Mosca cambia volto: i sei principali progetti che trasformeranno la capitale russa

Dal nuovo centro artistico che sorgerà al posto di una vecchia centrale elettrica nel centro della città, alla Disneyland russa con un parco firmato dallo Studio Boeri: ecco come sarà Mosca fra qualche anno

Mosca sta cambiando volto. Si sta trasformando in una città sempre più green, con un occhio sempre puntato alla cultura. Nei giorni scorsi a sud della capitale è stato inaugurato il nuovo parco Tyufeleva Roshcha progettato da Jerry van Eyck. Un’area verde che sorge laddove una volta svettava la vecchia vecchia fabbrica Zil. In questo nuovo spazio c’è ora una “laguna blu”, un laghetto artificiale dalle acque turchesi, e una zona pedonale coperta da una tettoia in legno. Nel parco ci sono anche piste ciclabili, un palcoscenico, un impianto sportivo con attrezzature per il fitness, e bar.

E questo è solo uno dei tanti nuovi progetti che caratterizzeranno la Mosca del futuro.
1 / Centro artistico V-A-C Foundation sul luogo dell’ex centrale elettrica GES-2

Ecco un’altra zona industriale che verrà totalmente riconvertita. La centrale elettrica GES-2 venne costruita all’inizio del Novecento ed è rimasta in funzione per un secolo. L’enorme edificio nel cuore di Mosca verrà ora riconvertito in un centro artistico grazie al progetto del celebre architetto italiano Renzo Piano.

Un’altra ottima occasione per trasformare l’isola Bolotnaya nella SoHo di Mosca (una volta si pensava che la riqualificazione della vicina fabbrica Krasny Oktyabr avrebbe avuto lo stesso impatto, ma la zona alla fine è stata riservata all’intrattenimento e al tempo libero). Il nuovo spazio artistico sarà dedicato a gallerie, workshop, eventi artistici e studi d’arte. La nuova GES-2 aprirà i battenti nel settembre 2019 e l’area sarà attiva al cento per cento nel 2020.
2 / Silhouette Tower nel centro di Mosca

Questo grattacielo rosso brillante, chiamato Silhouette, è stato progettato dallo studio di architettura MVRDV di Rotterdam.
A Mosca lo studio MVRDV sta lavorando alla costruzione di un blocco residenziale di 78 metri all’angolo tra Sadovoye Koltso (l’Anello dei Giardini) e la Prospettiva Akademika Sakharova. Si ritiene che questo nuovo edificio farà bella figura a fianco del palazzo Narkomzem, un monumento all’architettura progettato da Aleksej Shchusev. I due edifici diventeranno la porta d’ingresso simbolica di Mosca.
3 / Lungofiume di Mosca

Il fiume Moscova attraversa la capitale in lungo e in largo con i suoi 220 km di argini. Solamente il 25% di essi, però, è attrezzato a spazio pubblico, dove i moscoviti possono camminare o sedersi a riposare.

Lo studio di architettura russo Project Meganom ha suggerito un piano per ridisegnare totalmente il lungofiume di Mosca con nuovi ponti, piattaforme panoramiche e zone ricreative. Il colossale progetto sarà terminato nel 2035.
4 / Il condominio sospeso

Lo studio svizzero Herzog & de Meuron (che ha progettato la Tate Modern di Londra) firmerà il “condominio sospeso” che presto sorgerà a Mosca. I futuri alloggi di lusso saranno “sospesi” su piloni a 35 metri di altezza: un omaggio alle avanguardie architettoniche di stampo sovietico e ai grattacieli orizzontali.

L’edificio “sorvolerà” un ex birrificio che sarà trasformato in spazi pubblici e ospiterà sale di coworking, un mercato, un parco e un nuovo piccolo birrificio.
5 Il museo Pushkin finisce sottoterra

Il Museo di Belle Arti Pushkin di Mosca si prepara ad occupare un intero quartiere. Uno dei principali musei del paese si appresta infatti a espandersi su larga scala: presto nascerà infatti un’intera cittadella museale, con spazi per la lettura, sale conferenza, eventi all’aperto, negozi e addirittura un ristorante con vista sul Cremlino.

L’edificio principale del museo, in via Volkhonka, sarà collegato ad altri edifici tramite una rete di passaggi sotterranei. Il progetto architettonico prevede che la parte principale dell’edificio del Pushkin finisca sottoterra, per via delle limitazioni legate all’altezza degli edifici in questa zona. La città-museo aprirà nel 2020.
6 L’isola dei sogni

Nel sud di Mosca, nell’area di Nagatinskaya, la Russia sta costruendo la propria Disneyland. I progettisti assicurano che sarà uno dei parchi di divertimento al coperto più grandi al mondo. L’inaugurazione si terrà nel 2018. "Dream Island" (L’isola dei sogni) avrà spazi tematici dedicati a ogni età. I più piccoli potranno divertirsi nel simpatico mondo dei Puffi, mentre gli adolescenti potranno imparare i segreti del karate con le Tartarughe Ninja.

Inoltre il progetto prevede la creazione di un parco paesaggistico, progettato dallo studio internazionale, con sede anche a Milano, Land.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie