Transiberiana, il viaggio della vita: la tappe da non perdere

TASS
Attraversando la Russia da ovest a est concedetevi qualche giorno per visitare le principali città che si snodano lungo la linea ferroviaria più lunga del mondo

La Transiberiana non solo unisce la Siberia e l’Estremo oriente al resto della Russia, ma ha favorito negli anni la nascita e lo sviluppo di nuove città negli angoli più remoti del paese. E oggi questa linea ferroviaria si è trasformata in uno dei percorsi turistici più importanti della Federazione.
Le maggiori città che incrocerete durante il percorso saranno Vladivostok, Khabarovks, Irkutsk, Ekaterinburg, Nizhny Novgorod e Mosca. E il sistema di acquisto dei biglietti consente di ottenere un ticket che vi permetterà di trascorrere diversi giorni in ognuna di queste città. Ecco cosa incrocerete durante il vostro viaggio e quali sono le cose che dovrete assolutamente vedere.
Vladimir

L’antica città di Vladimir si trova sulle sponde del fiume Kliazma e fa parte del circuito turistico dell’Anello d’Oro. Si tratta di un centro storico caratterizzato dall’architettura classica dei secoli XVIII e XIX. Qui troverete anche diversi edifici tipici dell’epoca sovietica.
Situata sulla strada verso Nizhny Novgorod, originariamente Vladimir era un importante centro per il commercio. Oggi invece si è trasformata in una città industriale.
Da vedere assolutamente, il Cremlino locale e la Porta d’Oro eretta dal principe Andrei Bogolyubski, riconosciuta dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità.
Nizhny Novgorod

In passato Nizhny Novgorod è sempre stato un importante centro economico, culturale e dei trasporti, situato in una posizione strategica tra i fiumi Oka e Volga. Buona parte del centro cittadino è stato costruito secondo i canoni estetici degli stili architettonici neo-russo e dello stalinismo.
Il museo di arte locale ha accolto negli anni più di 12.000 mostre e qui si possono ammirare diverse opere dei più importanti artisti delle avanguardie russe, come Malevich e Kandinsky.
Da vedere anche il Cremlino di Nizhny Novgorod, situato sopra una collina.
Perm

Bagnata dalle acque del Kama, il quinto fiume più grande d’Europa, Perm è un luogo interessante da visitare. Iniziate il vostro tour dalla galleria d’arte locale e dal Museo di storia della Repressione politica “Perm 36”.
La città inoltre vanta numerosi teatri, come quello di Opera e Balletto e il Teatro della Gioventù.
Ekaterinburg

Situata al di là degli Urali, a 33 ore di treno da Mosca, Ekaterinburg è considerata la “porta” che separa l’Europa dall’Asia. In epoca sovietica la città era un importante centro industriale. Oggi, invece, Ekaterinburg è conosciuta soprattutto per essere il luogo dove venne ucciso lo zar Nicola II insieme alla sua famiglia per opera dei bolscevichi.
Oggi a Ekaterinburg si fondono il brulichio caotico di Mosca e gli spazi verdi di San Pietroburgo. E le antiche casette in legno si confondono tra i grattacieli e i più moderni edifici.
Novosibirsk

Novosibirsk è il principale snodo ferroviario della Transiberiana. Costruita all’inizio del XX secolo, si è sviluppata soprattutto durante l’epoca di Stalin.
Il centro storico è formato da un insieme di edifici costruiti secondo i canoni sovietici. Offre un meraviglioso teatro d’opera, dove si esibiscono artisti di importanza internazionale. Soffermatevi a osservare anche l’enorme stazione dei treni e il quartiere di Akademgorodok, il quartiere periferico dedicato all’educazione e alla scienza.
Krasnoyarsk

Krasnoyarsk è una delle tappe più importanti per chi percorre la Transiberiana. Da vedere assolutamente la riserva naturale di Stolby e la stazione sciistica Bobrovi Log. Ma anche la città è un luogo incantevole dove perdersi. Provate la cucina locale in uno dei tanti ristoranti del posto!
Irkutsk

Benvenuti in uno dei centri più importanti della Transiberiana: da qui infatti potrete raggiungere il lago Bajkal, considerato dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità e una delle Sette Meraviglie della Russia.
Gli autobus e i furgoncini che ogni giorno accompagnano i turisti sull’isola di Olkhon, sulla sponda occidentale del Lago Bajkal, partono proprio dietro la principale stazione dei treni. E se siete alla ricerca di qualche souvenir, approfittatene per comprare i valenki, le tradizionali calzature russe, ideali per affrontare i rigidi inverni!
Khabarovsk

Situata a meno di 30 km in linea d’aria dalla Cina, Khabarovsk sorge alla confluenza del fiume Amur con l'Ussuri. Fin dal XII secolo questa zona faceva parte della Cina imperiale. L’area è stata poi ceduta alla Russia con il trattato di Aigun nel 1858.
Vladivostok, dove finisce la Russia

Gli abitanti della Russia europea considerano Vladivostok il punto in cui “finisce” il paese. La gente del posto, invece, considera la città il punto iniziale della Russia: d’altronde il sole sorge a est! La prima pietra della Transiberiana venne posta proprio a Vladivostok.
Quando Nikita Khrusciov nel 1959 visitò Vladivostok, di ritorno da un viaggio negli Stati Uniti, disse che la città poteva essere considerata la “San Francisco sovietica”. Se arrivate a Vladivostok, ammirate la città dal punto panoramico della funicolare situato sulla collina Orlinaya.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond