La potenza del Buk, il missile capace

di colpire un aereo a diecimila metri

Sia le forze armate ucraine sia quelle russe sono dotate del sistema missilistico anti-aereo “Buk" (Foto: Alexei Kudenko / Ria Novosti)

Sia le forze armate ucraine sia quelle russe sono dotate del sistema missilistico anti-aereo “Buk" (Foto: Alexei Kudenko / Ria Novosti)

È tre le armi di difesa antiaerea di media gittata più efficaci al mondo. Ecco le caratteristiche del missile che potrebbe aver colpito il Boeing della Malaysia precipitato in Ucraina

Il consigliere del ministro dell'Interno ucraino Anton Gerashchenko ha scritto sulla sua pagina di Facebook che l'aereo passeggeri della compagnia aerea malese è stato abbattuto dai combattenti delle milizie irregolari con un missile lanciato da una rampa Buk. Gerashchenko afferma che la mattina del 17 luglio dei testimoni oculari avrebbero assistito al lancio di un missile Buk da parte dei combattenti della Repubblica Popolare di Donetsk in direzione della zona in cui successivamente è stato abbattuto l'aereo. 

Il migliore

Il sistema missilistico mobile Buk nelle sue varie versioni rappresenta attualmente una delle armi di difesa antiaerea di media gittata più efficaci al mondo. Il sistema è in grado di colpire un aereo in volo a diecimila metri di quota, poiché è stato progettato per colpire i missili balistici e i mezzi aerei, sia strategici che tattici, fino a un'altezza di diciotto chilometri da terra, come spiega a Rbth un esperto militare indipendente, il dottore di ricerca in scienze militari colonnello Vladimir Kljuchnikov.   

Il sistema mobile di lancio Buk, entrato in dotazione all'esercito sovietico nel 1979, è ancora oggi in uso alle forze armate della Russia (circa 360 unità del modello Buk M2); l'Ucraina dispone di oltre 50 unità della versione Buk M1-2.

Durante il conflitto armato tra Russia e Georgia nell'agosto del 2008 furono proprio i Buk ad abbattere quattro aerei militari russi. I missili Buk erano stati forniti alla Georgia dall'Ucraina, che dopo la disgregazione dell'Unione Sovietica si era affrettata a venderne molti. Questi sistemi missilistici fino ad oggi non erano più stati impiegati negli scontri militari.

Il Buk è un'arma complessa. Si tratta di un sistema composto da 5 o 6 diverse macchine e che comprende, oltre alla rampa di lancio con i missili, un'apparecchiatura per individuare e puntare gli obiettivi, un centro di controllo e tutta una serie di altri dispositivi ausiliari.     

"Anche se i combattenti della Repubblica Popolare di Donetsk (RPD) dispongono di sistemi missilistici funzionanti, difficilmente avranno avuto occasione di impiegare i Buk a fini bellici", afferma Kljuchnikov. Secondo l'esperto, non si ha notizia della presenza nelle file dei combattenti della RPD di specialisti qualificati in grado di maneggiare questo tipo di sistemi. È improbabile, inoltre, che i combattenti dispongano di una stazione radar funzionante. Sembra strano, poi, il fatto che disponendo di sistemi missilistici in grado di colpire degli obiettivi i miliziani non li abbiano usati prima contro gli aerei d'assalto Su-25, ha osservato Kljuchnikov ai microfoni di Rbth.  

Un errore fatale

Considerando la scarsissima preparazione dell'esercito ucraino, in teoria il missile potrebbe essere stato lanciato per errore, come accadde nel 2001, quando la difesa antiaerea ucraina abbatté un aereo civile della compagnia Sibir' che volava sulla rotta Tel Aviv-Novorossijsk, ipotizza Kljuchnikov.  

Simile è anche l'opinione del redattore capo della rivista "Natsional'naja Oborona", l'esperto militare Igor Korotchenko. "Considerando che rinforzi di truppe e mezzi del sistema di difesa antimissilistica ucraino sono stati trasferiti nella parte orientale dell'Ucraina e che attualmente i militari li stanno preparando per l'impiego, è evidente che durante la verifica dello stato di operatività dei sistemi missilistici terra-aria Buk ucraini, a causa della scarsa preparazione del personale e dell'inesattezza dei calcoli effettuati si è verificato un lancio accidentale o comunque involontario, per un errore dell'operatore, che ha provocato l'abbattimento del Boeing malese", ha dichiarato l'esperto in un programma dell'emittente televisiva russa Pervyj Kanal.

Come ha reso noto la direzione del servizio stampa e informazione del Ministero della Difesa russo, nell'area della città ucraina di Donetsk sono dispiegate le divisioni del 156esimo reggimento di missili terra-aria delle forze armate dell'Ucraina, con ventisette piattaforme.

Non solo Buk

Tuttavia, al momento non è possibile affermare con certezza che a causare la caduta dell'aereo civile sia stato proprio un missile lanciato da un sistema Buk, benché i servizi segreti americani sostengano il contrario. L'aereo potrebbe essere stato abbattuto da un missile aria-aria sparato da un caccia Su-27 dell'aviazione militare ucraina: questo, secondo Vladimir Kljuchnikov, spiegherebbe perché le stazioni radar russe non abbiano rilevato il lancio di alcun missile terra-aria.   

Il Ministero della Difesa ucraino ha reso noto ufficialmente che al momento della caduta del Boeing 777 della Malaysia Airlines nello spazio aereo non erano presenti aerei da caccia delle forze armate ucraine. Il ministero ha dichiarato inoltre che il Boeing si trovava al di fuori della portata dei mezzi terrestri di difesa antiaerea.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta