Così il parlamento russo cercò di avviare l’impeachment contro Boris Eltsin

AP
La procedura di impeachment fu intrapresa tre volte nella storia della Russia moderna. Ma ogni tentativo si rivelò fallimentare

Dopo che la speaker della Camera Usa, Nancy Pelosi, nei giorni scorsi ha annunciato l’avvio dell’inchiesta di impeachment per il presidente americano Donald Trump, Russia Beyond fa un passo indietro nella storia russa per raccontarvi come l’ex presidente russo Boris Eltsin riuscì a resistere a tre tentativi di impeachment. 

I primi due tentativi nel 1993 

Boris Eltsin fu eletto presidente della Federazione Russa nel 1991, subito dopo il crollo dell’Unione Sovietica. Ma nel marzo del 1993 la crisi interna che stava attanagliando il governo arrivò all’apice. Il Congresso dei deputati del popolo, organo politico ereditato dal periodo sovietico, si rivoltò contro il presidente e la sua politica, lasciando intendere che Eltsin e le sue riforme economiche stavano portando il paese sull’orlo del disastro. 

La procedura di impeachment fu avviata dopo un discorso televisivo rivolto dal capo di Stato alla popolazione, nel quale dichiarò che avrebbe autorizzato un regime speciale di governo fino al referendum di fiducia nei confronti del presidente e del parlamento (il referendum avrebbe dovuto svolgersi nell'aprile 1993). 

Il significato di “regime speciale” non è del tutto chiaro, ma gli eventi che ne conseguirono hanno completamente privato di importanza questa domanda. 

Il Congresso dei deputati del popolo si rivolse alla Corte costituzionale della Russia, sostenendo che la decisione di Eltsin fosse anticostituzionale. La Corte quindi consentì l’impeachment. Il Congresso, tuttavia, non raccolse abbastanza voti per l’impeachment: 617 su 1033 (ne servivano 689). 

Visto il fallito tentativo di impeachment, il Congresso annunciò un referendum sulla fiducia al presidente Eltsin. La maggior parte dei russi espresse la propria fiducia nei confronti del presidente, dandogli il sostegno sufficiente per portare avanti una riforma costituzionale e avviare la decisione di sciogliere il Congresso dei deputati del popolo. 

Nel settembre del 1993, il Soviet supremo della Federazione Russa (un parlamento permanente, eletto dal Congresso dei deputati del popolo) dichiarò incostituzionale l’azione di Eltsin di sciogliere il Congresso dei deputati del popolo, sostenendo che si trattasse di un vero colpo di stato.

Il Soviet supremo pose formalmente fine alla presidenza di Eltsin, accusato di aver violato la Costituzione. Questo passò alla storia come il secondo impeachment. 

Ne seguì un conflitto militare tra Eltsin e il Soviet supremo, con terribili perdite di vite umane. Alla fine il Soviet supremo e il Congresso dei Deputati del popolo, organi dell’ormai obsoleto sistema politico sovietico, furono sciolti. Nel dicembre 1993 i russi votarono in un referendum per la nuova Costituzione.

Il tentativo di impeachment del 1999

Il terzo, e ben più celebre, tentativo di impeachment del presidente Boris Eltsin fu avviato dal Partito Comunista della Federazione Russa nel 1998. I comunisti sostenevano che Eltsin avesse commesso 5 grandi crimini politici durante il suo mandato, e lo condannarono per questo. 

La prima fase della procedura di destituzione fu il volto della Duma di Stato (la camera bassa del parlamento russo), che contava 450 deputati. I membri della Duma dovevano votare separatamente su ciascuna delle 5 istanze. Ma nessuna delle accuse ottenne i 300 voti necessari per proseguire con la procedura di impeachment. 

  1. Il crollo dell’Unione Sovietica. I comunisti sostenevano che la decisione di dissolvere l’Urss, approvata e attuata da Eltsin nel 1991, avrebbe ridotto drasticamente il potere economico, militare e politico del paese e di altre repubbliche sovietiche. 239 voti su 450.
  1. Crisi costituzionale del 1993. I comunisti credevano che le azioni di Eltsin del 1993 (le azioni che portarono al primo e al secondo tentativo di impeachment di Eltsin) fossero incostituzionali e che fossero effettivamente un colpo di stato. 263 voti su 450.
  1. Lo scoppio della guerra in Cecenia. Il Partito Comunista sostenne che l'ordine di Eltsin di avviare un'azione militare in Cecenia nel dicembre 1994 fosse un crimine che costò la vita a moltissime persone. 283 voti su 450.
  1. Indebolimento della difesa nel paese. Secondo il Partito Comunista, molte azioni attuate da Eltsin (come la riduzione delle spese statali per l'industria della difesa, la riduzione del bilancio militare complessivo e così via) sarebbero state finalizzate a distruggere il sistema militare nel paese. 241 voti su 450.
  1. Il genocidio del popolo russo. Secondo il Partito Comunista, Eltsin sarebbe stato il responsabile della diminuzione della popolazione russa dal 1992 al 1998 e della situazione di povertà generale del paese. 238 voti su 450.

Alla fine, nessuna di queste accuse raccolse i voti sufficienti per avviare l’impeachment. Tuttavia, alla fine del 1999, fu chiaro che Eltsin era intenzionato a lasciare l’incarico. Si dimise il 31 dicembre 1999, nominando a sorpresa Vladimir Putin come suo successore. 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie