Così il KGB screditò segretamente il dittatore cileno Augusto Pinochet

Getty Images; Reuters; Yuri Abramochkin/Sputnik; Kena Lorenzini/Museo della memoria e dei diritti umani
L'operazione del KGB dal nome in codice “Tucano” mirava a diffamare Pinochet, sostenuto dagli Stati Uniti, mettendolo in cattiva luce di fronte all’opinione pubblica americana

Non era mai corso buon sangue fra il giornalista investigativo americano Jack Anderson e le agenzie statali come l’FBI e la CIA, e persino con la Casa Bianca. E quando Anderson venne a sapere che il dittatore cileno Augusto Pinochet, sostenuto da Washington, stava pianificando una campagna di assassini contro i suoi oppositori politici in vari paesi, fu ben contento di rivelarlo al paese intero attraverso le colonne del New York Times.

Solo anni dopo il giornalista venne a sapere che la sua principale fonte di informazioni era stata “seminata” dal KGB.

Jack Anderson in tv

Il colpo di Stato

L'11 settembre 1973 i militari cileni, guidati da Augusto Pinochet, circondarono il Palacio de La Moneda nella capitale, Santiago, dove il presidente democraticamente eletto Salvador Allende si stava preparando a resistere all'attacco. Allende rifiutò l'offerta di lasciare il paese e giurò di non dimettersi dalla presidenza. Sopraffatto dalle forze militari, si suicidò e Pinochet salì al potere.

Il presidente socialista cileno Salvador Allende

Si credeva che, dietro al colpo di Stato contro il regime di Allende, ci fossero il sostegno tacito degli Stati Uniti e lo zampino della CIA. Nello stesso tempo, dall’altra parte della cortina di ferro, l’Unione Sovietica non vedeva affatto di buon occhio la caduta del primo presidente marxista democraticamente eletto in tutta l'America Latina.

Aiutanti del presidente socialista Salvador Allende arrestati dai soldati fuori dal palazzo presidenziale La Moneda durante il colpo di stato a Santiago, 11 settembre 1973

Nei corridoi del KGB, fu quindi progettato un piano per minare e screditare Augusto Pinochet agli occhi della comunità internazionale.

Il disertore

Nella primavera del 1992, Vasilij Mitrokhin, un impiegato del KGB, entrò nell'ambasciata britannica a Riga, in Lettonia. Dal fondo della sua borsa, tirò fuori un campione di file riservati che aveva sottratto di nascosto dagli archivi del KGB in Russia. 

Gli archivi del KGB in Russia

Il Secret Intelligence Service, l'agenzia di spionaggio per l'estero del Regno Unito, dimostrò subito un certo interesse. E così gli agenti britannici prelevarono Mitrokhin e la sua famiglia, insieme a sei grandi casse di file riservati del KGB che egli aveva accumulato durante gli anni in cui aveva lavorato come dipendente dell'archivio del KGB e che aveva segretamente nascosto nella sua dacia, in un contenitore per il latte sotto il pavimento. 

Fra le piccanti rivelazioni emerse dai file, c’erano anche i dettagli di un'operazione del KGB di grande successo condotta per screditare il dittatore cileno Augusto Pinochet agli occhi del pubblico americano. 

L’operazione Tucano

Stretta nel braccio di ferro della Guerra Fredda per assicurarsi il potere, l’influenza e gli alleati in varie regioni del mondo, l'Unione Sovietica non poteva perdonare a Pinochet di aver rovesciato una figura politica così importante per Mosca in uno dei paesi chiave dell'emisfero occidentale.

E dato che il governo degli Stati Uniti si dimostrava soddisfatto dell'esito del colpo di Stato e si diceva disposto a collaborare con il dittatore militare appena salito al potere in Cile, l'URSS alzò l’asticella: rivelare le atrocità perpetrate sotto il regime di Pinochet e, se necessario, falsificare le prove che avrebbero ulteriormente coinvolto il dittatore sanguinario. 

Il dittatore Augusto Pinochet

Per raggiungere questo obiettivo, il KGB montò un’operazione speciale passata alla storia con il nome di “Tucano”. Dietro a questo piano, si celava la mente di Yurij Andropov, il potente capo del KGB all'epoca, che sarebbe poi succeduto a Leonid Brezhnev come leader dell'Unione Sovietica.

Yurij Andropov

LEGGI ANCHE: Le tre operazioni di intelligence più sensazionali del KGB 

Al centro dell'operazione c'era l'intento di dare in pasto ai giornalisti americani e agli attivisti dei diritti umani informazioni compromettenti sulle atrocità compiute da Pinochet in Cile. L'obiettivo finale degli agenti sovietici non era così difficile, considerato il bagno di sangue orchestrato dal regime di Pinochet.

Le donne dell'Associazione delle Famiglie dei Detenuti-Scomparsi manifestano davanti al Palazzo de La Moneda durante il regime militare di Pinochet

Alcuni dettagli di questo piano furono eseguiti “alla perfezione”: in particolare, il KGB falsificò la corrispondenza tra Pinochet e Miguel Contreras, capo della Direzione Nazionale di Intelligence del Cile. Una delle lettere raccontava nei dettagli un piano per assassinare gli oppositori politici di Pinochet in esilio in Argentina, Messico, Francia, Italia, USA e Costa Rica, mentre le altre lettere coinvolgevano la CIA nella cospirazione come parte della famigerata Operazione Condor, una campagna di repressione politica sostenuta dagli Stati Uniti in Sud America. 

L'edificio del quartier generale della CIA

Le false lettere piazzate dal KGB furono usate dai giornalisti investigativi americani, tra cui il noto Jack Anderson che scriveva per il New York Times, per rivelare le atrocità di Pinochet e il ruolo degli Stati Uniti nella loro perpetrazione.

Il Segretario di Stato americano Henry Kissinger con Pinochet, 1976

L'operazione Tucano influenzò notevolmente l’opinione pubblica americana nei confronti del regime di Pinochet e contribuì a mettere sotto pressione la CIA e la Casa Bianca sulla questione. 

Il dittatore fu infine arrestato a Londra il 10 ottobre 1998, dove subì un processo penale per violazione dei diritti umani, appropriazione indebita ed evasione fiscale e fu messo agli arresti domiciliari. Morì il 3 dicembre 2006 e non gli fu concesso un funerale di Stato.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie