Una donna torna a conquistare lo spazio

Elena Serova è partita alla volta del cosmo a bordo della navetta “Soyuz-FG” e resterà nello spazio 170 giorni (Foto: Ramil Sitdikov / Ria Novosti)

Elena Serova è partita alla volta del cosmo a bordo della navetta “Soyuz-FG” e resterà nello spazio 170 giorni (Foto: Ramil Sitdikov / Ria Novosti)

Per la prima volta dal 1997 un’astronauta russa è volata in orbita: Elena Serova, 38 anni, è partita dal cosmodromo di Bajkonur insieme all'astronauta della Nasa Barry Wilmore e al connazionale Alekdandr Samokutyaev. Resterà sulla Stazione Spaziale Internazionale per sei mesi

Sognava lo spazio fin da bambina. E ora, dopo diciassette anni, è la prima donna russa a tornare in orbita. La quarta donna astronauta nella storia spaziale russa. Elena Serova, 38 anni, è partita alla volta del cosmo a bordo della navetta “Soyuz-FG” nella notte tra il 25 e il 26 settembre, insieme all'astronauta della Nasa Barry Wilmore e al connazionale Alekdandr Samokutyaev

La Serova, ammessa all’interno della squadra dei cosmonauti di Roskosmos già nel 2011, dice di essere interessata a tutti gli esperimenti scientifici che si svolgono a bordo dell’ISS. Uno di questi, ad esempio, riguarda i ”lampi-gamma” e la ricerca relativa alle esplosioni atmosferiche gamma e ai fulmini ottici durante i temporali.

La spedizione durerà 170 giorni. Elena prevede di contattare regolarmente i parenti dall'orbita. "Per questo non ci sono problemi: la Stazione Spaziale Internazionale adesso è dotata di tutti i moderni mezzi di comunicazione: dal telefono alle e-mail”, ha dichiarato durante un'intervista rilasciata a RIA Novosti. Elena è sposata con l’ex cosmonauta Mark Serov e ha una figlia 11 anni.

Nata in provincia, in un piccolo villaggio della regione Vozdvizhenka Ussuri, nel Primorsky Krai, la Serova è rimasta fedele al sogno d'infanzia e si è iscritta alla Facoltà aerospaziale del Moscow Aviation Institute, dove ha conseguito una laurea in Ingegneria. Dopo la laurea ha lavorato per RSC Energia e nel 2004 ha iniziato a lavorare presso il Centro Controllo Missioni.

Nel 2005, dopo il training svolto nel centro di addestramento cosmonautico Gagarin, Elena è entrata a far parte di una squadra di cosmonauti. A questo è seguito un lungo periodo di esami medici e la conferma della sua candidatura. Nel 2007 è stata ammessa ai corsi di formazione generale spaziale. Nel giugno 2009, Elena ha superato gli esami e ha ottenuto la qualifica di astronauta pilota.

L'ultima dura prova sulla terra è stata l’addestramento di sopravvivenza nel deserto, condotto insieme all’equipaggio di cui facevano parte anche Sergei Novitsky e Oleg Gold. Nel dicembre 2011, Elena è stata nominata ingegnere di volo della navetta “Soyuz TMA”.

Secondo la Serova nello spazio non ci sarebbero discriminazioni: “A un certo punto della mia formazione sono stata selezionata per far parte dell'equipaggio, mentre alcuni miei colleghi uomini sono ancora in attesa del loro momento”, ha detto. “Quanto a me, posso dire che la fatica per una donna è incredibile perché deve essere sia una professionista sul posto di lavoro che una buona casalinga, moglie e madre". Tuttavia, questo non pregiudicherebbe, secondo la Serova, la qualità professionale. Le difficoltà della missione spaziale non la spaventano. "Questo è il mio lavoro e la mia scelta professionale", aggiunge Elena.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta