I panini dolci a forma di cuore: innamoratevi dei pljushki di Mosca

Viktorija Drej
Ogni russo conosce questa bontà dai tempi della scuola, quando rappresentavano la merenda perfetta e onnipresente a ricreazione. Sono un mix di golosità e nostalgia sovietica

Se mi domandaste cosa io ricordi maggiormente degli anni della scuola, vi risponderei le sconvolgenti lezioni di algebra e i pljushki di Mosca. Ogni ricreazione iniziava con questo panino dolce appena sfornato, accompagnato da un bicchiere di latte o di tè. Onestamente, non avrei potuto immaginare uno spuntino migliore. Giorno dopo giorno sfornavano migliaia di pljushki nella nostra mensa scolastica, che si esaurivano in tutta fretta nei primi minuti della lunga pausa tra una lezione e l’altra.

Fondamentalmente, ogni prodotto da forno di pasta lievitata può essere chiamato pljushka. Questi panini dolci sono conosciuti in Russia fin dalla notte dei tempi e hanno preso forme diverse: fiori, uccelli, fiocchi e così via. La leggendaria pljushka di Mosca a forma di cuore è stata creata dagli specialisti sovietici ed è ancora molto amata dai russi.

La variante internazionale più vicina alla pljushka di Mosca è il Franzbrötchen tedesco: i due dolcetti contengono quasi gli stessi ingredienti e sono abbastanza simili nella preparazione e nella forma. Solitamente il Franzbrötchen viene fatto con la cannella, mentre la pljushka di Mosca è generosamente cosparsa di zucchero semolato, e questa è la chiave della sua caratteristica crosticina dolce e croccante. Ciò che rende i pljushki così speciali è la loro consistenza, ben lievitata e deliziosamente soffice. Non c’è davvero nulla di complicato nella ricetta, quindi potete facilmente ricreare questo epico prodotto da forno russo-sovietico nella vostra cucina, usando prodotti molto comuni.

Ingredienti:

  • 150 ml di latte
  • 100 ml di acqua
  • 1 uovo
  • 100 g di zucchero + un po’ per spolverare
  • circa 400 g di farina 00
  • 80 g di burro fuso
  • 7 g di lievito in polvere
  • un pizzico di sale

Preparazione:

Per l’impasto, mescolate il latte caldo e l’acqua in una ciotola. Aggiungete un cucchiaio di zucchero, il lievito e mescolate bene. Lasciate agire per 20 minuti il lievito, in modo che si attivi al meglio. Quindi aggiungete circa la metà del burro fuso, lo zucchero e un pizzico di sale. Sbattete un uovo e aggiungetene 3 cucchiaini alla miscela.

Ora è il momento di impastare: setacciate nel composto la farina poco alla volta, fino a ottenere una consistenza bella ed elastica. Aggiungete più farina nel caso in cui riteniate che l’impasto sia ancora troppo acquoso, ma assicuratevi che non sia troppo denso. Mettete l’impasto in una ciotola trasparente, copritelo con un involucro e lasciatelo in un luogo caldo per un’ora o fino a quando non raddoppia.

Cospargete il tavolo di lavoro con un po’ di farina e dividete l’impasto in 10 parti. Lavoratele in panetti di 15 cm di lunghezza, imburrate la superficie e cospargete di zucchero. Ora dovete creare la forma della pljushka: piegate un lato, poi l’altro, sovrapponendoli.

Quindi piegate in due e fate un taglio a metà. Allargate i lati divisi della pljushka e create la forma del cuore desiderata.

Mettete i panini su una teglia con un pezzo di carta da forno, copriteli con un canovaccio da cucina e lasciateli per 20 minuti, in modo che aumentino di dimensioni. Quindi spennellateli con quanto rimasto dell’uovo sbattuto e cospargeteli di abbondante zucchero semolato.

Cuocete 20-25 minuti a 180 °C fino a quando i pljushki non sono dorati in superficie. Sfornateli, spruzzateli con un po’ di acqua tiepida e lasciateli riposare per 10 minuti: ecco i vostri autentici pljushki di Mosca. Serviteli ancora caldi con un bicchiere di latte freddo. Non ve ne pentirete.

Priyatnogo appetita!

Siete in vena di dolcetti a forma di cuore? Allora provate anche a preparare le girelle alla cannella

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

This website uses cookies. Click here to find out more.

Accept cookies