Gli orrori della guerra e la vittoria: il secondo conflitto mondiale nelle foto di Evgenij Khaldej

Evgenij Khaldej/МАММ/MDF
Evgenij Khaldej è stato uno dei più celebri fotografi di guerra: suo l’iconico scatto della bandiera della Vittoria sul palazzo del Reichstag. Abbiamo ricostruito alcuni dei momenti più drammatici del conflitto mondiale attraverso i suoi lavori

Ha seguito gli scontri di piloti e marinai, le incursioni dei paracadutisti, le manovre dei sommergibili. Si è infilato con i soldati tra le bombe del nemico, documentando da vicino gli orrori della guerra. Evgenij Khaldej (1917-1997) è il più famoso fotografo di guerra dell’URSS. Con il suo obiettivo ha immortalato il secondo conflitto mondiale, documentando gli scontri sulla costa del Mar Nero e l’ingresso dell’esercito sovietico a Berlino. Sua una delle foto più iconiche del mondo: “La Bandiera della Vittoria sul Reichstag”. Abbiamo selezionato alcuni degli scatti più suggestivi realizzati da Khaldej durante il periodo bellico.

Attenzione: le immagini che seguono potrebbero urtare la vostra sensibilità

Gli artiglieri del battaglione della Flotta del Nord G. I. Troyan e Ya. A. Ladkin si preparano al turno notturno di guardia, 1941

Soldati di fanteria sulla penisola di Kola, 1941

Ricognitori sul fronte nord, 1941

Sottomarino “K-21”

I soldati dell'Armata Rossa vicino a un cannone anticarro da 45 mm, 1941

Marinai della Flotta del Baltico cantano una canzone, 1942

Addio al compagno, 1941

Siluro aereo, 1941, Murmansk

Un aereo da caccia tedesco Messerschmitt abbattuto

Il comandante della squadriglia con l'equipaggio vicino a un bombardiere IL-4, 1941

Artico. Il cervo Yasha, 1941

Ispezione di aeromobili, 1941

Artigliere. Flotta del Nord, 1941

Verso Murmansk, 1941

Aleksandr Shabalin, della Flotta del Nord, insignito due volte del titolo di Eroe dell’Unione Sovietica, 1941

Prigionieri tedeschi sul fronte nord, 1942.

L'infermiera Nina Burakova (17 anni) benda i feriti: ha salvato la vita a 150 soldati

Rifugiati fuggono da Murmansk dopo un raid aereo tedesco, 1941

Nella città di Rostov sul Don occupata, Vitja Cherevichkin viene fucilato dai tedeschi per aver nascosto un gruppo di colombi che gli avevano ordinato di eliminare, 1941

In mezzo agli scontri. Novorossijsk, 1943

Donne soldato in prima linea, 1943

L’incrociatore “Molotov” in Crimea, 1942

Il cannone principale dell'incrociatore “Molotov”, 1942

Tedeschi catturati a Kerch, in Crimea. Inverno 1941-1942

Donne pilota del 46° Reggimento femminile di aviazione della Divisione Tamanskaja in un momento di riposo, 1943. Novorossijsk, Russia meridionale

Al fronte, 1943

Aerei Yak-9D in volo, 1944

Festeggiamenti nella Sebastopoli liberata, Crimea, 1944

Il palombaro, 1944

Combattimenti in città. Liberazione di Kerch. Crimea, 1944

Soldati sovietici rimuovono la svastica dai cancelli dello stabilimento “Vojkov” a Kerch, Crimea, 1944.

Bambini giocano alla guerra, Crimea, 1944

L’ufficiale di rotta Sergej Dupliy, Eroe dell'Unione Sovietica, 1944

Tedeschi prigionieri di guerra, 1944

“È così che finiscono le guerre”, 1944

Attrezzatura tedesca abbandonata, 1944

Interrogatorio di un prigioniero, 1944

Sul confine polacco-ceco, 1945

Un aliante tedesco con provviste schiantato contro un edificio. Budapest, 1945

Non si abbandonano i compagni. Vienna, 1945 

“Perché la guerra?”. Un signore cieco con l’accompagnatore, Berlino, 1945

La bandiera della vittoria sopra il Reichstag. Berlino, 1945

Fumo dal Palazzo del Reichstag. Berlino, 1945

Berlino liberata, 1945

“Torniamo da Berlino!”. Soldati tornano a casa, 1945

Parata della Vittoria, 24 giugno 1945: soldati gettano i vessilli di Hitler

Disarmo dell'armata del Kwantung nella città cinese di Harbin, agosto-settembre 1945

Bandiera su Port Arthur, settembre 1945



Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie