Le cinque migliori auto russe di tutti i tempi

Kirill Safonov/TASS
Oggi non possono di certo competere con la Ferrari o la Rolls Royce, ma al momento della loro uscita sul mercato queste vetture rivoluzionarono l'industria automobilistica

1 / VAZ-2121 “Niva”, 1977

Una delle auto russe di maggior successo di tutti i tempi è “nata” il 5 aprile 1977. Questo SUV è stato realizzato appositamente per soddisfare le esigenze dei clienti delle zone rurali, in quanto si riteneva che la sua carrozzeria “alta” e le qualità del 4x4 fossero esattamente ciò di cui il paese aveva bisogno all'epoca.

Si è scoperto che non solo la Russia aveva bisogno di quest'auto: la nuova Lada Niva si rivelò immediatamente un successo internazionale e fu il modello di Lada più venduto all’estero.

Il segreto di questo successo è da ricercarsi probabilmente nella sua semplicità: si tratta infatti di un’auto particolarmente durevole e facilmente riparabile in caso di guasti. Inoltre, si adatta bene anche alle strade di città. Non sorprende quindi che la Lada Niva sia il SUV più longevo ancora oggi in produzione nella sua versione originale.

L'auto è apparsa addirittura in alcuni film, tra cui “Il bandito corso” e “Mechanic: Resurrezione”. Oggi è conosciuta con il marchio "Lada 4x4".

2 / KamAZ, 1976

“[...] là, nell'arretrata economia coloniale, appaiono giganti super-modernizzati”, scrisse l’11 agosto 1977 il New York Times, parlando della fabbrica costruita dai sovietici sul fiume Kama. La fabbrica “super-modernizzata” avrebbe presto dato i suoi primi frutti: un gigantesco camion che in pochi decenni avrebbe fatto il giro del mondo.

Nel 1996, il costruttore di KamAZ vinse il rally di Dakar e continuò a dominare il prestigioso rally internazionale collezionando ben 17 vittorie: il maggior numero di vittorie mai realizzate da una casa automobilistica!

Oggi KamAZ esporta i suoi camion in tutti i paesi post-sovietici, in America Latina, in Medio Oriente e in Africa. 

3 / UAZ-469, 1972

I giornali sovietici avevano pubblicato alcuni articoli su questa vettura molti anni prima che fosse ufficialmente prodotta e immessa sul mercato. Questo SUV divenne il veicolo principale dell'esercito sovietico, perlopiù adibito per il trasporto degli ufficiali. 

Questa vettura era in grado di avanzare su tracciati dove nessun’altra auto sarebbe stata in grado di andare!  

Fin dal suo successo iniziale, il primo modello di questo marchio continuò a ispirare la casa automobilistica russa, il che portò all'uscita di una gamma completamente nuova i veicoli, come la moderna UAZ Hunter e Patriot.

4 / Moskvich-412, 1967

La Moskvich è la versione aggiornata e modernizzata di un modello più vecchio, la Moskvich-408.

Questa piccola auto familiare aveva un motore rinforzato da 75 cavalli e 1,5 litri, simile a quello di una BMW “M 115”. Ciò ha permesso alla vettura di partecipare con successo a vari rally a livello internazionale.

Nel 1971, due Moskvich-412 presero parte a una gara di resistenza di 24 ore, conosciuta come la “24 ore di Spa”, che si svolse in Belgio. La Moskvich ha inoltre conquistato tutti i gradini del podio nel “Avon Round Britain Rally” del 1973 e ha ottenuto una vittoria di classe nel Safari Rally in Sud Africa.

Il successo di questo modello sui circuiti di gara si è tradotto in un successo commerciale a livello internazionale. La vettura fu assemblata - oltre che in URSS - in Bulgaria e in Belgio, dove fu ribattezzata rispettivamente “Rila” e “Scaldia”.

5 / ZIS-5, 1934

Questo leggendario camion è diventato il veicolo principale dell'Armata Rossa durante la Seconda guerra mondiale. Iniziò a essere prodotto nel 1934 e nove anni dopo contribuì notevolmente alla lotta contro la Germania nazista. 

Anche se oggi la ZIS-5 è percepita come un'auto tipicamente sovietica, si basava sull'Autocar, un camion prodotto negli Stati Uniti; ma è stato con i sovietici che la vettura ha raggiunto il suo scopo storico.

Non solo è diventato il principale camion dell'esercito, ma è stato anche fornito alla fazione repubblicana che ha combattuto i nazionalisti durante la guerra civile spagnola: l'Unione Sovietica ha fornito ai combattenti spagnoli oltre 2.000 camion.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie