Yuri e gli altri, gli attivisti per i diritti civili arrestati in Russia

Bandiera arcobaleno durante una manifestazione a Mosca, 6 maggio 2017.

Bandiera arcobaleno durante una manifestazione a Mosca, 6 maggio 2017.

: Reuters
Le proteste della comunità LGBT spesso si scontrano con le forze dell’ordine che fermano i manifestanti accusati di non rispettare le leggi sulla propaganda di orientamento sessuale non tradizionale e sull’organizzazione di manifestazioni non autorizzate

C’era anche l’italiano Yuri Guaiana tra i cinque attivisti arrestati l’11 maggio nel centro di Mosca: volevano consegnare alla procura della Federazione Russa le firme raccolte per chiedere che venga fatta chiarezza sui presunti maltrattamenti dei gay in Cecenia, raccontati dalla stampa russa e occidentale. Rbth vi racconta gli arresti avvenuti in Russia negli ultimi mesi ai danni di attivisti LGBT.

Mosca, 11 maggio 2017

Gli attivisti di “Open Russia” volevano consegnare una petizione alla procura generale della Federazione Russa per dimostrare l’elevato numero di firme raccolte sulla piattaforma change.org per la difesa degli omosessuali ceceni. Il gruppo di attivisti voleva far pervenire una copia cartacea del documento alla procura ma è stato arrestato secondo l’articolo 20.2, secondo comma, per l’organizzazione non autorizzata di manifestazioni pubbliche. Nell’arco di poche ore i manifestanti sono stati rilasciati dalla polizia.

San Pietroburgo, 1 maggio 2017

Nel giorno in cui la Russia celebra la Festa dei Lavoratori, a San Pietroburgo sono stati arrestati dai 10 ai 18 attivisti LGBT che stavano protestando contro le presunte oppressioni nella comunità omosessuale in Cecenia.

Gli attivisti si sono cosparsi il corpo e il volto con una vernice rossa e durante la manifestazione si sono sdraiati per terra, come corpi privi di vita.

Il gruppo è stato accusato di aver infranto la normativa sull’organizzazione di manifestazioni pubbliche, così come prevede l’articolo 20.2, oltre a resistenza a pubblico ufficiale.

Vladivostok, 1 maggio 2017

Anche a Vladivostok sono stati arrestati degli attivisti per i diritti LGBT nel giorno della Festa dei Lavoratori. Come prima cose le guardie hanno circondato i manifestanti. Inizialmente hanno chiesto loro di mantenere una distanza di 15 metri dalla manifestazione ufficiale e di rimuovere le bandiere. Poi li hanno fermati. In questura sono stati condotti sei manifestanti su tredici.

Così come riportato dalla stampa, i manifestanti fermati vogliono ora presentare istanza denunciando il comportamento della polizia.

Svetlogorsk, oblast di Kaliningrad,
6 marzo 2017

Un gruppo di attivisti LGBT si è recato a Svetlogorsk per incontrare il sindaco locale, Sergej Davydov, il quale aveva dichiarato che nella sua città di 15.000 abitanti non esistono gay.

Durante il viaggio a Svetlogorsk, però, a pochi chilometri dalla città due attivisti sono scesi dall’autobus e sono stati arrestati. Sono stati rilasciati poche ore dopo. Successivamente in città è stato arrestato il resto del gruppo, accusato di aver violato il regime di frontiera regolato dall’articolo 18.2 del codice amministrativo.

San Pietroburgo, 23 febbraio 2017

Nel Giorno dei Difensori della Patria un gruppo di attivisti LGBT ha organizzato una manifestazione a San Pietroburgo, attaccando ai propri vestiti la scritta “LGBT-spetsnaz” e sventolando le bandiere arcobaleno. Nonostante la manifestazione non fosse stata autorizzata, durante il corteo nessuno è stato arrestato. Uno dei manifestanti, Petr Voskresenskij, è stato però arrestato qualche giorno dopo, il 27 febbraio, mentre si trovava a casa propria, per aver infranto il comma 5 dell’articolo 20.2 sulla violazione delle norme delle manifestazioni. Il giorno successivo è stato arrestato anche un altro attivista, Aleksej Sergeev.

L’articolo 6.21 del Codice della Federazione russa in materia di illeciti amministrativi riguarda la propaganda di orientamento sessuale non tradizionale. Per propaganda si intende l’atto di distribuire informazioni tra i minori che siano finalizzate alla creazione di atteggiamenti sessuali non tradizionali, che rendano i rapporti sessuali non tradizionali attraenti, eguaglino il valore sociale delle relazioni sessuali tradizionali e non tradizionali o creaino un interesse verso i rapporti sessuali non tradizionali.L’articolo 20.2 del Codice della Federazione russa in materia di illeciti amministrativi regola la violazione dell’ordine pubblico attraverso organizzazioni o riunioni, manifestazioni o picchetti.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale