Nella Russia imperiale chi avrebbe preso il posto dello zar in caso di morte, malattia o battaglia?

Getty Images; Russia Beyond
Esisteva un “vice” dell’imperatore russo? Chi aveva il compito di comandare al posto suo in situazioni eccezionali? Se lo è chiesto un nostro lettore… E abbiamo cercato di rispondere

Questo articolo nasce da una domanda posta da uno dei nostri lettori: "Chi avrebbe preso il posto dello zar russo in caso di malattia o battaglia? [...] Per esempio, chi sostituì Pietro I durante la Grande Ambasciata?". Se anche tu hai qualche domanda sulla storia, la cultura o la vita quotidiana della Russia, mandaci una mail a it@rbth.com.

La risposta alla domanda del nostro lettore è semplice: nessuno poteva davvero sostituire lo zar russo nel prendere le decisioni. Pietro il Grande provò a concedere questo potere a un’istituzione governativa... Ma senza successo.

Chi si prese la responsabilità quando lo zar russo si ammalò?

Lo zar Nicola II malato di febbre tifoide, 1900

Nell'ottobre del 1900, l'imperatore Nicola II contrasse la febbre tifoide e per qualche tempo fu così debole che si temeva potesse morire. Durante la malattia, nessuno prese decisioni al posto suo: l’unico argomento di discussione nei circoli alti riguardava la persona che lo avrebbe succeduto. Lo storico Igor Zimin scrive che si formarono due fazioni: una sosteneva il granduca Mikhail Aleksandrovich, fratello di Nicola, come nuovo imperatore; l’altra voleva aspettare che l'imperatrice Aleksandra Feodorovna, allora incinta, partorisse... nella speranza che nascesse un maschio da poter proclamare suo erede.

Alla fine Nicola si riprese. Ma perché nessuna persona o istituzione statale poteva prendere decisioni al posto dello zar in caso di malattia? La risposta è racchiusa in una sola parola: responsabilità. 

Ricorderete anche voi che in Russia gli zar venivano "consacrati" allo zarismo. Come avevamo raccontato qui, al momento della loro incoronazione si svolgeva una speciale cerimonia religiosa che serviva ad alimentare l’idea secondo la quale allo zar venivano conferite un’autorità e una responsabilità speciali. In questo modo si riteneva che fosse l'unico che potesse davvero prendere le decisioni riguardanti il benessere e la vita stessa dei suoi sudditi.

Chi prendeva il controllo quando lo zar era lontano in battaglia?

Lo zar Nicola II nel quartier generale del comandante in capo dell'esercito imperiale russo, Mogilev, 1916

Nel 1547-1552, Ivan il Terribile comandò l'esercito di Mosca in diverse campagne contro il Khanato di Kazan. Ovviamente, il "governo" dello zar di Mosca, la Duma dei boiardi, rimase a Mosca, e l'anziano boiardo Ivan Morozov-Poplevin fu messo "a capo" della Duma. Ma l'unità del quartier generale - l'ufficio esecutivo dello zar e i suoi principali consiglieri - si spostarono con lui. La stessa pratica continuò nel XVII secolo e durante gli anni dell'Impero russo.

Perché Pietro il Grande decise di creare il Senato governante?

Il Senato governante durante il regno di Pietro il Grande

Il 20 novembre 1710 l'Impero Ottomano dichiarò guerra alla Russia. Pietro decise di condurre personalmente la campagna contro gli ottomani, e ovviamente temeva per la sua vita. Questo venne confermato anche da Juel Just, l'inviato danese in Russia, che scrisse che non molto tempo prima della partenza, Pietro presentò a sua sorella e alle sue nipoti la sua allora fidanzata Caterina, e disse che "devono considerarla la sua legittima moglie e zarina russa. [...] Lo zar mise in chiaro che se fosse morto prima di potersi sposare, dopo la sua morte avrebbero dovuto comunque considerarla come sua legittima sposa". Quindi, questa volta lo zar temeva davvero per la sua vita e decise che doveva creare un'istituzione che lo sostituisse in caso di morte improvvisa.

Durante le campagne militari prima del 1711 (per esempio, la guerra russo-svedese, chiamata anche guerra del Nord, che era ancora in corso), Pietro affidò gli affari dello Stato ai suoi vari consiglieri. Ma poco prima della partenza per combattere gli Ottomani, il 5 marzo 1711, formò ufficialmente il Senato governante.

I membri del Senato governante in una foto di gruppo del 1914

Il primo Senato era composto da nove persone. "Tutti devono obbedire ai loro ordini, come se fossero i miei ordini, a rischio di gravi punizioni o di morte", scrisse Pietro. Lasciò anche le linee guida su ciò che il Senato governante avrebbe dovuto fare immediatamente: "Avere un giudizio non ipocrita, limitare le spese dello Stato, raccogliere più denaro possibile, chiamare i giovani nobili [al servizio dello Stato], aumentare il commercio cinese e persiano", e così via. Ovviamente, queste non erano le responsabilità del Senato governante, ma solo le urgenti necessità del momento.

Pietro tornò dalla campagna nell'autunno del 1711, ma il Senato governante non fu sciolto: all'istituzione furono affidate diverse responsabilità come la distribuzione dei gradi e la supervisione del sistema giudiziario. Tuttavia, il Senato governante non sostituì mai completamente lo zar russo.

LEGGI ANCHE: Come venivano sepolti gli zar? Storia di una cerimonia che cambiò con Pietro il Grande 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie