La rivolta di Pugachev: 5 domande sulla più grande ribellione russa

"Il giudizio di Pugachev", Vasilij Perov, 1878, Museo statale di Storia di Mosca

"Il giudizio di Pugachev", Vasilij Perov, 1878, Museo statale di Storia di Mosca

Global Look Press
Verso la fine del Settecento un semplice cosacco riuscì a guidare quasi un milione di persone e a far tremare dalle fondamenta l’Impero. Chi era e perché ebbe tanto successo
  1. Che cosa cera di tanto speciale nellinsurrezione di Pugachev?

La rivolta di Pugachev, iniziata alla fine di settembre del 1773, si estense su vasti territori compresi tra la Russia centrale e la Siberia. La ribellione coinvolse, secondo alcune stime, fino a un milione di persone. Contro le autorità russe del tempo si sollevarono i rappresentanti di un certo numero di nazionalità, tra cui i baschiri e i tatari, scontenti dei cambiamenti imposti al loro stile di vita tradizionale. La Russia non ha mai visto nulla di simile nei tempi moderni.

Al culmine della rivolta, i ribelli riuscirono a mettere in piedi un’esercito di centomila soldati, strutturati come una vera organizzazione militare, con i suoi reggimenti, i comandanti, e così via. Nel mezzo della rivolta le truppe di Pugachev erano ormai ad alcune centinaia di chilometri da una delle capitali russe, Mosca. Il capo della ribellione contemplò l’idea della marcia verso la capitale, costringendo le autorità a piazzare i cannoni sulle strade.

Il governo di Caterina II dovette cercare la fine più rapida per la guerra contro la Turchia, in modo da poter mandare decine di migliaia di truppe regolari con i migliori ufficiali a sopprimere la ribellione. La rivolta di Pugachev affascinò una delle figure chiave della letteratura russa, Aleksandr Pushkin, che dedicò a questo tema due dei suoi libri: il saggio “Storia della rivolta di Pugachev” (1834) e il romanzo storico “La figlia del capitano” (1836). 

  1. Chi era Pugachev?

L’uomo che riuscì a scuotere il potente Impero dalle fondamenta era un cosacco della regione del Don, Emeljan Pugachev (1740/1742-1775). Si unì all’esercito e, a quanto si dice, era un soldato coraggioso, che però, alla fine, disertò. Da fuggitivo, venne catturato dalle autorità diverse volte, ma riuscì sempre a fuggire. Nel settembre del 1773, Pugachev finì per essere coinvolto nella rivolta, all’inizio di piccole dimensioni, nel centro della regione cosacca degli Urali.

Pugachev venne condotto a Mosca in una piccola gabbia di legno

I cosacchi godevano di uno status speciale in Russia, a causa dei loro obblighi di servizio militare. A quel tempo, tuttavia, alcuni dei loro privilegi erano stati revocati. Arrabbiati per questa decisione del governo, alcuni dei cosacchi degli Urali si rivoltarono. Pugachev, che iniziò a farsi passare per l’Imperatore Pietro III (lo zar che era morto o era stato ucciso un decennio prima, dopo essere stato spodestato dalla moglie Caterina II), divenne una figura unificante per i cosacchi scontenti.

  1. Per quale motivo la rivolta ebbe cosìtanto successo?

La ribellione durò più di un anno. Essendo trascurata all’inizio, l’insurrezione costrinse poi le autorità a mobilitare molte risorse. Questo non aiutò molto a fermare la diffusione dei disordini.

Malgrado il fatto che l’esercito di Pugachev perdesse la maggior parte delle battaglie importanti con le truppe del governo, le persone continuavano a unirsi massicciamente ai ranghi di Pugachëv nelle regioni che attraversava. La maggior parte dei nuovi coscritti ​​erano contadini.

Nel XVIII secolo la situazione dei contadini si aggravava, mentre la servitù della gleba si rafforzava (sarebbe stata abolita molto più tardi, solo nel 1861). Lo storico pre rivoluzionario Vasilij Semevskij (1848-1916) ha sostenuto che nel movimento di Pugachev i contadini espressero chiaramente i loro desideri: volevano libertà e terra. 

  1. Qual era il programma di Pugachev?

Queste aspirazioni si sono incarnate nel manifesto di Pugachev del luglio 1774, che gli storici giudicano il culmine della rivolta. Usando il nome dell’Imperatore Pietro III dichiarò la fine della schiavitù dei contadini dai loro padroni, dando così loro libertà. Concesse loro anche il diritto di possedere la terra che coltivavano. Inoltre, li liberò dalle tasse e dai dazi. Nel manifesto Pugachev prevedeva per i contadini uno status simile a quello dei cosacchi.

Tuttavia, era solo la prima parte del famoso documento. Nel secondo invitava i suoi sostenitori a “catturare e impiccare” i nobili che si opponevano. I seguaci di Pugachev risposero con entusiasmo a questo appello. Molti nobili persero la vita nell’area della rivolta. In una delle regioni coinvolte ne furono uccisi 348 su 1425. I ribelli si macchiarono di diverse crudeltà con il nemico. Quando catturarono una delle fortezze (Tatishchevskaja), scuoiarono vivo il suo comandante, squartarono la moglie e violentarono e poi uccisero la figlia.

  1. Come furono contrastati i rivoltosi dalle autorità?

Le truppe del governo erano ugualmente crudeli. Nel sopprimere la ribellione, uccisero migliaia di persone. Molti altri furono marchiati a fuoco sul volto come “ladri” e deportati in Siberia.

Dopo essere stato infine sconfitto nell’agosto del 1774, Pugachev riuscì a scappare dal campo di battaglia con un manipolo di uomini. Tuttavia, venne presto tradito e consegnato al governo. In una piccola gabbia di legno fu portato a Mosca. L’ufficiale che era responsabile del trasporto di Pugachëv era il famoso comandante Aleksandr Suvorov.

A Mosca Pugachev fu decapitato. Nell’avvicinarsi alla forca, si comportò con calma e coraggio. Si chinò e chiese alle persone di perdonare.

Le autorità hanno cercato di cancellare il suo nome dalla storia. La sua casa fu bruciata, al suo villaggio venne cambiato nome. Anche il fiume dove la ribellione era cominciata, fu ribattezzato: è diventato Ural invece di Jaik. Allo stesso tempo, come ha scritto il famoso pensatore russo liberale Petr Struve (1870-1944), Pugachev nella sua politica nei confronti dei contadini anticipò l’abolizione della servitù della gleba di quasi cento anni: solo Alessandro II la cancellò nel 1861.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale