A Mosca c’è una chiesa che sembra un castello della Disney

La tenuta Bykov è uno dei luoghi più misteriosi e affascinanti della città: il posto ideale dove scattare il selfie perfetto

A prima vista questo palazzo sembra un meraviglioso castello disegnato dalla Disney...

Ma non aspettatevi di incrociare Cenerentola!

Non si tratta di un castello, ma di una chiesa ortodossa. Questo edificio unico e originale, disposto su due piani, si trova nella periferia di Mosca.

La Chiesa di Vladimir della tenuta Bykov - questo il nome dell’edificio - è stata costruita in stile pseudogotico nel 1789.

Non lontano da lì si trova la tenuta Vorontsov-Dashkov, dove viveva il governatore di Mosca Mikhail Izmailov insieme alla sua famiglia. Fu lui a volere la costruzione di questa chiesa, eretta in ricordo della moglie defunta.

Non è noto il nome dell’architetto che lavorò al progetto; secondo alcuni storici, la Chiesa sarebbe stata disegnata da Vasily Bazhenov, colui che progettò anche la Casa Pashkov, non lontano dal Cremlino, il complesso di tenute di Tsaritsino e il castello Mikhailovksij a San Pietroburgo.

La parte principale della chiesa è dedicata all'icona di Vladimir della Madre di Dio, tra le più venerate in Russia. Al piano terra si trova invece un santuario in onore della Natività di Cristo.

Negli anni '30 le autorità sovietiche chiusero il santuario, che fu trasformato prima in colonia per bambini, poi in una scuola per operai e infine in una fabbrica tessile. A seguito di tutte queste trasformazioni, le decorazioni interne furono profondamente danneggiate.

Nel 1989 l’edificio tornò a svolgere il ruolo di chiesa e oggi vengono celebrate funzioni ogni giorno.

Questa parte dell’edificio fu costruita da Bazhenov.

In epoca sovietica qui fu allestito un sanatorio per i malati di tubercolosi; oggi la tenuta è in stato di abbandono e attira appassionati di Instagram che accorrono alla ricerca del selfie perfetto.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie