Vacanze sovietiche: quando il relax è un tuffo nel passato

Multimedia Art Museum, Mosca
Il progetto di un gruppo di fotografi, esposto oggi nel centro Maneggio di Mosca fino al 27 maggio, accompagna gli spettatori nei vecchi sanatori di epoca sovietica, che hanno conservato negli anni lo spirito nostalgico di un tempo

Negli ultimi anni il passato sovietico ha suscitato un crescente interesse. Diversi brand di moda stanno prendendo stpinto dal glamour Made in Urss per realizzare le nuove collezioni. E anche l’eredità architettonica di quel periodo sta seducendo fotografi e studiosi. Sui social network tutto ciò che ha a che fare con la nostalgia sovietica si sta convertendo in un tema molto, ma molto popolare

Ma come si spiega il potente fascino che oggi sta suscitando il passato sovietico? Molto probabilmente la risposta è da cercare nel fatto che il paese ha vissuto per molti anni in uno stato di quasi totale isolamento. E ha generato al suo interno una concezione estetica unica, priva di qualsiasi influenza occidentale

Durante un suo soggiorno in un sanatorio di epoca sovietica, la fotografa britannica Maryam Omidi è stata colta da una forte sensazione di bellezza rétro che l’ha spinta a invitare un gruppo di amici russi, polacchi e tedeschi a realizzare un viaggio nei territori dell’ex Unione Sovietica, alla ricerca di quei luoghi culto, adibiti al relax e al riposo

Da quel viaggio ne è nato un libro, “Holidays in Soviet Sanatoriums” (vacanze nei sanatori sovietici), edito da FUEL

Il gruppo di fotografi ha fatto visita a vari sanatori sparsi nel territorio dove un tempo si estendeva l’Unione Sovietica. Alcuni di questi luoghi sono oggi stati convertiti in centri benessere con zona spa, piscine e servizi per la cura del corpo

Altri vecchi sanatori sono stati trasformati in strutture alberghiere, i cui clienti abituali sono spesso persone che hanno vissuto nel periodo sovietico e trovano in questi luoghi sbiaditi ricordi del passato

Alcuni sanatori sono rimasti tali e quali a com’erano un tempo. Basta guardare le tende rosse o le statue di Lenin all’ingresso

Costruiti in modo tale da suscitare l’orgoglio dei cittadini sovietici, i sanatori dell’epoca sono caratterizzati da interessanti elementi architettonici. Alcuni presentano un innovativo stile costruttivista

La regione del Mar Nero ospita numerosi santori. E quasi tutti i cittadini sovietici sognavano di trascorrere lì le proprie vacanze. I luoghi più popolari erano la Crimea, Sochi e l’Abkhazia

Tra le località più gettonate c’è anche quella di Mineralny Vody (acqua minerale), nel Caucaso, che ospita un resort molto popolare nel XIX secolo. Qui il celebre scrittore russo Lermontov ha ambientato il suo romanzo “Un eroe del nostro tempo”


La mostra “Vacanze nei sanatori sovietici” sarà aperta fino al 27 maggio nel centro espositivo Maneggio di Mosca 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie