Aeroporto Malpensa, parte il progetto “Russian Friendly”

Mailander00/Wikipedia
Nuova accoglienza e maggiori indicazioni in cirillico per far sentire “a casa” i passeggeri dell’est

L’aeroporto Malpensa parla russo. E punta a far sentire “a casa” i passeggeri dell’est. Nello scalo internazionale è stato avviato il progetto “Russian Friendly”, un’iniziativa pensata da Sea in collaborazione con la Camera di Commercio Italo-Russa (CCIR).

L’obiettivo è quello di migliorare l’esperienza in aeroporto dei passeggeri di lingua russa, grazie a una serie di servizi pensati appositamente per loro. Ecco allora che arrivano le figure di shopping helper, per facilitare gli acquisti nell’aeroporto, una maggiore segnaletica in cirillico e i corsi di formazione sulle modalità di accoglienza da adottare nei confronti della clientela russa per gli store manager dei negozi del Terminal 1 di Malpensa. Dall’anno prossimo, poi, il sito internet sarà disponibile anche il lingua russa.

Milano Malpensa è il secondo aeroporto italiano, dopo Roma Fiumicino, per flusso di passeggeri (più di 22 milioni nel 2017), e ora vanta il titolo di primo scalo “Russian Friendly”, in risposta al crescente numero di viaggiatori che volano da e verso la Russia.

Nell’ultimo anno infatti la domanda del traffico da Milano verso la Federazione è cresciuta del 20%, con circa 700mila passeggeri. In particolare, lo scalo di Malpensa, con 5 collegamenti al giorno operati da Aeroflot per Mosca Sheremetyevo (35 a settimana) e 9 settimanali per San Pietroburgo operati da Rossiya Airlines, ha registrato un aumento di passeggeri del 27% verso queste destinazioni nei primi 10 mesi del 2018 rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie