Il doppio miracolo della chiesa in legno di San Giovanni il Teologo a Bogoslov

Il primo miracolo è quello per la quale fu costruita: un’apparizione mistica avuta da Abramo di Rostov, impegnato a cristianizzare le terre pagane. Il secondo è l’incredibile stato di conservazione di questo gioiello dell’architettura lignea, nonostante le tante turbolenze della storia

Bogoslov (vicino a Rostov Velikij). Chiesa lignea di San Giovanni il Teologo sull’Ishnja. Vista sud. 8 luglio 2019

Il minuscolo villaggio di Bogoslov (7 abitanti all’ultimo censimento), alla periferia occidentale di Rostov Velikij, è già bello di per sé, ma è noto soprattutto per la chiesa in legno di San Giovanni il Teologo. Questo straordinario monumento fu costruito alla fine del XVII secolo per commemorare un’apparizione di San Giovanni avuta da Sant’Abramo di Rostov secoli prima. Nel 1911, il chimico e fotografo russo Sergej Prokudin-Gorskij si recò qui per fotografare il monumento usando il suo speciale procedimento pionieristico di fotografia a colori (si veda il paragrafo a fondo articolo).

Chiesa di San Giovanni il Teologo sull’Ishnja. Vista sud-ovest. Estate 1911

Un santo medievale

Tra gli storici, c’è divergenza di opinioni sull’identità di Abramo e sulle date della sua vita. Tuttavia, la Chiesa ortodossa lo considera uno dei suoi primi primi missionari. Fu canonizzato presumibilmente durante i Makarevskie sobory, dei Concili locali della Chiesa Ortodossa Russa convocati dal metropolita Macario di Mosca nel 1547 e 1549.

Chiesa di San Giovanni il Teologo sull’Ishnja. Vista sud-ovest. 8 luglio 2019

Secondo i resoconti sulla sua vita autorizzati dalla Chiesa, l’attività missionaria di Abramo si sviluppò nei decenni successivi alla cristianizzazione della Rus’ di Kiev, avvenuta nel 988. Alla fine, si diresse verso l’insediamento di Rostov e costruì una capanna sulla riva meridionale del Lago Nero.

Chiesa di San Giovanni il Teologo sull’Ishnja. Vista sud-est. 8 luglio 2019

A quel tempo, la popolazione locale consisteva in un miscuglio di popoli ugro-finnici che adoravano gli dei pagani. Secondo i resoconti popolari, un idolo di pietra maestoso del dio Veles si trovava vicino al Lago Nero ed era ampiamente venerato.

Tormentato dal compito improbo di contrastare la fede nell’idolo, Abramo ebbe una visione di San Giovanni, che gli diede un bastone miracoloso incoronato da una croce. Con questo bastone, Abramo fu autorizzato a rovesciare l’idolo di pietra e convertire i suoi adoratori alla fede cristiana.

Una struttura imponente

In commemorazione di questo trionfo, si dice che abbia fondato il Monastero dell’Epifania (in seguito chiamato Monastero dell’Epifania di Sant’Abramo) nel luogo in cui si trovava l’idolo.

Chiesa di San Giovanni il Teologo sull’Ishnja. Vista nord-est. Estate 1911

Nel XVI secolo, il Monastero dell’Epifania aveva acquisito il diritto di gestire un rudimentale traghetto a pedaggio sul fiume Ishnja, lungo quella che allora era la strada per Mosca. È probabile che le precedenti chiese di legno si trovassero sul sito della visione di Abramo su questo percorso. Alcune leggende affermano che sia stato lo stesso Abramo a fondare la chiesa.

La struttura in tronchi che esiste oggi fu costruita nel 1687-89 da Gerasim, archimandrita (abate) del Monastero dell’Epifania di Sant’Abramo. La struttura principale sale in una sequenza insolita da un’alta base quadrata a un livello ottagonale che sostiene un più piccolo livello esagonale incoronato da una cupola. Il nucleo centrale è rinforzato a contrafforte da due estensioni. Quella a est contiene l’abside con l’altare, mentre l’estensione ovest funge da vestibolo.

Chiesa di San Giovanni il Teologo sull’Ishnja. Vista nord. 21 maggio 1996

Le estensioni culminano in magnifici timpani a “botte” (bochka), ricoperti con scandole di pioppo argentato. A causa delle difficoltà di mantenimento delle scandole scolpite, la parte superiore del frontone era protetta da un tetto di assi.

Con una soluzione tipica in tali chiese a più livelli, il livello principale era elevato a circa tre metri dal livello del suolo. Tra le altre funzioni, questo faceva sì che il piano principale fosse più in alto dei cumuli di neve durante l’inverno.

La facciata ovest era contrassegnata da una scalinata coperta per le gallerie e il vestibolo. I lati nord e sud erano fiancheggiati da gallerie chiuse sostenute da file di tronchi estesi (a sbalzo). Le riparazioni del 1894 portarono alla rimozione della galleria sud a causa del suo stato fatiscente. La galleria nord fu preservata e sostenuta da un pilastro di mattoni. Le pareti di tronchi furono coperte con rivestimenti di assi e dipinte di rosso scuro durante questo periodo.

Chiesa di San Giovanni il Teologo sull’Ishnja. Angolo nord-ovest con galleria nord. 8 luglio 2019

L’attuale campanile esagonale fu aggiunto all’inizio del XIX secolo. In una certa misura, la sua altezza e la sua sommità con le campane impediscono una percezione dell’unità della forma originale della chiesa.

La vista a sud-ovest della chiesa di Prokudin-Gorskij mostra il vestibolo e le gallerie annesse, nonché la scala coperta che scende verso l’ingresso sotto il campanile. Le mie fotografie del 1997 e del 2019 mostrano l’esterno conservato nei suoi elementi essenziali.

Immagini di arte perduta

Prokudin-Gorskij ha anche fotografato l’interno con la sua ricca gamma di arte religiosa. Sfortunatamente, questo spazio è ora privo della maggior parte dei suoi arredi, come risulta dalle mie recenti fotografie.

Chiesa di San Giovanni il Teologo sull’Ishnja. Interno, vista a est con iconostasi e porta reale (copia dell’originale). 8 luglio 2019

Il più importante tra questi manufatti religiosi era la porta reale, che fungeva da ingresso principale all’altare attraverso l’iconostasi. Questa creazione, elaboratamente scolpita, che brilla al centro di due fotografie di Prokudin-Gorskij, fu originariamente realizzata nel 1562 dal monaco Isaia per il monastero dell’Epifania di Sant’Abramo. Con la costruzione della Chiesa di San Giovanni il Teologo sull’Ishnja alla fine del XVII secolo, la splendida porta reale fu donata dal monastero alla chiesa, dove venne posta al centro dell’iconostasi. I suoi medaglioni dipinti includono raffigurazioni dei quattro Evangelisti.

Chiesa di San Giovanni il Teologo sull’Ishnja. Interno, con iconostasi e porta reale (copia dell’originale). Estate 1911

Tuttavia, la Porta Reale che appare al centro delle due viste interne di Prokudin-Gorskij è una copia. Alla fine del XIX secolo, l’originale venne riconosciuto per la sua superba maestria e fu trasferito al Museo del Cremlino di Rostov Velikij, di recente istituzione, dove si può vedere ancora oggi. In cambio, una riproduzione del manufatto fu collocata nella chiesa sull’Ishnja.

Museo del Cremlino di Rostov Velikij. Iconostasi originale della metà del XVI secolo con porta reale scolpita, collocata nella Chiesa di San Giovanni alla fine del XVII secolo. 5 luglio 2019

Nella fotografia di Prokudin-Gorskij è anche visibile un grande crocifisso ligneo. Sebbene non visibile ai visitatori, oggi si trova, danneggiato, nell’abside della chiesa, dove sono stato in grado di fotografarlo. Negli ultimi anni i restanti arredi della chiesa sono stati trasferiti al Museo di Rostov per proteggerli da incendi e furti.

Chiesa di San Giovanni il Teologo sull’Ishnja. Interno, vista est con iconostasi e crocifisso ligneo (a destra). Estate 1911

Poco dopo il lavoro di Prokudin-Gorskij, la Chiesa di San Giovanni sull’Ishnja fu visitata dall’imperatore Nicola II e dalla sua famiglia durante il loro breve soggiorno a Rostov alla fine di maggio del 1913. Questo evento faceva parte del viaggio della famiglia reale a Kostromà in occasione della celebrazione del tricentenario della fondazione della dinastia Romanov.

Chiesa di San Giovanni il Teologo sull’Ishnja. Interno, abside (spazio dell’altare) con crocifisso ligneo visibile nella fotografia di Prokudin-Gorskij. 8 luglio 2019

La Chiesa di San Giovanni sull’Ishnja è ora sotto la tutela del Museo di Rostov ed è visitabile durante i mesi estivi. Vista la sua costruzione in legno e le turbolenze del secolo scorso, lo stato di conservazione di questa chiesa dedicata a una visione miracolosa è a sua volta un miracolo.

Chiesa di San Giovanni il Teologo sull’Ishnja. Vista est. 8 luglio 2019

***

Prokudin-Gorskij, il suo metodo e la sua eredità

Nei primi anni del XX secolo il fotografo russo Sergej Prokudin-Gorskij (1863-1944) inventò un complesso procedimento per ottenere fotografie a colori. Tra il 1903 e il 1916 viaggiò per l’Impero Russo e scattò oltre 2.000 foto con il nuovo metodo, che comprendeva tre esposizioni su una lastra di vetro. Nell’agosto del 1918 lasciò la Russia con gran parte della sua collezione di negativi su vetro e si stabilì in Francia. Dopo la sua morte, a Parigi, nel 1944, i suoi eredi vendettero la collezione alla Biblioteca del Congresso Usa. All’inizio del XXI secolo, la Biblioteca del Congresso ha digitalizzato le immagini di Prokudin-Gorskij, rendendo le foto pubblicamente e gratuitamente disponibili al pubblico mondiale. Un gran numero di siti russi ora ha una copia della collezione. Nel 1986 lo storico dell’architettura e fotografo William Brumfield organizzò la prima mostra delle foto di Prokudin-Gorskij alla Biblioteca del Congresso. In un lungo periodo di lavoro, cominciato agli inizi degli anni Settanta del Novecento, Brumfield ha rifotografato la gran parte dei luoghi visitati da Prokudin-Gorskij. Questa serie di articoli mette a confronto questi complessi architettonici a circa un secolo di distanza.

Il Giudizio Universale negli affreschi della Chiesa del Salvatore di Rostov 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie