Covid: Gli stranieri bloccati in Russia sono autorizzati a restare per altri 3 mesi

Reuters
Con un decreto presidenziale sono stati prolungati i termini di validità dei documenti fino al 15 dicembre

Il 23 settembre, con un decreto del presidente russo, sono state prolungate di altri 3 mesi le misure temporanee che regolano lo status giuridico dei cittadini stranieri bloccati in Russia per la pandemia.

Vengono quindi sospesi fino al 15 dicembre i termini di validità della residenza temporanea e permanente nella Federazione Russa e della registrazione amministrativa, precedentemente validi fino al 15 settembre. In caso di scadenza, verrà prolungata anche la validità dei documenti di soggiorno temporaneo, incluso il visto, e di soggiorno permanente, incluso il permesso di soggiorno.

In caso di espulsione, deportazione o trasferimento in uno stato straniero in conformità al trattato internazionale sulla riammissione, i cittadini stranieri potranno rimanere nella Federazione Russa per tutta la durata del periodo indicato.



Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie