Ritratti di nudo ai tempi dell’URSS: così in spiaggia si prendeva il sole senza veli

Dopo la Rivoluzione d’ottobre l’atteggiamento nei confronti del corpo cambiò radicalmente e si impose la convinzione che la pudicizia non fosse altro che un retaggio della cultura borghese

La rivoluzione sessuale, che irruppe nel neonato paese sovietico dopo la Rivoluzione d’ottobre, portò con sé una ventata di libertà: la vergogna per il proprio corpo venne percepita come una reliquia della cultura borghese. E così il nudo si impose in varie sfere della società e della cultura, diventando un genere molto popolare anche nella fotografia. 

Il nudismo era una cosa completamente nuova per il paese. E vista l’importanza dei bagni di sole e del nuoto come toccasana per temprare il corpo degli uomini e delle donne sovietiche, stanchi dopo il duro lavoro nei campi, nacque così la tendenza di riposare sulle rive di laghi e fiumi senza veli. 

Negli anni ‘20 nacque addirittura una società dal nome alquanto radicale, “Abbasso la vergogna”, convinta che la vera uguaglianza dei sessi potesse essere raggiunta solo spogliandosi. Raccontiamo quel periodo di rivoluzioni in foto. 

La spiaggia per nudisti della società "Abbasso la vergogna", 1928

Lilya Brik, musa del poeta Vladimir Mayakovskij, in abito trasparente

Nuda, 1920

Asya Zagorskaya, anni ‘20

Bagni di sole su una spiaggia della Crimea, 1933

Un operaio e alcune ragazze del kholkoz su una spiaggia della Crimea, 1931

Operai della fabbrica “Vittoria proletaria” in vacanza con i figli in Crimea, 1932

Operai della fabbrica “Vittoria proletaria” in vacanza con i figli in Crimea, 1932

Spiaggia femminile, 1934

Bagno nuda, 1930

Ragazze del kholkoz prendono il sole su una spiaggia della Crimea, 1931

Vacanzieri sulla spiaggia del sanatorio “Kubuch”, in Crimea, 1932

Ragazzi e ragazze della fabbrica “Standartbeton” durante un bagno nel fiume Moscova, 1940

Bagnanti nudi su una spiaggia vicino a Sochi, 1940

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie