Formula 1, la scia dorata delle Olimpiadi

La pista di Formula 1 a Sochi attraversa il parco olimpico, costeggiando il Mar Nero (Foto: AP)

La pista di Formula 1 a Sochi attraversa il parco olimpico, costeggiando il Mar Nero (Foto: AP)

Rombano i motori per la tappa russa del campionato di F1. E mentre i piloti aspettano di fare i primi giri di prova sulla pista di Sochi, gli esperti parlano di tecnologie uniche e di un uso intelligente dell'eredità dei Giochi Olimpici

Gli avvenimenti degli ultimi anni stanno facendo letteralmente impazzire gli appassionati russi di corse e motori. A quanto pare, i loro sogni si stanno avverando. Dapprima è arrivato in Russia il campionato mondiale Superbike. Poi il leggendario DTM. E adesso anche la regina dei motori, la Formula 1. Milioni di fan in tutto il mondo, i bolidi più veloci, piloti straordinari, velocità da capogiro: sembra incredibile, ma tutto questo si potrà vedere dal vivo nella "California russa". La Formula 1 sbarca a Sochi. Il primo Gran Premio di Russia nella storia della Formula 1 è alle porte: il calendario riporta le date dal 10 al 12 ottobre 2014. Ciò vuol dire che al campionato si aggiungerà un nuovo circuito, e la costruzione della pista sta per essere ultimata. Chi non ha fatto in tempo ad assistere di persona alle Olimpiadi invernali del 2014 in Russia potrà ammirare con i propri occhi l'eredità lasciata dai Giochi invernali: la pista di Formula 1 attraversa il parco olimpico, costeggiando il Mar Nero.

Una pista nel parco olimpico

Tutto ebbe inizio nel 2010, quando fu raggiunto un accordo con il direttore della Formula 1 Bernie Ecclestone sullo svolgimento di una tappa russa del campionato mondiale. Il contratto, della validità di sette anni, fu firmato il 17 ottobre 2010. Pochi giorni dopo della firma, si venne a sapere che la progettazione del futuro circuito sarebbe stata affidata allo specialista Hermann Tilke. Il suo studio, la Tilke GmbH, ha partecipato alla progettazione di 28 autodromi in tutto il mondo, tra cui anche il circuito "Moscow Raceway", situato nei pressi della capitale russa. Il progetto elaborato per Sochi, però, è davvero particolare: il circuito di Formula 1 è stato integrato nel parco olimpico, cosa che non si era mai vista prima d'ora in nessun altro paese al mondo.

Inizialmente si era pensato di costruire a Sochi una pista smontabile, ma ben presto quest'idea è stata scartata. Alla fine il circuito, collegato alla rete stradale, è costituito da due diversi tracciati: un grande anello che verrà utilizzato solo in occasione del Gran Premio di Formula 1, e un altro anello più piccolo per le altre gare automobilistiche che si svolgeranno nel corso dell'anno.  

"Nessun altro autodromo al mondo utilizza delle infrastrutture costruite per le Olimpiadi", dichiarano all'ufficio stampa del Gran Premio di Russia. "Abbiamo inserito il circuito nel progetto già approvato del Parco olimpico. I preparativi per le Olimpiadi e per il Gran Premio di Formula 1 sono stati condotti in parallelo. Ad esempio, le infrastrutture della pista automobilistica sono state utilizzate in occasione dei Giochi olimpici: negli edifici delle scuderie di Formula 1 sono stati ospitati i centri di accreditamento e di equipaggiamento delle Olimpiadi. Dopo la conclusione dei Giochi, le strutture olimpiche sono diventate parte integrante dell'autodromo: il circuito passa esattamente tra gli stadi e i palazzetti del ghiaccio, e una parte degli spettatori siederà direttamente sulla gradinata del palazzo del ghiaccio "Bolshoj".     

Gli ultimi ritocchi

 Il Gran Premio di Sochi sarà l'unica gara cittadina stabile nel calendario della Formula 1. Il circuito sarà non solo bello da vedere (è vicino al mare e alle montagne), ma anche interessante per gli stessi piloti e per gli spettatori. La terza curva allungata, disegnata a forma di omega e progettata con una  pendenza negativa, consentirà ai piloti di lanciare i loro bolidi fino a una velocità di 305 chilometri orari. Mentre sul rettilineo tra la prima e la seconda curva, lungo 650 metri, la velocità massima supererà i 320 chilometri orari. La principale peculiarità tecnica della pista è lo strato superiore del manto di asfalto, costituito da una miscela unica nel suo genere che comprende numerosi ingredienti e minerali. Attualmente gli specialisti hanno iniziato la posa di questo strato sulla pista.   

"I lavori di costruzione stanno rispettando rigorosamente i tempi programmati. Sono già stati completati gli edifici delle scuderie, i box e il centro di infermeria. Nel centro di controllo della gara e sulla tribuna principale si stanno svolgendo i lavori di finitura e si stanno ultimando le facciate. Nel frattempo si sta smontando lo strato superiore di asfalto della copertura temporanea, per poter procedere poi alla posa di quello definitivo", fanno sapere dall'ufficio stampa.    

I giri di collaudo devono ancora iniziare

I piloti non hanno ancora avuto occasione di provare la pista dal vero: i giri di collaudo devono ancora iniziare. In compenso, un anno fa Sebastian Vettel e David Coulthard sono stati a Sochi e hanno osservato lo svolgimento dei lavori di costruzione del nuovo circuito. I due piloti sono persino riusciti a percorrere in macchina un breve tratto dell'autodromo in costruzione, anche se lo hanno fatto con delle normali auto di serie.

"Mi sembra tutto molto interessante. Il nuovo circuito è stato messo in calendario già per la prossima stagione, e non vedo l'ora di correre una gara qui. Abbiamo girato intorno a un paio di stadi. Ora questo è un enorme cantiere, ma per la prossima stagione sarà tutto pronto per le gare di Formula 1", ha raccontato Sebastian Vettel.   

C'è grande attesa per questa nuova pagina nella storia delle corse automobilistiche, non solo da parte dei piloti, ma anche dei tantissimi appassionati russi, che quest'anno hanno avuto diversi motivi di gioia: Daniil Kvjat ha fatto un buon debutto in Formula 1, e un weekend dopo l'altro sta mostrando risultati elevati e costanti. Ora è il turno dell'autodromo di Sochi: gli appassionati hanno tutte le ragioni di aspettarsi una gara spettacolare.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta