Accadde oggi: 62 anni fa veniva inaugurata la metropolitana di San Pietroburgo

Maksim Blokhin/TASS
Oggi è la seconda sotterranea più grande e antica del Paese, dopo quella di Mosca. Trasporta ogni giorno 2,3 milioni di passeggeri e dà lavoro a 15.000 persone

È la seconda linea metropolitana più grande e più antica del Paese, meta obbligatoria per tutti coloro che si recano nella capitale culturale della Russia. La metropolitana di San Pietroburgo venne inaugurata ufficialmente il 15 novembre del 1955. I cantieri per la costruzione della sotterranea iniziarono negli anni Quaranta ma furono interrotti durante la Seconda guerra mondiale. Una decina di anni più tardi vennero scaldati i motori del primo convoglio che univa sottoterra la stazione Avtovo e Ploschad Vosstaniya (linea 1).

Al giorno d’oggi la metro di San Pietroburgo collega il centro ai quartieri più periferici della città ed è composta da 5 linee e 67 fermate. Ogni giorno più di 1.600 treni trasportano 2,3 milioni di passeggeri. Un sistema di trasporto che dà lavoro a 15.000 persone.

I lavori di costruzione della sotterranea risultarono più complessi del previsto poiché fu necessario realizzare scavi molto profondi per consentire il transito dei binari al di sotto del fiume Neva. Oggi la stazione situata alla quota più bassa è quella di Admiralteyskaya, che si trova a 86 metri sotto il livello stradale.

Se volete saperne di più sui segreti nascosti nella metropolitana di San Pietroburgo, cliccate qui

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Leggi di più