I tre migliori carri armati sovietici della Seconda guerra mondiale che terrorizzarono i nazisti

Aleksej Danichev/Sputnik
Resistenti alla maggior parte delle armi nemiche, furono i veri protagonisti di alcune battaglie

1 / T-34-76 (Т-34-85) 

"Il T-34, con la sua armatura, la sua forma ideale e il grandioso cannone 76,2 mm, ci metteva in soggezione. Tutti i carri armati tedeschi ne avevano paura. Ne ebbero paura fino alla fine della guerra! Cosa potevamo fare contro questi mostri che venivano lanciati contro di noi?". Queste parole furono scritte dal militare tedesco, Otto Carius, comandante di carri armati della Wehrmacht. 

Questi carri armati sovietici si rivelarono infatti un vero incubo per i tedeschi, soprattutto nel primo periodo della loro invasione in URSS. Né i loro carri armati, né il loro principale cannone anticarro - il 37mm Pak 36 - potevano fare nulla contro il miglior carro armato della Seconda guerra mondiale. 

Il T-34 poteva facilmente colpire i carri armati nemici a distanza di un km e mezzo, mentre i suoi avversari dovevano raggiungere una distanza suicida di circa 500 metri per penetrare efficacemente la sua armatura da 45 mm. L'arma più efficace per combattere i T-34 era il cannone antiaereo da 88 mm, uno dei cannoni di maggior successo della seconda guerra mondiale, utilizzato anche dai tedeschi. 

Il consumo di carburante del T-34 era quasi il doppio rispetto a quello del suo principale concorrente, il Panzer IV. Poteva percorrere fino a 300 km con il serbatoio pieno, rispetto ai 200 km del carro armato tedesco. 

Veloce, ben protetto e ben armato, il T-34 aveva però alcuni punti deboli: il problema principale erano le dimensioni ridotte della sua torretta, in grado di contenere solo due membri dell'equipaggio: un comandante e un caricatore. Ciò costringeva il comandante a svolgere anche il ruolo di artigliere, il che comprometteva l'efficienza del carro armato sul campo di battaglia.

Nella primavera del 1942, la Wehrmacht iniziò a ottenere i cannoni anticarro Pak 40 da 75 mm, montati anche sul Panzer IV come Kwk 40, che si rivelarono molto efficaci contro i carri armati sovietici. Le cose però peggiorarono quando entrarono in scena Tigers e Panthers, nel 1942-1943.

Ma i sovietici non se ne stettero con le mani in mano: nel 1944 vennero introdotte delle modifiche al T-34, tra cui una torretta più grande che permetteva di ospitare una terza persona (un mitragliere).

2 / KV-1         

I tedeschi chiamavano questo carro armato pesante sovietico "il mostro russo" o "il fantasma". Nell'estate del 1941, il KV-1 terrorizzò i soldati della Wehrmacht esattamente come fece il famoso T-34. E anche se non era così veloce come quest'ultimo (33 km/h contro 53 km/h), il KV era meglio protetto (75mm contro 45mm).

I carri armati tedeschi e l'artiglieria anticarro si rivelarono inutili contro questi carri sovietici; gli unici strumenti efficaci per fermarli furono i bombardieri subacquei Ju-87m, e i cannoni antiaerei da 88 metri.

Nel giugno 1941, vicino alla città lituana di Raseiniai (nella contea di Kaunas, ndr), il KV-1 dimostrò di essere davvero una "fortezza indistruttibile", così come lo chiamavano alcuni soldati tedeschi: uno di questi carri armati sovietici si ritrovò proprio in mezzo alla strada nella retroguardia nemica, e riuscì a bloccare il traffico di un'intera divisione della Wehrmacht. 

"Era impossibile fare il giro del carro armato - riferirono più tardi i tedeschi -. Non potevamo contrattaccare o evacuare i nostri feriti: stavano morendo", In quell’occasione il KV-1 distrusse 12 anche camion di rifornimento.

Tutti i tentativi di far fuori il carro armato sovietico con cannoni anticarro da 50 mm e con più potenti obici da 105 mm si rivelarono inutili. 

Infine, l'eroico KV fu colpito da una granata da 88 mm. Cinque membri dell'equipaggio e un soldato non identificato, trovato nel carro armato, furono sepolti dai tedeschi con gli onori militari.

Bisogna però precisare che il KV-1 era ben lungi dall'essere un carro armato ideale: il suo problema principale era la mancanza di affidabilità tecnica. Spesso questi mezzi si rompevano ancor prima di arrivare al fronte e venivano abbandonati dai loro equipaggi. 

Con la comparsa dei Tigers, i KV con i loro cannoni da 76 mm divennero obsoleti e vennero messi da parte per lasciare il posto alla nuova generazione di carri armati pesanti, la Joseph Stalin, chiamata semplicemente IS.

3 / IS-2

I carri armati pesanti IS-2 non avevano bisogno di riunirsi in branchi per combattere i Tigers e i Panthers tedeschi. Dotati di armature da 100 mm e armati con cannoni da 122 mm, erano in grado di fronteggiare il nemico ad “armi pari”.

Anche se il cannone D25-T dell'IS-2 era più potente dell'88mm KwK43 dei Tiger, richiedeva più di 20 secondi per essere ricaricato, mentre i carri armati pesanti tedeschi necessitavano appena 10 secondi e avevano, quindi, più tempo per un fuoco preciso. Tuttavia i carri armati sovietici avevano un vantaggio sulle lunghe distanze.

"Il carro armato Joseph Stalin che abbiamo incontrato nel 1944 era uguale al Tiger. Era significativamente migliore in termini di forma (come il T-34)", scrisse Otto Carius nelle sue memorie. In definitiva, l'esito dei duelli tra IS e Tiger dipendeva spesso dall'abilità e dall'addestramento dell’equipaggio. 

Ma il compito principale dei mezzi IS-2 non era combattere i Tigers: questi carri armati “rivoluzionari” vennero utilizzati soprattutto per gli assalti alle città europee, trasformate dai nazisti in fortezze praticamente inespugnabili. 

Gli IS-2 avanzarono rapidamente lungo le strette vie delle città polacche, ungheresi e tedesche, come bulldozer che lungo il percorso distruggevano le fortificazioni nemiche, le barricate e i fortini. Raggiunta la piazza centrale, gruppi d'assalto di mitraglieri, cecchini e lanciafiamme sovietici saltavano giù dai carri armati per occupare posizioni strategiche. Fu proprio così che i più potenti carri armati sovietici dell'epoca assalirono Berlino: furono i primi nell'Armata Rossa ad aprire il fuoco sul Reichstag.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie