Rospotrebnadzor propone di riprendere i voli aerei verso 13 paesi: nella lista c’è anche l'Italia

Ramil Sitdikov/Sputnik
La lettera è stata inviata all'Agenzia federale dei trasporti aerei e al Ministero russo dei trasporti

Rospotrebnadzor, il Servizio russo per la protezione dei diritti dei consumatori e del benessere umano, ha proposto di riprendere i voli verso 9 paesi europei e 3 extra UE; fra essi, si cita anche l’Italia. Lo riporta l’agenzia RBK. Tra i paesi presi in considerazione ci sono Italia, Regno Unito, Ungheria, Germania, Danimarca, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia e Finlandia, oltre a Cina, Mongolia, Vietnam e Sri Lanka.

La proposta è stata avanzata in una lettera del vicecapo di Rospotrebnadzor, Mikhail Orlov, inviata l’8 luglio all'Agenzia federale dei trasporti aerei e al Ministero russo dei trasporti. Secondo quanto si apprende, il suggerimento sarebbe arrivato dopo la valutazione della situazione epidemiologica in questi 13 paesi, che sarebbero stati classificati come “conformi ai parametri richiesti per riprendere il traffico aereo”.

Al momento si tratta solo di una proposta e non è stata presa alcuna decisione sulla ripresa del traffico aereo. 

La portavoce del Ministero russo degli Esteri Maria Zakharova ha confermato a RBK che il dicastero sta portando avanti lo studio dei paesi con i quali sarà possibile riattivare i voli in una prima fase.


Continua a leggere: Che futuro attende le compagnie aeree russe dopo la crisi del Covid-19? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie