Quali dinosauri vivevano sul territorio dell’attuale Russia? Eccone 14 davvero insoliti

Museo Paleontologico, Fred Wierum (CC BY-SA 4.0)
A lungo la paleontologia russa non ha riservato grosse soddisfazioni, ma recentemente sono stati portati alla luce diversi scheletri di specie non ancora conosciute. E alcuni sauri sono diventati così popolari nelle regioni dove li hanno trovati, da finire persino sulle bandiere e sugli stemmi di quei remoti distretti

“I dinosauri russi, sono come i serpenti d’Irlanda; l’unica cosa per cui sono famosi è che non ci sono”, scrisse il famoso paleontologo americano Otniel Charles Marsh (1831-1899) alla fine del XIX secolo. Infatti, per molto tempo, nell’enorme territorio della Russia non ne erano stati trovati. Perché? Quattro fattori hanno giocato contro i “dinosauri russi”.

Innanzitutto, nell’era del mesozoico, quando vivevano i dinosauri, un terzo del territorio della Russia contemporanea era mare, e i dinosauri nel senso classico del termine vivevano sulla terra. Mosasauri giganti, ittiosauri o plesiosauri erano stati trovati anche qui, ma appartengono all’elenco dei dinosauri marini.

In secondo luogo, per trovare i dinosauri, è necessario che i loro resti siano caduti nei cosiddetti “luoghi di accumulo di sedimenti” (laghi, paludi, spiagge) e lì si siano rapidamente coperti di sedimenti, il che ha permesso loro di non essere mangiati da altri animali o batteri, e di non essere distrutti da vento, sole, acqua. Insomma, i loro resti a volte hanno avuto la fortuna di sopravvivere, ma ciò non accade così spesso.

In terzo luogo, a differenza dell’America, dove ci sono molte terre desolate che non sono adatte all’agricoltura e sono favorevoli alla ricerca di dinosauri, in Russia la maggior parte dei territori potenzialmente con dinosauri sono coperti da foreste inaccessibili in cui è di fatto impossibile condurre ricerche.

E infine, in quarto luogo, c’era una banale mancanza di specialisti. Storicamente, i palentologi sono sempre stati pochissimi in Russia e anche adesso non ce ne sono che una decina attivi.

Tuttavia, nonostante tutte le difficoltà, i dinosauri sono stati trovati sul territorio russo. Sebbene non tutti i frammenti rinvenuti siano stati identificati, molte diverse specie di dinosauri che un tempo vivevano nel territorio della Russia moderna sono ora conosciute. Ecco le 14 più interessanti.

1 / Nipponosaurus (Isola di Sakhalin)

Dinosauro erbivoro dal becco d’anatra che visse durante il periodo del Cretacico superiore (Santoniano-Campaniano; tra 85,8 e 70,6 milioni di anni fa), il nipponosauro fu scoperto dal paleontologo Takumi Nagao nella parte meridionale dell’Isola di Sakhalin nel 1934, quando questo territorio era ancora giapponese (dal cui il nome di “nippono-saurus”). Fu trasferito dagli scienziati giapponesi per essere studiato meglio (ora è conservato a Tokyo), e da quando l’isola è diventata russa, non sono stati trovati altri nipponosauri. Ma non rinunciamo alla speranza!

2 / Amurosaurus (Blagoveshchensk, Regione dell’Amur)

Un altro dinosauro dal becco d’anatra che visse sul territorio della Russia all’incirca nello stesso periodo, 70-66 milioni di anni fa, è stato descritto scientificamente nel 1991 e ha ricevuto il nome di “amurosauro” in onore del fiume Amur. Nelle prime ossa di questi dinosauri si imbatterono alcuni scienziati russi all’inizio del XX secolo, ma per molto tempo non fu possibile ricostruire la struttura dello scheletro di questo antico gigante. Ora si sa che era un dinosauro erbivoro piuttosto grande (3 metri al garrese) con una cresta sulla testa, e che aveva diverse migliaia di denti in bocca, il che gli permetteva di macinare praticamente qualsiasi cibo. Inoltre, gli scienziati hanno trovato dei denti su cui avevano agito i succhi gastrici, il che significa che gli amurosauri potevano ingoiare i vecchi denti!

3 / Olorotitan (Kundur, Regione dell’Amur)

Negli stessi luoghi, è stato trovato un altro grande dinosauro dal becco d’anatra risalente al Cretacico superiore (Maastrichtiano, circa 70 milioni di anni fa): l’olorotitan. Poteva raggiungere 12 metri di lunghezza, aveva una grande cresta cava, che probabilmente veniva usata per emettere suoni, come una sorta di tromba. Le ossa fossili di olorotitan furono scoperte nel 1991 e nel 1999 venne trovato uno scheletro quasi completo, che fu la prima scoperta di uno scheletro di dinosauro integro con tanto di articolazioni sul territorio della Russia.

4 / Kerberosaurus (Blagoveshchensk, Regione dell’Amur)

Anche l’erbivoro kerberosaurus, che deve il nome a Cerbero, il cane a tre teste della mitologia greca, fu trovato sulle rive del fiume Amur, in un sito risalente a 70-66 milioni di anni fa. Secondo gli scienziati, era un grande sauro, lungo circa 10 metri, e nonostante non avesse una cresta, aveva ancora una serie di caratteristiche dei dinosauri a becco d’anatra, vale a dire: un becco largo e numerosi denti con cui sminuzzava il cibo. Fu probabilmente tra gli ultimi dinosauri a vivere sul Pianeta.

5 / Kulindadromeus (Kulinda, Territorio della Transbajkalia)

Il kulindadromeus, erbivoro, visse tra il Giurassico medio e quello superiore (tra Bathoniano e Titoniano, circa 165-145 milioni di anni fa) ed è stato scoperto dagli scienziati russi nel 2010. È stato trovato uno scheletro quasi completo con resti della pelle, che è diventato uno dei reperti più singolari in Russia. Era un piccolo dinosauro bipede, lungo circa un metro e mezzo, che aveva diversi tipi di pelle su diverse parti del corpo: tre tipi di squame sugli arti posteriori, coda, testa e petto, tre tipi di piume sull’omero, ossa e gambe della coscia. La scoperta è stata importante non solo per gli scienziati, ma anche per l’amministrazione locale: un’immagine del primo dinosauro piumato è apparsa sullo stemma del distretto Chernyshevskij del Territorio della Transbajkalia.

6 / Psittacosaurus (Shestakovo, Regione di Kemerovo)

Un altro dinosauro che ha avuto l’onore di finire su uno stemma e una bandiera di un distretto, quello Chebulinskij della Regione di Kemerovo, è lo psittacosaurus, che fu scoperto in Siberia nel 1953. Dinosauro erbivoro del periodo Cretacico (129-113 milioni di anni fa), lo “psittacosauro siberiano” raggiungeva i 185 cm di lunghezza e il peso di 30 kg, ed è stato descritto come il più grande rappresentante del suo genere. È anche chiamato “dinosauro pappagallo” per il suo strano aspetto: aveva un becco, escrescenze simili a corna, e spine o piume sulla coda.

7 / Kileskus aristotocus (Sharypovo, Territorio di Krasnojarsk)

Uno dei ritrovamenti più interessanti, avvenuto nel Territorio di Krasnojarsk, è quello del primo dinosauro predatore in Russia. È stato trovato dallo storico locale e paleontologo dilettante Sergej Krasnolutskij vicino alla città di Sharypovo. Il dinosauro, a cui è stato dato il nome di “Kileskus”, visse circa 168-166 milioni di anni fa ed era uno dei parenti più antichi (e in dimensioni ridotte) del famoso Tyrannosaurus rex! Raggiugeva i 5-6 metri di lunghezza e 1,7 metri di altezza e pesava fino a 250 chili. 

8 / Stegosaurus (Sharypovo, Territorio di Krasnojarsk)

Nello stesso posto, Krasnolutskij ha rinvenuto anche uno scheletro gigante di uno stegosauro erbivoro vissuto circa 175 milioni di anni fa. È uno degli scheletri più completi mai trovati in Russia e il più antico scheletro di stegosauro al mondo. Gli Stegosauri raggiungevano circa 4 metri di altezza, con una lunghezza di 9 metri e un peso fino a 4,5 tonnellate. Tuttavia, il loro cervello pesava solo 80 grammi. Tuttavia, lo stegosauro siberiano aveva parametri più piccoli, delle dimensioni di una mucca, e potrebbe essere il progenitore dei suoi parenti più grandi. Gli Stegosauri sono stati trovati anche presso il ruscello Teete in Jakuzia e quegli esemplari erano di 5-6 metri di lunghezza e dal peso di circa 3-4 tonnellate. 

9 / Allosaurus (Teete, Jakuzia)

In Jakuzia, oltre agli stegosauri, sono stati trovati i resti di uno dei più grandi predatori del suo tempo (tra 155 e 145 milioni di anni fa, durante il periodo Giurassico; nel Kimmeridgiano e ai primi del Titoniano); un allosauro. Erano animali lunghi circa 7 metri e alti 2-2,5 metri e del peso di una tonnellata. Nonostante l’enorme bocca con denti piegati verso l’interno lunghi fino a 10 centimetri, gli scienziati hanno scoperto che il suo morso era più debole di quello del leone moderno. Il cranio, a sua volta, poteva resistere a una forza che superava la forza di un morso di 15 volte; quindi l’allosauro usava la testa come un’ascia.

10 / Ankylosauria (Teete, Jakuzia)

Gli anchilosauri, erbivori dalla corazza ossea, abitavano anche il territorio dell’attuale Jakuzia. I resti di questo antico animale lungo circa 3-4 metri e alto 1-1,2 metri sono stati trovati nel ruscello Teete. Avevano denti molto piccoli e la loro schiena era parzialmente o completamente coperta da un guscio osseo. Scudi di Ankylosaurus, antichi 80 milioni di anni, sono stati trovati anche nella regione di Volgograd. Secondo gli scienziati, questi erano animali flemmatici che vivevano sulle rive dei corsi d’acqua. Erano protetti come un carro armato da predatori e specie pesanti, tuttavia non affondavano nelle paludi, grazie al fatto che le loro dita finivano con ampi zoccoli. 

11 / Riabininohadros (Crimea)

Alcuni dei dinosauri russi più giovani in termini geologici sono stati trovati in Crimea. Nel 1934, vicino Bakhchisaraj furono scoperti i primi resti di dinosauri, e successivamente il famoso geologo Anatolij Rjabinin decise che le ossa trovate appartenevano a una specie sconosciuta di dinosauro dal becco d’anatra, vissuto 68-66 milioni di anni fa. Secondo lo scienziato, la Penisola di Crimea (che allora poteva anche essere un’isola) potrebbe essere diventata una specie di rifugio per i Riabininohadros (nome ancora non ufficiale nella letteratura scientifica), che lottavano per sopravvivere. Erano di dimensioni relativamente ridotte, alto 2,5 metri e lungo fino a 7 metri. Un tipico sauro erbivoro che adorava pascolare vicino a specchi d’acqua dolce.

12 / Tengrisaur (Gusinoozersk, Buriazia)

Questo gigante erbivoro del periodo Cretacico (vissuto 120-100 milioni di anni fa) prende il nome dal dio principale della mitologia mongolo-turca: Tengri. È stato descritto dagli scienziati russi Averianov e Skutschas nel 2017 sulla base di tre vertebre caudali. Questo è il primo sauropode russo ad aver ricevuto un nome nella classificazione scientifica. Raggiungeva una lunghezza di 12 metri e pesava fino a 20 tonnellate.

13 / Sibirotitan (Shestakovo, Regione di Kemerovo)

Un altro sauropode di dimensioni impressionanti, che visse sul territorio della Russia circa 120 milioni di anni fa, è il Sibirotitan, riconosciuto ufficialmente nel 2017. Denti, vertebre e un osso sacro lungo circa mezzo metro, trovati in diversi anni vicino al villaggio di Shestakovo, nella regione di Kemerovo, una delle più ricche di ossa di dinosauro, hanno aiutato gli scienziati a descrivere questa nuova specie. Non era il più grande rappresentante del suo gruppo: aveva una lunga coda massiccia e un collo allungato, pesava circa 10 tonnellate e la sua lunghezza dalla testa alla punta della coda era di circa 12 metri. Il Sibirotitan, quadrupede, si nutriva di piante e, a causa delle sue dimensioni impressionanti, veniva raramente attaccato dai predatori. 

14 / Volgatitan (Uljanovsk, Regione di Uljanovsk)

Più di recente, alla fine del 2018, gli scienziati russi hanno completato una descrizione di un nuovo dinosauro, i cui resti sono rimasti nel terreno sulle rive del Volga per circa 130 milioni di anni. Nel 1982 furono scoperte tre vertebre giganti e parecchi anni dopo ne furono ritrovate nello stesso posto diverse altre, ma solo recentemente gli scienziati sono stati in grado di determinare che appartenevano a un rappresentante dei titanosauri precedentemente sconosciuto. Ha ricevuto il nome Volgatitan simbirskiensis (Simbirsk era il vecchio nome di Uljanovsk fino al 1924, quando la città venne ribattezzata così in onore di Lenin, che all’anagrafe si chiamava Vladimir Uljanov). Il Volgatitan è un rappresentante di giganteschi dinosauri erbivori con un collo e una coda lunghi, vissuti circa 65-200 milioni di anni fa. Anche se, notano gli scienziati, il peso dell’antica lucertola delle rive del Volga non era tra i maggiori in mezzo ai suoi simili: “appena” 17 tonnellate.

L’Homo sapiens è apparso in Russia molto prima che in Europa? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie