L’isola di Petrov: le Maldive russe ai confini del mondo

Sergej Orlov/VL.RU
Sabbia bianca e mare cristallino: il paradiso nascosto (e sconosciuto) tra le acque del Mar del Giappone

Benvenuti sull’isola di Petrov: questo isolotto circondato dal Mar del Giappone, largo solamente un chilometro e situato all’estremità della Russia, prende il nome dall’ufficiale russo del XIX secolo Aleksandr Petrov.

L’isola è stata scoperta nel 1860 durante una spedizione russa. Alla fine del XX secolo è entrata a far parte della riserva naturale di Lazovsky, nel Territorio del Litorale.

Secondo la leggenda, i tassi (alberi dell’ordine delle conifere), sono stati piantati qui mille anni fa dai pirati cinesi che usavano l’isola per realizzare cerimonie religiose.

Il legno del tasso era molto prezioso e veniva utilizzato come moneta di scambio.

Sull’isola di Petrov non troverete un solo albero dritto: per secoli infatti i tassi sono stati esposti ai forti venti marittimi e oggi i loro tronchi e i rami disegnano spettacolari forme ricurve.

Salendo sul punto più alto dell’isola, si capisce immediatamente perché per secoli è stata utilizzata come fortezza inespugnabile: le rocce, alte e appuntite da un lato, e il mare impetuoso dall’altro, impedivano agli estranei di entrare.

La terraferma sembra a due passi... ma si tratta di una semplice illusione: soprattutto con il maltempo, è difficile raggiungere le coste più vicine.

Sulla terraferma di fronte all’isola si trova la Singing Sand Bay, la Baia della sabbia che canta: un luogo magico che deve il suo suggestivo nome al fatto che, camminando sulla sabbia bianca, i granelli producono un leggero fischio.

Il mare qui ha un colore sorprendente e spazia dalle tonalità del verde e dell’azzurro. Un vero paradiso per gli amanti del sole e della spiaggia!

Questi luoghi magici sono visitati ogni anno solamente da un paio di migliaia di visitatori: raggiungerli infatti non è semplice: situata a 300 km a est di Vladivostok, l’isola prevede un ingresso a pagamento e per visitarla è necessario richiedere il permesso per accedere alla riserva naturale.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie