Quelle foto inedite che mostrano Sebastopoli dopo l’occupazione nazista

Ministero russo della Difesa
Il Ministero russo della Difesa ha rivelato le immagini d’epoca che raccontano una città distrutta, pochi giorni dopo la sua liberazione

L’occupazione da parte dei nazisti di Sebastopoli, nel sud-ovest della penisola della Crimea, avvenne al principio del secondo conflitto mondiale e segnò l’inizio della Grande guerra patriottica. Nel 1941 la città, che ospitava la Flotta del Mar Nero, fu la prima a finire nel mirino dell’aviazione di Hitler. 

“La Crimea dovrebbe essere ripulita da tutti gli stranieri e governata dai tedeschi”, disse Adolf Hitler il 19 luglio 1941. Ma prima di cadere nelle mani dei nazisti, la città organizzò una tenace difesa che durò 250 giorni.

Quasi immediatamente apparvero più di 20 campi per prigionieri di guerra. L’occupazione durò fino al 9 maggio 1944. 

A distanza di 75 anni, il Ministero russo della Difesa ha reso noti documenti d’archivio e fotografie d’epoca che raccontano la liberazione della città. 

Le scritte sul retro delle foto furono fatte da uno dei primi ufficiali dell’esercito ad aver messo piede tra le rovine della città liberata.

La Cattedrale Pokrovsky distrutta dai tedeschi
Edifici residenziali in via Lenin distrutti dagli invasori
La sede della Flotta del Mar Nero distrutta dai tedeschi
Sede della Biblioteca Marittima
Sede della Biblioteca Marittima
Edificio residenziale in via Lenin
Teatro Lunacharskij fatto esplodere e bruciato
Istituto tecnico
Fabbrica in via Karl Marx
Statua decapitata di Eduard Totleben (generale russo)

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie