Chi fu il nemico secolare della Russia?

"Gli scontri vicino a Telish durante la guerra russo-turca del 1877-1878"

"Gli scontri vicino a Telish durante la guerra russo-turca del 1877-1878"

Viktor Mazurovskij
Portarono avanti lotte sanguinose per quattro secoli, con gli eserciti che si scontravano sul campo di battaglia ogni 25 anni...

Per quattro secoli, la Russia e l'Impero Ottomano furono impegnati in una lotta sanguinosa per la costa del Mar Nero, i Balcani e il Caucaso. Tra la metà del XVI secolo e la fine della Prima guerra mondiale, i due paesi furono protagonisti di più di 10 guerre e conflitti armati. In media, i loro soldati si scontravano sul campo di battaglia ogni 25 anni.

Il primo scontro militare registrato tra i russi e i turchi risale al 1541. All'epoca Sahib I Giray, il khan del Khanato di Crimea, che dipendeva politicamente dall'Impero ottomano, iniziò una campagna militare contro Mosca e chiese assistenza al Sultano sotto forma di un distaccamento di giannizzeri e di artiglieria. Le truppe russe ottennero una vittoria decisiva, “battendo molti dei tartari e distruggendo molti cannoni turchi”. 

Sahib Giray fugge da Mosca

L'espansione verso sud dello Zardom di Russia, la conquista dei khanati di Kazan (1552) e di Astrakhan (1556) ebbero un grosso peso per il sultano Selim II. La Sublime Porta capì troppo bene che doveva allontanare il prima possibile i russi dai confini dell'Impero ottomano e dalla Crimea. Ma la fortuna militare voltò le spalle ai turchi. Nel 1569, il loro tentativo di catturare Astrakhan finì in un fallimento, e nel 1572, nella battaglia di Molodi, a 50 km da Mosca, furono uccisi 7.000 giannizzeri insieme all'esercito del khan di Crimea, Devlet I Giray.

Ritratto di Selim II

Nel complesso, le guerre della fine del XVII e dell'inizio del XVIII secolo si rivelarono positive per lo Stato russo: riuscì a fermare l'espansione dell'Impero ottomano nelle terre ucraine, mettendo al sicuro Kiev e il territorio sulla riva sinistra del Dnepr, ad impadronirsi della fortezza turca d’Azov sul Mar d’Azov nel 1696 e ad iniziare la costruzione della prima marina regolare. Tuttavia, la campagna del fiume Prut del 1711 si rivelò una doccia fredda per i russi, quando l'esercito di Pietro il Grande, forte di 80.000 uomini, fu circondato in Moldavia da 200.000 turchi e tatari di Crimea. Lo zar riuscì a trovare un accordo con il nemico e a salvare il proprio esercito, ma la Russia perse Azov per quasi un quarto di secolo.

La flotta russa d'Azov

Una delle guerre più importanti nella storia del confronto russo-turco fu la guerra del 1768-1774. Nel luglio del 1770, lo squadrone russo spazzò via la flotta turca nella baia di Cesme, nel Mar Egeo, assicurandosi così il completo dominio nel Mediterraneo orientale. “L'acqua, mista a sangue e cenere, aveva un aspetto terribile. Cadaveri bruciati galleggiavano sulle onde, il porto ne era pieno, tanto che era difficile muoversi con le barche”, riferì il principe Yurij Dolgorukov, che aveva partecipato alla battaglia.   

Il trionfo in mare fu seguito da alcuni successi sulla terraferma: le armate turche furono sconfitte a Larga, Cahul e Kozluca. Per un po', anche uno dei porti più importanti dell'Impero ottomano, Beirut, fu in mano ai russi. Come risultato della guerra, la Crimea fu dichiarata indipendente e non fu più sotto l'autorità del Sultano (la penisola sarebbe diventata parte dell'Impero russo nel 1783). Inoltre, la Russia ottenne il diritto di avere una flotta sul Mar Nero che potesse passare liberamente attraverso il Bosforo e i Dardanelli.

La battaglia di Kagul

Nel corso dei successivi conflitti militari fino alla metà del XIX secolo, la Russia riuscì a trarre profitto nella regione settentrionale del Mar Nero, nel Caucaso e nei Balcani dal fatto che l’Impero ottomano fosse ormai indebolito. Anche la guerra di Crimea del 1853-1856 iniziò con successo per le truppe russe. Nella battaglia di Sinope, il 30 novembre 1853, la flotta russa sconfisse completamente la flotta turca, affondando 15 navi, uccidendo più di 3.000 marinai e facendo prigioniero lo stesso comandante turco, il vice ammiraglio Osman Pasha. “Sono lieto di vedere che il ricordo di Cesma è fresco nella Marina russa e che i pronipoti sono degni dei loro bisnonni”, scrisse l'imperatore Nicola I al ministro della Marina, Aleksandr Menshikov.  

Il “massacro di Sinope”, così come fu soprannominata la battaglia dalla stampa inglese, spinse la Gran Bretagna, la Francia e il Regno di Sardegna a unirsi dalla parte della Turchia. Approfittando dell'arretratezza tecnica dell'esercito russo, gli alleati riuscirono a portare a casa la vittoria. Una delle condizioni più difficili del trattato di Parigi che pose fine alla guerra fu la perdita da parte della Russia del diritto di mantenere la flotta sul Mar Nero (la restrizione fu tolta nel 1871).

Dopo che i turchi soppressero brutalmente le rivolte dei cristiani in Bulgaria e Bosnia nel 1876 e 1877, l’Europa fu travolta da un'ondata di indignazione. Il 24 aprile 1877, la Russia dichiarò guerra all'Impero ottomano per liberare i popoli dei Balcani. Nonostante le momentanee difficoltà, la campagna militare dell'esercito russo ebbe successo e nel gennaio 1878 i russi raggiunsero Istanbul. Secondo i termini della Pace di Santo Stefano, Romania, Serbia e Montenegro furono ufficialmente proclamati indipendenti (de facto avevano da tempo cessato di essere sotto il dominio del sultano), la Turchia cedette parte dei suoi territori del Caucaso e dei Balcani alla Russia, e concesse anche l'autonomia alla Bosnia ed Erzegovina. Ma il principale risultato della pace fu la ricostituzione dello Stato bulgaro, che comprendeva vasti territori, dal Mar Nero al Mar Egeo. Per i primi anni la Bulgaria sarebbe rimasta sotto il governo russo.

Questo rafforzamento delle posizioni dell'Impero russo nei Balcani causò molta preoccupazione alle potenze occidentali. Sotto la loro pressione diplomatica, i termini del Trattato di Santo Stefano furono rivisti durante il Congresso di Berlino, nell'estate del 1878. L'indipendenza di Romania, Serbia e Montenegro fu confermata, ma la Bosnia-Erzegovina, invece dell'autonomia, ricevette un'occupazione "temporanea" da parte delle truppe austro-ungariche (meno di 20 anni dopo, la regione cadde ufficialmente sotto il dominio di Vienna). Al posto della Grande Bulgaria, furono stabiliti un principato vassallo con capitale a Sofia e una provincia autonoma all'interno dell'Impero ottomano chiamata Rumelia orientale. “L'Europa ci ha dato solo il diritto di battere i turchi, spargere sangue russo e spendere denaro russo, ma in nessun modo di beneficiarne come meglio crediamo”, si lamentò l'ambasciatore russo a Istanbul, Nikolaj Ignatev. 

Cartina satirica dell'Europa, 1877

L'ultimo conflitto armato nella storia del confronto tra i due imperi fu la Prima guerra mondiale. L'esercito russo riuscì non solo a mandare in fumo i piani turchi di impadronirsi della Transcaucasia russa, ma anche a lanciare una controffensiva su larga scala. Così, all'inizio del 1916, le truppe del generale Nikolaj Yudenich sconfissero la terza armata turca e catturarono la città strategicamente importante di Erzurum, che spianò la strada all'interno dei territori ottomani.

Cannone turco catturato dall'esercito russo, Erzurum, 1916

Ma le truppe russe non erano destinate a schiacciare i turchi. La rivoluzione di febbraio del 1917 portò non solo alla caduta della monarchia russa, ma anche al rapido collasso dell'esercito russo. Le truppe turche riuscirono a reclamare tutta l'Anatolia orientale sotto il loro controllo e persino a catturare le regioni russe di Batumi e Kars. Eppure, l'esito del conflitto mondiale per l'Impero ottomano era già deciso, e per la Sublime Porta i giorni erano contati.

Trincee russe nelle foreste di Sarikamish

Dopo la fine della Prima guerra mondiale, questi due nemici storici si avviarono verso un periodo di relazioni bilaterali piuttosto insolito: i bolscevichi appoggiarono il movimento nazionalista turco di Kemal Ataturk nella sua lotta contro l'intervento straniero. Di conseguenza, la Russia sovietica e la Repubblica Turca, che fu fondata nel 1923 sulle rovine dell'Impero ottomano, divennero addirittura alleati. Ma questa amicizia non durò a lungo.

LEGGI ANCHE:Come i bolscevichi resero possibile la nascita della Turchia contemporanea

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie