Eataly apre a Mosca: "Noi ambasciatori per superare le sanzioni"

All'interno del punto Eataly di Mosca.

All'interno del punto Eataly di Mosca.

: Nigina Beroeva
Oscar Farinetti ha inaugurato il suo primo polo gastronomico di tutta la Russia, il secondo più grande del mondo: oltre 900 coperti su una superficie di 7.500 metri quadri, dove il Made in Italy si fonde con i prodotti russi locali. “L’italianità non si ferma alla frontiera”

All'interno del punto Eataly di Mosca. Fonte: Nigina Beroeva All'interno del punto Eataly di Mosca. Fonte: Nigina Beroeva

L’embargo e le sanzioni non fermano Eataly, il polo gastronomico fondato da Oscar Farinetti che oggi a Mosca ha inaugurato la prima sede russa. La seconda più grande del mondo. “Aprire senza il Parmigiano Reggiano e senza il San Daniele è un vero peccato – confessa Farinetti -. Ma ce l’abbiamo fatta lo stesso, nonostante le sanzioni”.

Un percorso non facile, quello di Eataly Mosca, rallentato prima dall’embargo e poi dalla costruzione del centro commerciale Kievskij che, su una supercificie di 7.500 metri quadri a poche fermate di metropolitana dal Cremlino, ospita al quarto piano le eccelleze del Made in Italy: dalla pasta ai formaggi, dai salumi al vino, passando per gli ortaggi e l’olio extra vergine. Un luogo dove gli alti standard di qualità si fondono con il “savoir faire” del Belpaese e prezzi in molti casi accessibili a tutti: circa 500 rubli (7,8 euro) una pizza margherita cotta in forno a legna, 190 rubli (3 euro) un calice di Merlot del Veneto e 2.000 rubli (31 euro) un chilo di prosciutto crudo. Il tutto nel pieno rispetto della filosofia Eataly, che fonde la gioia del palato al piacere stesso dello stare a tavola, valorizzando i prodotti locali e il chilometro zero.

“Oltre il 90% dei prodotti confezionati sono al 100% Made in Italy – spiega Farinetti durante il tour organizzato per la stampa -. Per quanto riguarda i prodotti freschi, invece, abbiamo importato tutto ciò che si poteva importare. Il resto lo realizziamo in loco”. Con know how ed esperienza italiana, ovviamente.

Nigina Beroeva
Nigina Beroeva
Nigina Beroeva
Nigina Beroeva
Nigina Beroeva
Nigina Beroeva
Nigina Beroeva
Nigina Beroeva
Nigina Beroeva
 
1/10
 

Ecco allora che i formaggi freschi prodotti dal casaro italiano sono realizzati con latte russo (“più grasso rispetto a quello nostro e quindi migliore per fare il formaggio”, assicurano gli addetti ai lavori), le carni provengono dalla zona di Bryansk e Voronezh e tra gli scaffali si possono trovare vodka, caviale, miele e pesce russi. “Poco lontano da Mosca esistono degli ottimi allevamenti dove gli animali vivono e vengono alimentati nel rispetto di certi standard di qualità che rendono le loro carni molto saporite”, spiega Fabio Benvenuti, responsabile del reparto salumi e formaggi.

“Nel nostro caseificio produciamo scamorza, caciotta, stracciatella e burrata con latte a chilometro zero – racconta Domenico Morfeo, manager Sa/Fo (salumi e formaggi) -. Mentre gli affettati arrivano direttamente dai nostri fornitori italiani”. Un percorso non semplice quello seguito dai salumi che, per varcare la frontiera schivando l’embargo, vengono prima smarchiati e poi ricoperti di spezie, entrando così in Russia sotto forma di prodotti lavorati. E quindi consentiti.

Grande assente dal banco dei salumi, la mortadella. “È uno dei prodotti più apprezzati e richiesti dai nostri clienti. Un vero peccato che non lo si possa importare – commenta Domenico Morfeo -. La nostra clientela appartiene a un target medio-alto e spesso non chiede nemmeno il prezzo degli articoli ma acquista senza badare a spese”.

All’interno del locale, che ospita più di 900 coperti e dà lavoro a quasi 400 persone, l’offerta è ampia e comprende 6.000 articoli del Made in Italy, oltre 1.000 etichette di vino, 19 punti ristoro tra cui 2 caffetterie, 11 corner take away, 6 ristorantini tematici, un ristorante gourmet e 6 laboratori di produzione a vista di mozzarella, formaggi, birra, gelato, pane e pasticceria.

“L’apertura di questo locale dimostra che anche un’azienda privata può incidere sulle buone relazioni tra due paesi – dice Oscar Farinetti -. L’inaugurazione di Eataly a Mosca vuole essere di buon auspicio per superare l’embargo. E noi in questo senso ne siamo ambasciatori, perché l’italianità non si ferma alla frontiera”.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale