Coro dell'Armata Rossa in tournée in Italia

30 gennaio 2017 Igor Rozin, Svetlana Borisova, RBTH
Esibizioni a Verona e Torino nell’ottobre 2017. Ma si lavora per organizzare concerti anche in altre città. Nel frattempo a Mosca sono stati selezionati i nuovi cantanti che andranno a sostituire gli artisti morti nella catastrofe aerea del dicembre scorso
Alexandrov Ensemble
Il Coro dell’Armata Rossa durante un'esibizione. Fonte: Global Look Press

Il prestigioso Coro dell’Armata Rossa si esibirà sui palcoscenici italiani nell’ottobre 2017 in occasione del centenario della Rivoluzione d’Ottobre e per ricordare le vittime della catastrofe del Tu-154, l'aereo precipitato nel Mar Nero il 25 dicembre scorso. La notizia è stata resa nota dall’agenzia Tass.

“Abbiamo preso accordi con la direzione dell’ensemble Aleksandrov per una loro tournée dal 2 al 10 ottobre - ha spiegato Roberto Giovanardi, che in Italia organizza esibizioni di artisti russi, come quelli del gruppo di ballo del Teatro Bolshoj e dell’ensemble accademico statale di balli popolari 'Igor Moiseev' -. La tournée si svolgerà in occasione dei cento anni della Rivoluzione d’Ottobre e per ricordare le vittime della catastrofe aerea”.

Secondo Giovanardi, al momento sono previsti concerti a Torino e Verona. “Ma stiamo lavorando per organizzare spettacoli anche a Milano, Genova e Roma”, ha aggiunto.

Il celebre coro russo si era già esibito in Italia nel 2015 alla cerimonia di chiusura del tradizionale Forum Eurasiatico di Verona.

Nel frattempo i cantanti del coro Aleksandrov vittime della catastrofe aerea del 25 dicembre scorso saranno sostituiti da nuovi artisti, selezionati a Mosca dal 19 al 25 gennaio. I nuovi cantanti parteciperanno a un tour in Repubblica Ceca e in Slovacchia nella primavera del 2017. La notizia è stata riferita alla Tass dal solista del coro, Vadim Ananiev. “Serviranno diversi mesi prima che i nuovi componenti imparino il repertorio e studino le canzoni – ha detto Ananiev -. In programma ci sono dei concerti in Repubblica Ceca e in Slovacchia. I biglietti sono già stati venduti e la gente è in attesa di vedere il coro sul palco”.

Secondo Ananiev, che fa parte dell’ensemble da 30 anni, ci vorranno almeno due anni prima che il coro si consolidi e riesca a trovare quella speciale sintonia tra orchestra e solisti che caratterizzava il gruppo prima della catastrofe. 

Il Complesso accademico di canto e ballo "A.V. Aleksandrov" venne fondato nel 1928. Il suo repertorio vanta circa 2.000 canzoni, tra cui brani e balli tradizionali russi, classici di autori russi e stranieri e anche versioni di pezzi pop e rock, come i grandi successi dei Queen e dei Beatles. Il coro si è esibito in oltre 70 Paesi del mondo ed è formato da 180 artisti, 64 dei quali morti durante una catastrofe aerea alla fine del 2016.

Ti potrebbero interessare anche:

Quando Sanremo stregò l’Urss

Le canzoni da conoscere prima di andare in Russia

Gli eroi della Seconda guerra mondiale ora a colori

+
Metti "Mi piace" su Facebook