Gli Urali ritrovati: l'evoluzione di Ekaterinburg

È la quarta città più grande del paese. E negli ultimi anni si è convertita in una moderna metropoli, in continuo cambiamento

Ekaterinburg è la quarta città più grande della Russia. Si trova nella regione di Sverdlovsk e conta circa 1,4 milioni di abitanti

La città venne fondata nel 1723 quando iniziarono i lavori per la costruzione della più grande fonderia del paese

La città venne chiamata in onore dell’imperatrice Ekaterina, moglie di Pietro il Grande

Nel cuore della città si trova una diga che divide in due il centro urbano. La gente la chiama “Plotinka” o “Piccola diga”

Il ritratto del celebre cantante Viktor Tsoj vicino alla diga

Ekaterinburg potrebbe essere definita una città post-industriale, nonostante l’industria continui ad avere un forte peso nell’economia locale

“Rus”, il nome dell’antica Russia, scritto su un sacchetto di plastica

Uno dei punti ristoro della città

Colazione al parco

Ekaterinburg festeggia il proprio anniversario ogni anno la terza domenica di Agosto

Attaccare lucchetti su un ponte è una nuova tradizione che sta prendendo piede tra gli innamorati di Ekaterinburg

Una bandiera russa sventola nel centro della città

L’anniversario ufficiale della città è il 18 novembre

Tuttavia la festa che si celebra ad agosto è molto più popolare, forse perché il tempo di novembre non permette di festeggiare come in piena estate

L’anniversario ufficiale di solito viene vissuto senza troppa partecipazione da parte dei cittadini

Solo negli ultimi anni si è diffuso un maggiore entusiasmo nei confronti delle antiche tradizioni della vita russa: spesso vengono organizzate esposizioni di abiti d’epoca

Ma la maggior parte della gente, in queste occasioni di festa, preferisce evitare le vie del centro perché si possono incontrare diverse persone che hanno alzato il gomito. Negli ultimi anni sono stati fatti molti sforzi per evitare la vendita di alcolici nelle vie del centro

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie