Passeggiare a Mosca: i nuovi itinerari turistici

La Chiesa di Cristo Salvatore (Foto: Elena Larionova per RBTH)

La Chiesa di Cristo Salvatore (Foto: Elena Larionova per RBTH)

Vivete la capitale russa come dei veri moscoviti! Rbth vi presenta i nuovi percorsi del centro storico, molti dei quali non sono ancora stati aggiornati nelle guide

Solo negli ultimi tre anni nel centro storico di Mosca sono sorte 7 nuove aree pedonali, tre parchi enormi sono drasticamente cambiati, da alcuni edifici sono diventati accessibili punti panoramici con le migliori viste sulla città e sulle sponde di granito della Moscova è possibile fare nuove piacevoli passeggiate. Il viaggiatore di oggi si trova di fronte a un'altra città. Una città accessibile, dove non è più obbligatorio servirsi della metropolitana e il cui centro è adesso visitabile a piedi.

Molti itinerari descritti nelle guide o raccomandati sui social network, infatti, probabilmente sono ormai irrimediabilmente superati. Google Street View mostra ancora vecchi scatti panoramici del lungofiume della Moscova in corrispondenza della Krymskaya Naberezhanya e Yakinskaya, precedenti al recupero della zona fatto nel 2011. Rbth ha selezionato per voi alcuni nuovi itinerari che non si trovano nelle guide.

Dalla Chiesa del Cristo Salvatore fino al Gorky Park

Tempo totale di percorrenza dell’itinerario senza soste: 90 minuti.

Percorrenza: 5,5 km.

Kropotkinskaya

Il percorso inizia dalla stazione della metropolitana Kropotkinskaya (linea rossa). Qui, proprio sulla riva del fiume, troviamo la Cattedrale di Cristo Salvatore, restaurata grazie alle donazioni fatte dalla popolazione negli anni ‘90. Dalla piazza della Cattedrale si apre una splendida vista sul Cremlino, sui quartieri centrali e sul fiume Moscova – l’accesso alla piazza costa 200 rubli (meno di $ 4).

Il Ponte dei Patriarchi

Foto: Elena Larionova per RBTH

Davanti alla Cattedrale il ponte più amato dai moscoviti, il Ponte dei Patriarchi. Fino a cinque anni fa la passeggiata attraverso il centro della città sarebbe finita qui, perché l’accesso al ponte era ostacolato dalla presenza di una zona privata e inquinata da gas di scarico. Ora dal Ponte dei Patriarchi si apre una vista panoramica della fabbrica di cioccolato dismessa Krasnyj Oktjabr’. Oggi l’ex stabilimento industriale ospita un enorme cluster artistico con bar hipster e studi per architetti, progettisti ed esperti nel settore dei media. Tuttavia, nell’ambito di questo itinerario non ci soffermeremo sulla fabbrica e proseguiremo la passeggiata lungo il ponte.

L’isola di Baltschug

Foto: Elena Larionova per RBTH

Il Ponte dei Patriarchi passa attraverso l’isola di Baltschug, un’isola artificiale costruita nel 18° secolo dal costruttore del canale di drenaggio, funzionale alla protezione dalle inondazioni. È interessante notare che, non tutti i moscoviti conoscono quest’isola che si trova al centro della città, nonostante i suoi 200 anni di storia. Tuttavia, questo non è strano, per il fatto che fino a poco tempo fa non era possibile raggiungere l'isola, non essendo ancora completata la costruzione del ponte. Oggi invece è possibile farlo. Percorrendo per 5 minuti il ponte lungo l’isola e il canale vi ritroverete nella Jakimanskaya Naberezhnaya.

Jakimanskaya Nabereznaya e Krymskaya naberezhnaya

Foto: Elena Larionova per RBTH

La Jakimanskaya naberezhnaya è una sezione di strade complicata a causa della presenza di marciapiedi stretti, una larga carreggiata e una segnaletica scostante. Fino a 3 anni fa tutto il lungofiume del centro di Mosca era così - non è sorprendente che nessuno lo percorresse! Ma non preoccupatevi, dopo 5 minuti la Jakimanskaya nabarezhnaya arriva nella rinnovata Krymskaya naberezhnaya con i suoi bei sentieri, il suo design, le piste ciclabili e una fontana scenografica. Questo posto potrebbero piacervi così tanto da decidere di non andare da nessuna parte.

Park Muzeon e Galleria Tretyakov

Foto: Elena Larionova per RBTH

Il rinnovato lungofiume Krymskaya naberezhnaya ha preso anche il nome di lungofiume del Muzeon. Il lungofiume esiste con questo aspetto fin dal 2013 e costituisce una continuazione del parco Muzeon che circonda la Casa centrale dell’artista. Al secondo piano dell'edificio troviamo una sezione della Galleria Tretyakov (o "Tretyakovka”) nella quale si sono esibiti tutti i maggiori artisti russi del 20-esimo secolo: Malevic, Petrov-Vodkin, Kandinsky. In breve, questa è una soluzione perfetta per poter proseguire la vostra passeggiata in caso di maltempo!

Gorky Park

Foto: TASS/Sergei Bobylev

Continuando per il lungofiume Krymskaya naberezhanaya, passerete sotto il ponte Krymsky e ad ovest nel parco Gorky, già diventato la "nuova leggenda urbana".  Con il recupero del Gorky Park, avvenuto nel 2011, si è aperta una nuova pagina nella storia del recupero delle aree ricreative di Mosca. Questo parco ha tutto: lettini con wi-fi, laghetto con i cigni, aree sportive per crossfit e yoga, centri per bambini, biciclette a noleggio e catamarani. Forse, è a questo punto, che deciderete di buttare il biglietto del ritorno e soggiornare a Mosca per tutta l'estate.

Il ponte Andreevsky 

Foto: Lori/Legion Media

Continuando a passeggiare per il parco Gorky, potrete raggiungere a piedi il confine meridionale del parco e l'ingresso sul ponte Andreevsky. Questo ponte pedonale con vetrate e arcate aperte è un ottimo posto per ammirare il corso del fiume Moscova e l'area verde del vecchio parco “Neskutchnyj sad” (vi consigliamo di fare un giro in bicicletta per tutta la lunghezza del suo territorio).

Fine del percorso 

Vi suggeriamo di scegliere voi stessi la fine del percorso. Prima opzione: arrivate fino all'ingresso centrale del parco Gorky e dal ponte Krymsky dirigetevi verso la stazione della metropolitana Park Kultury (linea rossa circolare) o Oktyabr’skaya (linea arancione e circolare). Seconda opzione: attraversate fino alla fine il ponte Andreevsky e in 7 minuti vi troverete alla stazione della metropolitana Frunzenskaya (linea rossa). Vicino alla metropolitana troverete due belle tenute del 19 secolo con dei piccoli parchi: la tenuta di Trubetsky nel quartiere Khamovniki e il Museo-tenuta di Lev Tolstoy. Tuttavia, in questo caso, la passeggiata rischia di prolungarsi fino a tardi: calcolate bene i tempi e indossate scarpe comode!

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta