Metro, le stazioni più belle del Paese secondo i russi

Vladimir Astapkovich/Sputnik
Abbiamo chiesto ad alcuni locali di indicare quali siano le fermate secondo loro più affascinanti. Salite insieme a noi a bordo dei vagoni delle sotterranee di Mosca, Kazan e Nizhnyj Novgorod, per un viaggio davvero sorprendente!

In Russia sono sette le città dotate di metropolitana. Viaggiare in metro non è solo il modo più veloce ed efficiente per spostarsi in città, ma anche un’interessante alternativa per conoscere i tesori culturali nascosti sotto terra. Quali sono le stazioni più amate dalla gente del posto? Ve lo raccontiamo noi.
Arbatskaya, Mosca

La metropolitana di Mosca è il sistema di treni sotterraneo più antico e grande del Paese. Le prime stazioni, situate sulla linea rossa, furono aperte nel 1935. Al giorno d’oggi questa enorme ragnatela di linee sotto terra comprende 12 linee e 203 stazioni. Ogni giorno 10.000 treni accolgono più di sette milioni di passeggeri. Le stazioni centrali, poi, sono splendidi palazzi interrati, decorati con marmi, mosaici e sculture.
“La stazione più bella della metro di Mosca è sicuramente Arbatskaya, sulla linea blu: le sue decorazioni in marmo e gli stucchi la rendono impressionante”, commenta Maria Zagryadskaya, manager delle risorse umane. “Questa stazione fu disegnata dai migliori architetti dell’epoca”.
Turgenevskaya, Mosca

“La mia stazione preferita è Turgenevskaya, sulla linea arancione”, dice Olga Ruzanova, professionista nel settore del marketing. “Si tratta di una stazione accogliente e comoda, visto che dà accesso a quartieri della città ricchi di locali e intrattenimenti. Poco lontano da lì si può arrivare alla Casa del Tè, alla biblioteca Turgenevskaya”.
Admiralteyskaya, San Pietroburgo

La metro di San Pietroburgo è la seconda più antica del Paese. Inaugurata nel 1955, ha cinque linee e 67 stazioni. È il sistema metropolitano più profondo del mondo e alcune fermate raggiungono addirittura i cento metri di profondità. Otto stazioni sono considerate patrimonio dell’umanità.
La linea Admiralteyskaya (linea viola) è la preferita di Irina Efros, fondatrice di una compagnia di eventi. “È la stazione più profonda di Russia e una delle più profonde del mondo. Ha delle decorazioni incantevoli e si possono trascorrere ore con lo sguardo fisso ad ammirarle”.
Qui si trovano anche colonne decorate con bassorilievi raffiguranti grandi condottieri navali russi.
La stazione venne inaugurata nel 2011, quasi 14 anni dopo il termine inizialmente previsto per la fine dei lavori.
Geologicheskaya, Ekaterinburg

La prima metropolitana della regione degli Urali venne inaugurata nel 1991 nella città di Ekaterinburg. Ha una sola linea e nove stazioni e trasporta 200.000 passeggeri ogni giorno.
Secondo la giornalista Yulia Shevelkina, la stazione più bella è Geologicheskaya: “Le pareti di questa fermata sono piene di finestre, dietro le quali si possono ammirare vari angoli della Terra. Queste decorazioni trasmettono lo spirito unico degli Urali”.
Chkalovskaya, Ekaterinburg

Un’altra stazione da vedere assolutamente è Chkalovskaya. “Decorata in memoria del volo di Chkalov verso l’America, presenta interni simili a quelli di un aereo - spiega Yulia -. Inoltre ci sono ritratti di alcuni equipaggi e alcuni ritagli del giornale Pravda fatti in marmo”.
Dvigatel Revolyutsii, Nizhnyj Novgorod

La metro di Nizhnyj Novgorod è la meno profonda in Russia e le stazioni non arrivano a più di 20 metri. Oggi si contano 14 fermate. “La mia preferita è Dvigatel Revolyutsii (il motore della Rivoluzione, in russo), sulla linea rossa”, racconta Yulia Petushkova, che lavora come amministratrice.
Kremliovskaya, Kazan

La metro di Kazan è la più nuovo in Russia, l’unica inaugurata dopo la caduta dell’Unione Sovietica. I primi passeggeri salirono a bordo dei vagoni nel 2005. Oggi la metro conta una sola linea a dieci stazioni. La fermata Kremliovskaya è la più famosa. “Raramente la si trova piena di gente - racconta Elena Vavilova, giornalista -. È facile trovare un posto a sedere e da lì godersi le bellezze di questa linea”.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie