Annunciate le migliori 50 start up russe

Il fondatore di Russian Startup Rating, Renat Garipov (Foto: ufficio stampa)

Il fondatore di Russian Startup Rating, Renat Garipov (Foto: ufficio stampa)

Russian Startup Rating, il servizio pensato per valutare il potenziale delle start up russe, ha presentato la Top 50 dei progetti più innovativi e con maggiori prospettive di sviluppo

Russian Startup Rating (Rsr) ha annunciato la Top 50 dei team e dei progetti più innovativi in Russia. L’evento, nel corso del quale è stata presentata la classifica, si è svolto l’8 dicembre al Culinarion, uno dei centri di gastronomia più importanti d’Europa.

La classifica è stata compilata con l’aiuto di oltre una cinquantina tra eminenti esperti e rappresentanti di prestigiosi fondi di investimento, società tecnologiche e istituti di ricerca e sviluppo. Tra essi Kaspersky Lab Russia, Intel, Microsoft, Helsinki Ventures, PwC, Russian Venture Company, il Centro Trasferimento tecnologico dell’Accademia delle Scienze, la corporation Rusnano e altri.

L’evento, durante il quale sono state annunciate le 50 migliori start up, si è tenuto l’8 dicembre 2014 al Culinarion, uno dei centri di gastronomia più importanti d’Europa (Foto: ufficio stampa)

Nel 2014 nella classifica erano stati inclusi oltre 1.600 progetti. Qualunque start up con più di sei anni di esperienza e uno staff composto da un numero inferiore a 120 persone poteva presentare domanda. Venivano valutate start up appartenenti ai settori Hi-Tech (progettazione di nuovi materiali e attrezzature), BioMedTech (biotecnologie e medicina) e It-internert-Mobile. Russia Beyond the Headlines è dal 2012 sponsor non ufficiale di un progetto legato all’informazione.  

Il fondatore di Russian Startup Rating, Renat Garipov, ha rilevato come nel 2014 il numero di progetti presentati dai partecipanti sia aumentato in misura esponenziale. “Il 2015 potrebbe essere un anno non troppo favorevole per le start up a causa della congiuntura economica, ma ciò significa solo che le start up forti diventeranno ancora più forti, mentre quelle deboli avranno maggiori difficoltà. Russian Startup Rating si prefigge per il 2015 sempre più scopi e obiettivi. Faremo di tutto per realizzarli e sostenere le start up russe potenziando i contatti con gli investitori e anche intercettando il sostegno dei media”, ha osservato Garipov.

Le valutazioni scaturivano dai risultati dei modelli previsionali e dalle opinioni di esperti di vari settori. I criteri fondamentali di valutazione si basavano sulla specificità e l’innovatività dei prodotti e la loro destinazione, vale a dire la nicchia di mercato alla quale sono indirizzati i progetti, nonché le competenze professionali del team.

Russian Startup Rating è un servizio pensato per valutare il potenziale delle start up russe. Il progetto è finalizzato a promuovere lo sviluppo di imprese tecnologiche innovative ed ecosostenibili in Russia. Rsr promuove invenzioni innovative e investitori poco noti, talvolta a causa della collocazione geografica o della specificità dei prodotti, anche presso il grande pubblico in Russia e all’estero.

Clicca qui per scoprire quali sono le migliori 50 start up russe!

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta