Quattro ricette russe per la Quaresima

Getty Images
In attesa della Pasqua, la tradizione prevede un po’ di digiuno a tavola. Dal borsch ai vareniki, ecco alcuni piatti russi della cucina “di magro”

Dall’11 marzo al 27 aprile i cristiani ortodossi celebrano la Grande Quaresima, il periodo che precede la Pasqua. Oltre al raccoglimento spirituale, in queste settimane i fedeli rispettano anche un rigido digiuno. Di seguito vi proponiamo alcune ricette di magro per non farsi mancare il buon gusto a tavola. 

Insalata di fagioli

La ricetta di questa gustosa insalata è tratta dal famoso ricettario sovietico “Il libro del cibo buono e salutare”, pubblicato nel 1964. La sua preparazione è piuttosto semplice: lasciate una tazza di fagioli in ammollo per qualche ora. Scolateli, bolliteli e lasciateli raffreddare. Nel frattempo bollite le carote (2-3 pezzi) e tagliatele a cubetti. Lavate e tagliate anche un gambo di sedano. Mettete tutti gli ingredienti in una ciotola e aggiungete alcune foglie di lattuga. Condite a piacere con sale, pepe, olio e qualche goccia di aceto. 

Borsch magro

Ecco una versione molto più leggera del tradizionale borsch. Iniziate dalla preparazione delle verdure: sbucciate e tagliate a piccoli pezzi le patate (4 pezzi) e le carote (1 pezzo), tritate il cavolo (200 gr) e tagliate a cubetti 1 barbabietola, 1 cipolla, 1 peperone e 3-4 pomodori.

Scaldate un cucchiaio di olio vegetale in una pentola e lasciate appassire i cubetti di barbabietola per 5 minuti. Aggiungete le cipolle e le carote, e cucinate per altri 5 minuti. Quindi aggiungete il peperone e i pomodori, mescolate e lasciate cuocere per altri 5 minuti. A questo punto versate 1 tazza di acqua calda e cuocete il vostro borsch a fuoco basso per 10 minuti.

A parte, fate bollire le patate in acqua salata. Dopo 10 minuti, aggiungete il cavolo e le verdure precedentemente cucinate in padella. Lasciate cuocere per altri 3-5 minuti. Aggiungete un po’ di prezzemolo tritato e uno spicchio d’aglio, sale e pepe a piacere.

Quando la zuppa sarà pronta, lasciatela riposare circa 15 minuti prima di servirla. 

Vareniki con funghi e patate

È sempre la stagione giusta per servire a tavola un piatto di gustosi vareniki! Durante il periodo di digiuno, però, le ricette si presentano più “magre”, senza uova né burro nell’impasto.

Per il ripieno, preparate un purè utilizzando 3-4 patate; quindi soffriggete i funghi e la cipolla tritata in una padella con un cucchiaio di olio vegetale. Aggiungete il purè, salate e pepate a piacere.

Ora preparate l’impasto: in una ciotola versate 4 tazze di farina e aggiungete 1 bicchiere e mezzo di acqua calda, 1 cucchiaino di sale e 2-3 cucchiaini di olio di semi di girasole. Impastate bene. Se necessario aggiungete un altro po’ di farina. Avvolgete l’impasto con della pellicola trasparente e lasciatelo riposare in frigo per 30 minuti.

Tirate l’impasto con un matterello: dovrà avere uno spessore di 2-3 mm. Ritagliate dei cerchi di diametro di circa 7-8 cm.

Sistemate un cucchiaio di ripieno al centro di ogni disco e chiudete i bordi.

Ora cucinate i vostri vareniki in acqua bollente e salata per 5 minuti. Conditeli con cipolle fritte. 

Biscotti di farina d’avena

Ecco un’altra ricetta deliziosa che non prevede l’utilizzo di burro né uova.

Tritate nel frullatore due bicchieri colmi di fiocchi d’avena. Aggiungete 90 gr di zucchero e alcune spezie (per esempio cannella, zenzero macinato, chiodi di garofano o noce moscata). Mescolate e aggiungete 4 cucchiai colmi d’acqua, 4 cucchiai di olio vegetale e 100 gr di farina.

Impastate bene. Dovrà risultare un impasto morbido ed elastico. A questo punto dividetelo in piccoli pezzi e formate delle piccole sfere, appiattitele e cucinatele in forno per 20 minuti a 200 gradi.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie