Kislovodsk si fa bella: la città sulle pendici del Caucaso diventerà un centro turistico alla moda

Il progetto architettonico elaborato da due importanti studi di Mosca punta a trasformare l’antica cittadina della Russia meridionale in una località moderna, valorizzando natura, sport e tempo libero

Benvenuti a Kislovodsk, città della Russia meridionale, nella regione di Stavropol. Questa antica cittadina con 200 anni di storia, racchiusa tra le montagne del Caucaso e bagnata dalle sorgenti d’acqua termale di Narzan, accolse i poeti Aleksandr Pushkin e Mikhail Lermontov, lo scrittore Lev Tolstoj e il cantante Fyodor Shalyapin, che trascorsero qui le loro vacanze estive. 

Alla fine di luglio, gli architetti dello studio Strelka KB di Mosca e del Fondo Dom.RF hanno presentato un piano strategico per trasformare Kislovodsk in una moderna città sportiva, entro il 2030. Date un'occhiata a come cambierà nei prossimi 10 anni!

1 / Un nuovo centro acquatico

La natura di Kislovodsk è composta prevalentemente da foresta e montagne; unico grande assente, il mare. Ma per chi sogna di farsi una nuotata senza dover prendere l’aereo, nella zona est della città verrà costruito un nuovo complesso acquatico multifunzionale con diverse piscine, un centro termale e zone ricreative. 

2 / Una città di sport e turismo

Gli architetti hanno invitato gli abitanti locali a condividere idee e spunti, e hanno raccolto più di 500 suggerimenti con i quali promettono di trasformare la città in una nuova attrazione turistica: un punto di riferimento non solo per il turismo legato al settore sanitario, ma anche per gli sportivi e gli uomini e le donne d’affari.

Coloro che amano le escursioni a piedi e in mountain bike potranno godere di oltre 35 chilometri di nuove piste ciclabili e pedonali nel parco nazionale della città, e la lunghezza dei sentieri turistici già esistenti sarà raddoppiata.

3 / Salvaguardare le bellezze architettoniche

Nei prossimi anni verranno ristrutturate circa 180 facciate di edifici storici del centro. Il restauro seguirà ovviamente dei criteri e delle linee guida comuni, per riportare all’antico splendore, in forma armonica, le vie cittadine.

4 / Riprogettare gli ingressi del parco

Il fiore all’occhiello della città è il parco nazionale di Kislovodsk, caratterizzato da una fitta macchia boschiva, da un viale pedonale, aree commerciali e ristoranti. I 21 ingressi al parco verranno ristrutturati e ammodernati. 

5 / Il monumento di benvenuto

Procedendo in auto lungo Viale Pobedy (della Vittoria), la strada principale di Kislovodsk che collega le zone residenziali al centro storico, incrocerete un enorme monumento in stile futuristico, inserito nel progetto architettonico.

6 / Nuove attività in un nuovo parco

Intorno al fiume Alikonovka nasceranno nuovi punti per il relax e l’attività sportiva: un parco avventura, percorsi per mountain bike, campi da gioco per bambini e nuovi argini lungo il fiume.

7 / Divieto di transito alle auto

Secondo la concezione russa, Kislovodsk è una piccola cittadina: qui vivono “solo” 130.000 persone e non c'è bisogno di un’auto per spostarsi da un luogo all'altro. Inoltre la città è circondata da zone montuose e macchie boschive: basti pensare che solo il territorio del parco occupa una superficie di 996 ettari! Per questo si punta molto sulla salvaguardia dell’ecologia e dell’ecosistema. Gli urbanisti hanno quindi deciso di limitare l’ingresso alle auto, imponendo lo stop soprattutto ai veicoli più vecchi che non corrispondono alla classe Euro 5. In città nasceranno poi punti noleggio per scooter e biciclette.

8 / Più bar, meno parcheggi

Vicino alla cattedrale Nikolskij, nel cuore della città, spunteranno nuovi e ampi marciapiedi con moderni ristoranti, bar e zone turistiche. Gli edifici oggi in stato di abbandono saranno trasformati in alberghi e pensioni. Inoltre sorgerà una funivia che collegherà questo quartiere con i punti panoramici più alti del parco.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie