Accadde oggi: viene ripristinato il nome di S. Pietroburgo

La statua del Cavaliere di Bronzo, il monumento equestre del XVIII secolo dedicato  a Pietro il Grande, eretto a San Pietroburgo

La statua del Cavaliere di Bronzo, il monumento equestre del XVIII secolo dedicato a Pietro il Grande, eretto a San Pietroburgo

Legion Media
Nel 1991 la Venezia del Nord tornò a chiamarsi così come la conosciamo oggi. Nel corso della storia venne infatti ribattezzata Pietrogrado e Leningrado

San Pietroburgo venne fondata il 27 maggio 1703 dallo zar Pietro I e deve il proprio nome al suo fondatore. Questa città, finestra sull’Europa, sede della corte degli zar, nel corso della storia cambiò nome varie volte, adattandosi agli eventi che segnarono il destino del Paese.

Ricoprì il ruolo di capitale tra il 1712 e il 1728 e poi tra il 1732 e il 1918; nel 1914 la città venne ribattezzata Pietrogrado mentre nel 1924, subito dopo la morte di Lenin, si convertì in Leningrado.

Si dovette aspettare fino al 6 settembre 1991 affinché la città si riappropiasse del nome con la quale la conosciamo oggi: San Pietroburgo. La regione circostante mantiene invece il vecchio appellativo sovietico di Leningrado.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale