Traduzioni, premio Read Russia: anche l'Italia in gara

27 luglio 2016 Aleksandra Guzeva, RBTH
Pubblicata la long-list dei candidati per il riconoscimento che verrà assegnato ai migliori traduttori di letteratura russa: fra loro anche tre itailane
Read Russia Prize
Le medaglie per i vincitori del Premio. Fonte: Anatolij Stepanenko

Ci sono anche tre italiane nella long-list dei candidati al Premio “Read Russia” per i migliori traduttori di letteratura russa. Si tratta di Ornella Discacciati, Emanuela Bonaccorsi e Claudia Scandura, con le rispettive case editrici Einaudi, Fandango e Gattomerlino. Il Premio “Leggi la Russia/Read Russia” viene conferito al traduttore o a un gruppo di traduttori che si sono distinti per la migliore traduzione di un’opera in prosa o poesia dal russo in una lingua straniera, edita da una casa editrice straniera nell’arco degli ultimi due anni. Nella stagione 2014-2016 sono state presentate 156 domande da 28 paesi di tutto il mondo.

Per questa edizione del premio nell’elenco figurano 28 traduttori provenienti da 18 paesi diversi. La short-list verrà verrà pubblicata verso la metà di agosto.

Ecco la long-list dei candidati, pubblicata il 25 luglio.

Categoria “Letteratura russa del XIX secolo”

1. Alan Asaad e la casa editrice Ruin Forlag AB per la traduzione de "I racconti di Pietroburgo" di Nikolaj Gogol (Svezia).

2. Rosamund Bartlett e la casa editrice Oxford University press per la traduzione del romanzo "Anna Karenina" di Lev Tolstoj (Gran Bretagna).

3. Nina e Felipe Guerra e la casa editrice Relogio D’Agua Editores per la traduzione dei racconti di Lev Tolstoj.

4. Jorgji Doksani e la casa editrice Uegen per la traduzione de "I fratelli Karamazov" di Fedor Dostoevskij.

5. Dina Markon e Gad Carmel Publishing house per la pubblicazione delle opera filosofiche di Lev Tolstoj (Israele).

6. Feng Nanjiang e la casa editrice Letteratura popolare per la traduzione de "I demoni" di Fedor Dostoevskij (Cina).

7. Michael Pursglove e la casa editrice Alma Classics per la traduzione dei volumi "Fumo e Terra vergine" di Ivan Turgenev.

8. Joaquín Fernandéz-Valdés e la casa editrice Alba per la traduzione del romanzo di Ivan Turgenev "Padri e figli" (Spagna).

9. András Soproni e la casa editrice Syllabux per la traduzione di "Delitto e castigo" di Fedor Dostoevskij (Ungheria).

Categoria “Letteratura del XX secolo” (opere scritte prima del 1990)

1. Selma Ancira e la casa editrice Fondo de Cultura Económica per la traduzione di una raccolta di opere di autori del XX secolo che comprende gli scritti in prosa di Marina Tsvetaeva, Boris Pasternak, Aleksandr Blok, Nikolaj Gumilev, Osip Mandelshtam, Ivan Bunin, Mikhail Bulgakov e Nina Berberova (Messico).    

2. Hülya Arslan e la casa editrice Yapi Kredi Yayinlari per la traduzione del romanzo "Il dottor Zhivago" di Boris Pasternak (Turchia).

3. Odile Belkeddar e la casa editrice Ecole des Loisirs per la traduzione del romanzo breve "Lo stemma d’argento" di Kornej Chukovskij (Francia).

4.  Ornella Discacciati e la casa editrice Einaudi per la traduzione del romanzo "Chevengur" di Andrej Platonov (Italia).  

5.  Jacques Michaut Paterno e la casa editrice Syrtes per la traduzione del libro "Ultime foglie" di Vasilij Rozanov (Francia).;

6. Rosemarie Tietze e la casa editrice Carl Hanser per la traduzione del romanzo di Gayto Gazdanov "Una serata da Claire" (Germania).

7.  Abdullah Hub e la casa editrice Al-Mada per la traduzione delle opere scelte di Mikhail Bulgakov (Iraq).

8. Luba Jurgenson e la casa editrice Heros-Limite per la traduzione del romanzo "Il compagno Kislyakov" di Panteleymon Romanov (Francia).

Categoria “Letteratura russa contemporanea” (opere scritte dopo il 1990)

1. Emanuela Bonaccorsi e la casa editrice Fandango per la traduzione del romanzo "Light head" di Olga Slavnikova (Italia).

2. Alicja Wołodźko-Butkiewicz e la casa editrice Akademickie Sedno per la traduzione delle memorie "Le vie dei generali" di Anatolij Gladilin (Polonia).

3. Ann Koldefi-Fokar e la casa editrice Motif per la traduzione del romanzo breve "L’allegro soldato" di Viktor Astafev (Francia).

4. Melanie Moore e la casa editrice Glagoslav per la traduzione del romanzo di Tatyana Shcherbina "Personalità multiple" (Gran Bretagna).

5. Fernando Otero Macias e la casa editrice Nevskij Prospects per la traduzione della raccolta di racconti di Anna Starobinets "La tiroide di Icaro" (Spagna).

6. Lisa Hayden e la casa editrice Oneworld per la traduzione del romanzo "Alloro" di Evgenij Vodolazkin (Usa). 

Categoria “Poesia”

1. Arie van der Ent e la casa editrice Stichting Uigeverij Douane per la traduzione de "Il demone" di Mikhail Lermontov (Paesi Bassi).

2. Andreja Kalc e la casa editrice Kulturno Umetnisko Drustvo per la traduzione di una raccolta di poemi di Marina Tsvetaeva (Slovenia).

3.  Philip Metres e Dmitrij Psurtsev e la casa editrice Cleveland State University Poetry Center per la traduzione di una raccolta versi di Arsenij Tarkovskij (Usa).

4. Claudia Scandura e la casa editrice Gattomerlino per la traduzione della raccolta di liriche "Ruggine e giallo" di Sergej Gandlevskij (Italia).

5. Wang Tszyanchzao e la Casa editrice di Shangai di letteratura e arte per la traduzione delle liriche di Osip Mandelshtam (Cina).

La short-list verrà pubblicata verso la metà di agosto. I nomi dei vincitori della terza edizione del premio saranno proclamati alla cerimonia solenne di premiazione che si terrà il 10 settembre a Mosca alla Dom Pashkov, dove si svolgerà anche la cerimonia di chiusura del IV Congresso internazionale dei traduttori letterari a cui interverranno oltre 300 traduttori provenienti da diversi paesi del mondo.

Il premio è stato istituito dall’Organizzazione autonoma senza fini di lucro “Institut perevoda” (istituto della traduzione) nel 2011 e viene conferito con cadenza biennale con il patrocinio del “Centro presidenziale B.N. Eltsin” e sotto l’egida dell’Agenzia federale per la stampa e i mass media.

Continua a leggere: 

Il premio Nobel e gli scrittori russi

A braccetto con Dostoevskij per le strade di Pietroburgo

Sulle tracce di Dovlatov

+
Metti "Mi piace" su Facebook