzetti e con la collaborazione dell’Associazione italiana Ambasciatori del Gusto.

Si continua poi all’insegna della dolcezza il 20 novembre alla Libreria Moskva, dove si svolgerà la conferenza “Dolce Italia: i dolci italiani”, a cura della professoressa Barbara Iabichella.

La cucina italiana sarà poi raccontata anche attraverso l’arte cinematografica, con una retrospettiva di film a tema gastronomico intitolata “Cinema nel piatto”, che dal 21 al 24 novembre coinvolgerà non solo la capitale, ma anche altre città della Federazione, come Kazan, Chelyabinsk, Vladivostok, Samara e Novosibirsk.

Gli ospiti di questa edizione della Settimana della Cucina italiana saranno lo chef stellato Mauro Elli del ristorante Cantuccio di Albavilla e Stefano Santo, docenti presso la Scuola Internazionale di Cucina italiana ALMA, istituzione di eccellenza mondiale nella formazione in ambito culinario. 

Il 18, 19 e 22 novembre, gli chef terranno delle master class presso la Novikov School, una delle maggiori scuole d’arte culinaria in Russia, durante le quali condivideranno con gli ospiti alcuni “trucchi” e segreti del mestiere. Il 21 novembre, Mauro Elli e Stefano Santo prepareranno una cena a sei mani insieme allo chef Vladimir Bogozhavets per gli ospiti del ristorante Salon di Mosca. L’arrivo degli chef a Mosca rafforzerà anche il programma di collaborazione tra la Novikov School e ALMA, nell’ambito del quale gli studenti russi avranno regolarmente accesso a master class tenute dai migliori chef-docenti di ALMA, oltre a programmi di scambio e formazione presso la scuola in Italia.  

Dal 20 al 24 novembre, presso la catena di ristoranti “Syrovarnya”, sarà proposto un menu speciale creato appositamente dallo chef Mario Elli per la Settimana della Cucina; inoltre, per l’intera durata della manifestazione, i clienti dei supermercati Azbuka Vkusa di via Arbat, Moscow city e via Ostrivityanova, potranno assaggiare e acquistare alcuni prodotti tipici del Belpaese.

Infine, durante la Settimana della Cucina saranno avviate diverse collaborazioni tra alcuni istituti alberghieri italiani ed enti russi del settore alberghiero e della ristorazione, attraverso seminari e lezioni da parte di docenti italiani nelle scuole russe, laboratori di cucina italiana, concorsi di giornalismo e serate di degustazione di prodotti italiani.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie