In Unione Sovietica lo Stato costruiva chiese? (FOTO)

Anton Belitskij
Di certo sono più note le immagini degli abbattimenti, ma, nei circa settant’anni di vita dell’Urss, non mancarono momenti in cui vennero edificati luoghi sacri. Ma perché?

Il governo sovietico è noto per la sua violenta politica antireligiosa. I monasteri chiusi vennero in certi casi trasformati in prigioni; le chiese (e le sinagoghe e le moschee e altri luoghi di culto) divennero magazzini, laboratori o furono fatte saltare in aria.

LEGGI ANCHE: Le chiese al tempo della Rivoluzione: da luoghi di culto a prigioni e magazzini 

Tuttavia, ad esempio, nel 1921, a Mosca, la costruzione di un edificio sacro dei Vecchi Credenti, la chiesa di San Nicola di Bari (in russo: “Nikolàj Chudotvórets”) su piazza Tverskaja Zastava, quasi nel pieno centro della capitale, venne completata. Probabilmente, in quel momento i bolscevichi erano troppo impegnati nella Guerra Civile, ma anche in seguito il luogo sacro continuò indisturbato la sua attività, fino all’inizio della Seconda guerra mondiale.

Diverse chiese in legno apparvero nella seconda metà degli anni Venti in provincia: nelle regioni di Pskov, Vladimir, Arkhangelsk. Molte vennero successivamente chiuse al culto, tuttavia, sono sopravvissute fino a oggi.

Chiesa di Santa Parascheva di Iaşi (in russo: “Paraskéva Pjàtnitsa”) a Velikodvorje, regione di Vladimir, costruita nel 1924
Chiesa dei Santi Floro e Lauro, a Khrédino, regione di Pskov, costruita nel 1925

Mentre questa chiesa, costruita nel 1872 dal famoso architetto Nikolaj Shokhin (1819-1895), a quanto pare ai bolscevichi dispiacque demolirla. Nel villaggio di Ljublinó della Regione di Mosca (ora è un quartiere di Mosca, Ljublinó, assorbito, con la crescita della metropoli, nel 1960), dove si trovava la chiesa, si progettava di aprire una fonderia e così, nel 1927, l’edificio fu smontato, trasportato e riassemblato nel villaggio di Rýzhevo, nella Regione di Mosca.

La Chiesa dell’“Ingresso della Madre di Dio al Tempio” a Ryzhevo, Regione di Mosca, costruita nel 1872, ma trasferita qui nel 1927

Negli anni Trenta, le chiese non furono più costruite: anzi, da quelle esistenti furono rimosse in molti casi cupole metalliche e campane per fonderle e farne cartucce, e andarono perduti molti paramenti sacri. I bolscevichi uccisero o mandarono vari sacerdoti nei gulag. I loro figli (i preti ortodossi sono sposati) furono costretti a nascondere la parentela, altrimenti avrebbero potuto finire ai lavori forzati come parenti di nemici del popolo. Negli anni Trenta, più di 100.000 persone furono condannate per legami con la Chiesa.

Cosa cambiò poi?

Inizialmente, Stalin fu uno dei più implacabili combattenti contro la religione. Sotto di lui, in particolare, la Cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca venne fatta saltare in aria e migliaia di chiese e monasteri furono chiusi. 

LEGGI ANCHE: La Cattedrale di Cristo Salvatore, tra maledizioni e rinascita 

Tuttavia, come persona che aveva studiato in seminario, Stalin ben comprendeva l’importanza della religione per le persone. All’inizio della Seconda guerra mondiale, in un certo senso riabilitò la Chiesa ortodossa russa, permise le funzioni pasquali e le processioni e persino la riapertura di alcune chiese.

La maggior parte degli storici considera le sue azioni pragmatiche: era necessaria un’opera di agitazione patriottica per sollevare il morale dei soldati durante la guerra, e anche il sentimento religioso poteva giocare la sua parte. Nel 1943, Stalin incontrò persino i leader religiosi: in questo incontro fu eletto il patriarca e si concordarono delle forme di cooperazione tra la Chiesa ortodossa e il governo sovietico. 

LEGGI ANCHE: Perché Stalin si riconciliò con la Chiesa ortodossa russa? 

Chiesa di San Simeone di Verkhoturje, a Saraktash, regione di Orenburg

Già nel 1944, a Saraktash, nella regione di Orenburg, fu permessa la costruzione della Chiesa di San Simeone di Verkhoturje, e apparve una comunità religiosa. Negli anni Sessanta il luogo sacro fu chiuso e ricostruito, mentre nei primi anni Duemila al suo posto apparve la nuova Cattedrale della Santissima Trinità.

Chiesa dell’Arcangelo Michele a Magnitogorsk, costruita nel 1946

Chiesa di San Nicola di Bari a Magnitogorsk, costruita nel 1946

Dopo la guerra, in Urss furono costruite molte altre chiese, anche se solo nelle regioni lontane dalla capitale. Ad esempio, due di loro vennero edificate nella città industriale di Magnitogorsk, nella zona degli Urali, nel 1946.

Chiesa di San Nicola di Bari nella città di Mineralnye Vody, nel Caucaso, costruita nel 1950

Apparvero chiese anche in Asia centrale e in Kazakistan, dove i popoli di tutta l’Urss si stavano attivamente insediando.

Cattedrale della Resurrezione a Bishkek (allora Frunze), in Kirghizistan (allora Repubblica Socialista Sovietica Kirghiza), costruita nel 1944-47)
Cattedrale di San Nicola a Dushanbé (tra il 1929 e il 1961, Stalinabad), Tagikistan (allora Repubblica Socialista Sovietica Tagika), costruita nel 1943

Il Disgelo, ma non in campo religioso

Rovesciando il culto della personalità di Stalin, Nikita Khrushchev decise però di combattere anche gli altri “culti”, tra i quali ovviamente includeva tutte le religioni, “oppio dei popoli”. Tornando più fedelmente agli insegnamenti di Lenin, dette un giro di vite in campo religioso: le chiese furono nuovamente chiuse, i sacerdoti messi sotto sorveglianza. Khrushchev fece anche pressioni sui leader delle confessioni per vietare ai credenti il pellegrinaggio ai luoghi santi. Molti monumenti ecclesiastici furono trasferiti alla giurisdizione di organizzazioni culturali laiche. Nel 1964, fu fondato l’Istituto per l’Ateismo scientifico (chiuso poi nel 1991). Commissioni statali speciali si occuparono dei credenti.

Eppure, anche in questo periodo, nel Paese apparvero nuove chiese. Per diverse di esse, la decisione sulla costruzione era stata presa ai tempi di Stalin, morto nel 1953, e i lavori non furono fermati. 

Chiesa della Trasfigurazione del Salvatore ad Ajkino, Repubblica dei Komi, costruita nel 1956
Cattedrale dell’Arcangelo Michele a Karagandà, Kazakistan (allora, Repubblica Socialista Sovietica Kazaka), costruita nel 1946-54

E a Mosca, nel 1956, i fedeli ricostruirono a proprie spese e da soli una nuova chiesa di legno sul sito di una bruciata.

Chiesa di San Nicola di Bari a Birjuljov, Mosca, costruita nel 1956

Sotto la rigida politica statale, la costruzione delle chiese dipendeva spesso dalla comunità locale e dalla personalità del vescovo della singola diocesi. Ad esempio, Ermogen Golubev, arcivescovo di Tashkent e dell’Asia centrale nel 1953-60, si fece furbo e, avendo ricevuto il permesso di restaurare la vecchia chiesa di Tashkent, iniziò una rapida ristrutturazione ed espansione.

Cattedrale dell’Assunzione a Tashkent, Uzbekistan (allora, Repubblica Socialista Sovietica Uzbeka), costruita nel 1958

Prima che le autorità si accorgessero di quanto stava accadendo, la cattedrale era già pronta. Allo stesso modo, Ermogen riuscì a costruire luoghi sacri in diverse altre città dell’Asia centrale. Ben presto, però, fu rimosso dal suo incarico, sospettato di sentimenti anti-sovietici (negli anni Trenta, per lo stesso motivo, aveva passato 10 anni nei gulag).

Nuove relazioni Stato-Chiesa

Chiesa dell’Ascensione del Signore a Belovo, regione di Kemerovo. Nel 1974-76 fu ricostruita ampliando una piccola casa di preghiera risalente al 1946

Brezhnev, salito al potere nell’ottobre del 1964, ammorbidì la politica di Khrushchev nei confronti della Chiesa, e decise di usare la religione a suo vantaggio. Permise il ritorno di diversi edifici sacri ai credenti, e rese legali i riti ecclesiastici durante i funerali e i simboli religiosi sulle tombe.

Chiesa del Santo Arcangelo Michele a Novokuznetsk, costruita nel 1975

Tuttavia, sotto Brezhnev, la lotta contro i dissidenti entrò anche nella sfera ecclesiastica. I sacerdoti furono costretti a collaborare con i servizi segreti e a violare il segreto della confessione. Inoltre, erano tenuti sotto stretto controllo, per vedere che fossero davvero fedeli alle autorità.

Chiesa dell’Annunciazione della Beata Vergine Maria ad Abaza, Repubblica di Khakassia, costruita nel 1980

Allo stesso tempo, diversi edifici sacri furono espansi, completati e persino, se necessario, costruiti da zero in quel periodo. Tra gli anni Settanta e l’inizio degli anni Ottanta apparvero diverse nuove chiese in varie città dell’Urss.

Chiesa dell’Intercessione della Santissima Vergine a Prokopjevsk, Regione di Kemerovo, ricostruita nel 1979-1983, ampliando una casa di preghiera

Durante la perestrojka di Gorbachev, la politica religiosa venne rivista e, dalla fine degli anni Ottanta, le chiese precedentemente chiuse vennero restituite alla Chiesa. Nel 1990 fu emanata la legge “Sulla libertà di culto”.


Come ha fatto la Chiesa ortodossa a sopravvivere a 70 anni di ateismo nell’Urss? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie