Perché gli zar andavano pazzi per il Lago Elton?

Le sue acque salate sono sempre state considerate un toccasana per molte malattie, e ancora oggi è una meta molto popolare tra i russi

Il Lago Eltòn, il più grande lago salato d’Europa e uno dei più grandi al mondo, si trova nella Russia meridionale, vicino al confine con il Kazakistan.

Il nome del lago deriva dall’espressione in lingua kazaka “Altyn-Nor” (fondo d’oro). Molto tempo fa i nomadi locali usavano il fango ricco di minerali del lago per trattamenti cutanei e per curare le malattie del sistema respiratorio.

Per secoli il Lago Elton è stato il luogo preferito per il riposo dei sovrani e dei governanti russi. Si possono ancora vedere i resti del “bagno” dell’Imperatrice Ekaterina II, Caterina la Grande (1729-1796).

Oggi migliaia di russi e turisti visitano il lago ogni anno per le sue proprietà curative.

Si ritiene che il fango salato curativo del Lago Elton, insieme all’aria salmastra, curi malattie respiratorie e digestive, problemi della pelle e aiuti il sistema nervoso.

In precedenza, il Lago Elton era una delle più grandi fonti di sale della Russia. L’attività di estrazione era iniziata nel XVI secolo.

Tuttavia, nel XIX secolo l’estrazione fu interrotta: il sale dell’Elton era considerato troppo amaro e aveva troppe impurità. La gente si rivolse invece al suo vicino meridionale, il Lago Baskunchàk, dove il sale viene ancora estratto ai nostri giorni.

Purtroppo, il lago è profondo solo pochi centimetri, quindi non è adatto per nuotare.

Qualunque cosa cada nelle sue acque si trasforma presto in una scultura di sale bianca, come se fosse congelata.

A metà estate l’acqua del lago diventa rossa a causa delle microalghe Dunaliella salina.

Il Lago Elton è perfetto per le passeggiate, ma assicuratevi di indossare delle scarpette, perché gli aghi di sale aguzzi possono tagliare la pelle.

Tre splendide gite nei dintorni di Volgograd 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie