Quattro fatti poco noti sulla guerra più disastrosa per la Russia, quella contro il Giappone

Getty Images
Il conflitto del 1904-1905 dette solo amarezze all’Impero russo e destabilizzò il Paese, favorendo l’acuirsi delle tensioni rivoluzionarie

La marina russa subì la sua più grande sconfitta di sempre 

La più terribile sconfitta navale della storia russa avvenne nello stretto di Tsushima, tra il Giappone e la Penisola coreana, il 27-28 maggio del 1905. La Seconda flotta del Pacifico, composta da 38 navi da guerra, fu completamente annientata dalla flotta giapponese, che poteva contare su 89 unità in più. 

Tuttavia, i numeri non erano l’unico elemento a vantaggio dei nipponici. La maggior parte delle loro navi erano due volte più veloci di quelle russe e più moderne e avanzate. Inoltre, i marinai giapponesi avevano un’esperienza di combattimento di gran lunga maggiore rispetto ai colleghi russi. 

Come risultato della battaglia, 21 navi russe furono affondate, sette furono catturate, sei ripararono in porti neutrali, dove furono bloccate (solo poche riuscirono poi a fuggire). 

A causa della catastrofe di Tsushima, l’Impero russo cessò di essere una superpotenza navale. Per decenni, la parola “Tsushima” divenne sinonimo di sconfitta totale, come “Caporetto” nella lingua italiana o “Bérézina” in francese. 

La spedizione era partita sotto una cattiva stella: per un errore marchiano all’inizio del lungo trasferimento delle navi dal Baltico al Pacifico, la Russia rischiò di entrare in guerra anche contro la Gran Bretagna!  

Il Montenegro, alleato della Russia, rimase in guerra con il Giappone per oltre un secolo  

Per ringraziare la Russia per il suo sostegno politico ed economico di lunga data, il Principato del Montenegro dichiarò guerra al Giappone. Fu un gesto di natura più che altro simbolica, dal momento che nessuna unità militare montenegrina fu inviata in Estremo Oriente per combattere contro i giapponesi (a parte pochi volontari). 

Tuttavia, quando la Russia e il Giappone firmarono il trattato di pace nel 1905, il Montenegro fu snobbato, e quindi tecnicamente rimase in guerra. 

Dopo la Prima guerra mondiale il Paese perse la sua sovranità per quasi un secolo. Durante il suo breve periodo di “indipendenza” come stato fantoccio italiano, il Regno del Montenegro, durante la Seconda guerra mondiale, non fu riconosciuto dai giapponesi, e un trattato di pace non venne firmato.

Solo nel 2006, dopo che il Montenegro ha divorziato dalla Serbia ed è apparso nuovamente sulla mappa del mondo, i due Paesi hanno messo in ordine i loro rapporti. La “guerra” montenegrino-giapponese è ufficialmente finita dopo 101 anni. 

La Russia non vinse neanche una singola grande battaglia 

Non una sola grande battaglia della guerra russo-giapponese fu vinta dalle truppe russe, non una singola offensiva o incursione ebbe successo, e persino l’eroica lunga difesa della fortezza di Port Arthur terminò con la sua resa. 

Tuttavia, non tutti gli episodi della guerra furono catastrofici per l’esercito russo. Durante la Battaglia di Mukden (21 febbraio-11 marzo 1905), la più grande e sanguinosa della guerra, le perdite giapponesi furono due volte quelle russe (15 mila contro 8 mila). Anche se l’esercito russo fu costretto ad abbandonare Mukden e si ritirò, i giapponesi definirono questa battaglia una “vittoria insicura”, che minò significativamente il loro spirito bellico. 

Il successo non fu raggiunto in aperta battaglia, ma con astuzia da parte dei marinai russi. Durante l’assedio di Port Arthur, scoprirono che due navi da guerra giapponesi, la Hatsuse e la Yashima, usavano la stessa rotta ogni giorno durante le missioni di pattuglia. Il posamine Amur approfittò della nebbia per disseminare di nascosto il percorso di mine e le due navi furono distrutte il giorno seguente. 

Un generale giapponese conquistò una roccaforte russa, ma, invece di sentirsi un eroe, si suicidò

La terza armata giapponese, guidata dal generale Nogi Maresuke, assediò la fortezza russa di Port Arthur nella provincia cinese di Liaoning nel luglio 1904. La lunga difesa durò fino al 2 gennaio 1905 e costò ai giapponesi 56 mila morti, compresi due dei figli di Nogi. 

Quando alla fine la fortezza si arrese, Maresuke fu proclamato eroe nazionale del Giappone. Tuttavia, lui vedeva questi eventi in una luce completamente diversa. 

Il generale riferì personalmente all’imperatore Meiji della presa della fortezza. Ma poi ruppe in pianto e chiese perdono per la perdita di tanti soldati giapponesi. 

Maresuke chiese al sovrano di permettergli di mettere fine alla sua vita con un suicidio rituale: il seppuku. Meiji si rifiutò di incolpare il generale e la richiesta fu rifiutata, finché l’imperatore restò in vita.

Nogi Maresuke tornò alla vita civile, diventando un mentore per il futuro imperatore Hirohito e costruendo ospedali per invalidi di guerra e memoriali per i caduti del conflitto.

Tuttavia, poco dopo la morte dell’Imperatore, Maresuke si considerò libero dal volere di quest’ultimo, e si suicidò assieme a sua moglie il 13 settembre 1912.

 

Quindici manifesti sulla guerra con il Giappone che la Russia perse catastroficamente 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie