A caccia di meteoriti in Russia

La pioggia di meteoriti caduta su Chelyabinsk, che ha causato diversi danni agli edifici, ferendo centinaia e centinaia di persone, non è la prima che si verifica in questa zona della Russia (Foto: Itar-Tass)

La pioggia di meteoriti caduta su Chelyabinsk, che ha causato diversi danni agli edifici, ferendo centinaia e centinaia di persone, non è la prima che si verifica in questa zona della Russia (Foto: Itar-Tass)

Non solo Chelyabinsk, ma molti altri territori della Federazione nei secoli sono stati colpiti da piogge "spaziali". Ecco un semplice itinerario per lanciarsi alla scoperta dei frammenti caduti dal cielo

Il meteorite che ha colpito la regione di Chelyabinsk è caduto in un bacino d’acqua a un chilometro dalla città di Chebarkul. Tuttavia questo territorio non è l’unico a essere stato interessato da simili fenomeni, avvenuti nel corso dei secoli, e spesso sconosciuti alla gente. Ogni anno comunque circa un migliaio di corpi celesti del peso di quasi due tonnellate raggiungono la superficie terrestre. Alcuni di questi luoghi in diversi momenti della storia sono divenuti meta di pellegrinaggi da parte di turisti e cercatori di meteoriti. Russia Oggi è andata alla scoperta dei fenomeni più curiosi e dei luoghi ad essi legati, dove ancora oggi sarebbe possibile trovare pezzetti di “cielo”.

Primorskij Kraij
Il meteorite Sikhote Aninskij è caduto non lontano dal villaggio di Bejtsukhe, nella regione di Primorij, nella taiga di Ussurijskij, in Estremo Oriente, il 12 febbraio 1947. Dopo essersi sgretolati nell’atmosfera, i frammenti sono piovuti su una superficie di 35 metri quadrati. In questa zona sono stati scoperti 160 crateri del diametro compreso tra un metro e 28 metri. Il buco più profondo misura 6 metri. Lo stesso meteorite è stato classificato come uno dei dieci più grandi precipitati sulla Terra. Molti residui si possono trovare ancora oggi incastrati nei tronchi degli alberi. Oltre a ciò, nella regione di Primorskij si trova anche il Cratere Sobolev, formatosi quasi mille anni fa, che conta un diametro di 53 metri.

Repubblica di Tuva
I primi frammenti del meteorite Chinge sono stati rinvenuti nel 1912 nel fiume Urgajlyk-Chinge. Sul corso superiore delle acque sono stati individuati frammenti di oro, che hanno richiamato numerosi cercatori durante la “corsa all’oro” di Tuva all’inizio del XX secolo. Molti frammenti recuperati dai ricercatori si sono rivelati di origine cosmica, e uno dei giacimenti situato non lontano dal fiume è stato chiamato per l’appunto “Meteorite”. Le ricerche dei frammenti continuano anche oggi.

Regione di Astrakhan
Il meteorite Tsarev, del peso di 1.225 chili, è caduto sulla terra nel 1922. Ma il suo ritrovamento, avvenuto durante l’aratura di un campo, risale solamente al 1968. L’annuncio della scoperta, però, è stato fatto undici anni dopo dal saldatore elettrico Boris Nikiforov.

Ancora oggi vengono recuperati decine e decine di frammenti del meteorite Tsarev, alcuni dei quali sono custoditi all’interno di collezioni private. La maggior parte di essi, però, si trova a Mosca, presso l’Accademia russa delle Scienze. Il loro peso varia dai 50 grammi ai 283 chili. Tsarev è considerato il terzo meteorite più grande rinvenuto nella storia dell’uomo. Le ricerche alla scoperta dei frammenti proseguono ancora adesso.

Tatarstan
Nel territorio del Tatarstan si trova il cratere di meteorite più grande di tutta la Russia, il cosiddetto Karlinskij. Misura dieci chilometri di diametro e si stima che abbia cinque milioni di anni. L’enorme buco si trova non lontano dalla città di Buinsk, al confine con la Chiuvasha. In tutto nel territorio del Tatarstan sono stati rinvenuti quattro meteoriti. Il più grosso è Kainsaz, caduto il 13 settembre 1937 nella zona di Muslyumovskij, il cui peso, al momento dell’impatto, era di 210 chili. Gli avventurieri hanno iniziato le ricerche dei frammenti solamente alla fine del secolo scorso. Per cui ci sono ancora molte possibilità di recuperare qualcosa di importante.

Chelyabinsk
Quella del 15 febbraio 2013 non è la prima pioggia di meteoriti che interessa il territorio di Chelyabinsk. L’11 luglio 1949 un simile fenomeno ha colpito una porzione di territorio di 194 chilometri quadrati. In totale sono stati ritrovati 20 frammenti del peso di circa 200 chili. Il meteorite Kunashak è relativamente giovane: ha “solamente” 720 milioni di anni.

Regione di Krasnoyarsk
I frammenti del meteorite Tungusskij non sono mai stati ritrovati. E questo resta uno dei più grandi misteri della comunità scientifica, ancora oggi rimasto irrisolto. Nel 1908, infatti, non lontano dal fiume Enisej, è caduta una palla di fuoco: un volo che si è concluso con un’esplosione a 7-10 chilometri di altezza, avvenuta sopra una zona disabitata della taiga. L’onda d’urto è stata registrata da tutti gli osservatori del mondo, perfino nell’emisfero occidentale. La deflagrazione ha abbattuto alberi su una superficie di oltre duemila chilometri quadrati. E i vetri sono andati in frantumi anche a centinaia di chilometri di distanza dalla zona dove è avvenuto lo scoppio. Per diversi giorni in questo luogo si è potuto osservare uno strano chiarore del cielo, colorato da nuvole fosforescenti. La regione di Krasnoyarsk ha addirittura organizzato delle gite turistiche alla scoperta di questo meteorite.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta