Le Olimpiadi più care della storia

Per le Olimpiadi invernali di Sochi 2014 sono già stati spesi 51 miliardi di dollari (Foto: Reuters)

Per le Olimpiadi invernali di Sochi 2014 sono già stati spesi 51 miliardi di dollari (Foto: Reuters)

Come sono stati spesi i 51 miliardi di dollari di investimenti destinati ai Giochi invernali di Sochi 2014?

Quelle di Sochi 2014 sembrano destinate a diventare le Olimpiadi più costose della storia. Entro il 2014, la Russia avrà stanziato per i Giochi invernali più di 51 miliardi di dollari. Per fare un confronto: la Cina spese 45 miliardi dollari per le Olimpiadi estive di Pechino nel 2008, mentre il Regno Unito circa 30 miliardi di dollari per quelle di Londra nel 2012.

Proprio come era avvenuto in Cina, la Russia sta investendo principalmente in infrastrutture comunali, mentre gli investimenti nei siti olimpici, come stadi e sedi per gli allenamenti, sono stimati in poco più di 7 miliardi di dollari. Il vice primo ministro russo Dmitri Kozak è convinto che questo denaro contribuirà a trasformare Sochi nel più grande centro di villeggiatura della Russia, in grado di competere con successo sul mercato globale. Il sindaco della città, Anatoly Pakhomov, ha parlato con Russia Oggi di come la città beneficerà dell’investimento di 43 miliardi di dollari.

Trasporti

Il governo federale spenderà la maggior parte dei fondi stanziati, vale a dire 20 miliardi e 900 milioni di dollari, in infrastrutture di trasporto. Il sindaco si augura, in questo modo, di poter liberare la città dal problema del traffico. Sochi si estende per circa 156-162 chilometri lungo la costa del Mar Nero e ha solo una strada principale, Kurortny Prospekt, il che spiega il perché di così tanti ingorghi. “A Sochi c’erano ingorghi già in epoca sovietica, quando in nessun’altra città, nemmeno a Mosca, sapevano che cosa fossero”, confessa Pakhomov.

In totale, entro il 2014, verranno costruiti 260 chilometri di strade. La capacità di traffico della città aumenterà tra l’80 e il 150 per cento e la velocità media del traffico crescerà del 25 per cento.

Il denaro verrà investito anche per migliorare le infrastrutture ferroviarie. La rete ferroviaria diventerà la principale modalità di trasporto locale, proprio come la metropolitana a Mosca. “Verranno costruite 30 stazioni e il treno elettrico fermerà in ogni comunità”, ha assicurato Pakhomov.

Il progetto più importante delle Ferrovie Russe è la costruzione del corridoio combinato strada/ferrovia tra la cittadina di Adler e la stazione sciistica di Alpika, a Krasnaya Polyana. Secondo un portavoce del monopolio ferroviario, il corridoio sarà l’infrastruttura più costosa dei Giochi, con un costo pari a 6 miliardi e 600 milioni di dollari. Il progetto originale era ancora più caro.

All’inizio l’idea era quella di costruire una strada a quattro corsie e una ferrovia a doppio binario. Nel 2009 il progetto venne tuttavia ridimensionato, lasciando due corsie per le auto e solo una via ferrovia (i treni si incroceranno mediante raccordi speciali). Il corridoio avrà una capacità di 8.500 passeggeri l’ora. Durante lo svolgimento delle Olimpiadi invernali circolerà un treno ogni 10 minuti.

Tra gli investitori privati​​,  la società che ha finanziato di più le infrastrutture di trasporto è la holding Basel (Basic Element). Il gruppo pagherà anche il nuovo terminal dell’aeroporto, con un investimento di 6 miliardi di rubli (pari a 191 milioni di dollari). A giugno del 2012, l’aeroporto aveva una capacità di 1.600 passeggeri l’ora. Entro il 2014, quando i lavori di costruzione al nuovo terminal verranno completati, la capacità raggiungerà le 3.800 persone. Nel mese di maggio 2013, l’Adam Smith Institute ha nominato il terminal di Sochi il miglior aeroporto regionale della Russia.

Comunicazioni ed energia

Megafon e Rostelecom stanno costruendo le infrastrutture di comunicazione. Entrambe le società sono sponsor ufficiali dei Giochi Olimpici invernali: ciascuna di esse ha investito 130 milioni di dollari nel proprio pacchetto di sponsorizzazione. Rostelecom si sta concentrando sulle linee telefoniche di rete fissa, mentre Megafon su quelle di rete mobile. Rostelecom installerà più di 300 chilometri di cavi in fibra ottica e si occuperà dei servizi di telecomunicazione nei 33 siti olimpici, secondo quanto dichiarato da un portavoce della società.

Ogni struttura disporrà di connessione Internet via cavo o Wi-Fi, telefonia IP e linee di comunicazione speciali, dedicate, per esempio, ai sistemi di calcolo del punteggio e di cronometraggio degli stadi. Megafon sarà l’unico operatore mobile nelle strutture olimpiche durante i Giochi.

Quando il Comitato Olimpico Internazionale scelse Sochi come città ospitante per le Olimpiadi invernali del 2014, nella regione vi era un elevato deficit di energia elettrica. La potenza totale generata era di 100 MW, mentre il consumo era di 400 MW. Questo deficit viene ora coperto grazie alla trasmissione di energia da altre regioni. Prima dell’inizio dei Giochi verranno costruite delle centrali in grado di garantire una potenza complessiva di 1.424 MW.

Ambiente e servizi

La maggior parte degli ispettori internazionali hanno criticato la qualità delle acque reflue scaricate nel Mar Nero. Per questo motivo, in occasione dei Giochi Olimpici invernali, sono stati costruiti degli impianti di depurazione con una capacità pari a 140.000 metri cubi di acque di scarico. Secondo Pakhomov, il grado di depurazione è elevato e i tubi terminano nel mare a una distanza di due chilometri dalla costa. “Quando, al termine dei lavori, ci hanno presentato gli impianti di depurazione finiti, il rappresentante dell’impresa costruttrice era persino pronto a bere l’acqua che usciva dai tubi, ma lo abbiamo convinto a non farlo”, racconta il sindaco di Sochi.

Il dopo Olimpiadi

Che cosa succederà alle infrastrutture olimpiche dopo i Giochi invernali? Nel mese di febbraio 2013, il vice primo ministro Kozak ha firmato il programma per l’utilizzo di tutte le opere di ingegneria e le strade che, a Olimpiadi concluse, verranno affidate all’amministrazione della città. L’amministrazione comunale dovrà pagare quasi 2 miliardi di rubli (circa 64 milioni di dollari) in più ogni anno per mantenere queste strutture.

Pakhomov ritiene che Sochi dovrebbe diventare non solo un luogo di villeggiatura di qualità, ma ospitare anche grandi eventi internazionali, quali conferenze, mostre e tornei sportivi. Secondo il sindaco, le infrastrutture olimpiche contribuiranno indubbiamente a migliorare la qualità dell’ambiente cittadino.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond