L'identikit del russo perfetto

La cucina è un luogo sacro per i russi, e in questa stanza trascorrono buona parte del loro tempo in casa (Foto: Lori / Legion Media)

La cucina è un luogo sacro per i russi, e in questa stanza trascorrono buona parte del loro tempo in casa (Foto: Lori / Legion Media)

Pensate di conoscere bene i cittadini della Federazione? Leggete questo elenco delle loro caratteristiche più importanti per scoprire se è davvero così

Di recente ho letto un post dedicato al popolo russo, scritto da un americano che vive in Russia. I commenti mi hanno ispirato e incoraggiato a redigere una lista di osservazioni riguardanti i miei cari compatrioti. Mentre la stavo stilando mi sono ricordata di una frase che viene ripetuta spesso a qualsiasi straniero che si dimostra interessato al nostro Paese: “Non è possibile capire la Russia con la ragione, si può solo credere in lei e viverla”. Ora capirete perché.

1) La cucina è un luogo sacro per i russi. Adorano rimanervi fino a tarda notte, bevendo tè, fumando e parlando della vita. Si tratta di un fenomeno che gli stranieri fanno fatica a comprendere. Pochi colgono il fascino che esercita questa combinazione del posacenere zeppo di mozziconi con il tè dolce, gli spazi ristretti (le cucine russe in media sono grandi due metri per tre) e le prime luci dell’alba. Gli incontri migliori della mia vita sono avvenuti proprio in questo modo.

2) I russi non parlano mai di lavoro. Ci sono così tante altre cose migliori di cui parlare!

Un tappeto contro il freddo

3) Sono persone profonde. Anche i bambini russi, non appena imparano a parlare, iniziano subito a preoccuparsi del lato filosofico della vita. Una mia conoscente, una volta, ha scritto su Facebook: “Mio figlio piange quando vede Mr. Bean. Per lui, non è un personaggio divertente, bensì un emarginato, stupido e sventurato”. La maggior parte dei bambini russi che ho conosciuto sono così, e gli adulti ancora di più.

4) I russi fanno parte di quel ristretto gruppo di popoli che non capiranno mai cose come il femminismo, il razzismo o l'omosessualità. La spiegazione di ciò va ricercata nella loro storia, che è molto diversa rispetto a quella di altri Paesi. I russi, evidentemente, verranno considerati ignoranti per la loro incapacità di capire che le cose, nel mondo. Ma anche così, difficilmente cambieranno il loro modo di pensare.

5) Non saranno mai in grado di capire nemmeno per quale motivo uno straniero decida di andare a vivere in Russia. E cercare di spiegarglielo è una perdita di tempo.

6) I russi sono molto nostalgici e adorano accumulare montagne di cianfrusaglie inutili per ricordare momenti passati.

Dietro il sorriso dei russi

7) Ai russi, di norma, non piace sorridere. Per questo motivo, quando uno di loro vi sorride, potete stare certi che si tratta di un sorriso sincero.

8) Un medico russo si arrabbierà con un paziente che in pieno inverno lascia aperta una finestra di casa o che, peggio ancora, esce fuori per fumare.

9) In Russia, i medici e i dentisti rimangono davvero sorpresi quando qualcuno si presenta nel loro studio per farsi un check-up di routine. I russi, infatti, sono soliti rivolgersi al medico solo quando non hanno più altri rimedi.

10) I dolci russi non sono molto zuccherati; al contrario, il tè nero, che spopola in Russia, va sempre accompagnato da una buona dose di zucchero.

11) In Russia, il numero di parentesi tonde in un’e-mail o in un sms indica il grado di felicità della persona che sta scrivendo. Guardate la differenza: Buon Compleanno!) e Buon Compleanno!)))) Prima di scoprire che sono solo i russi a farlo, pensavo si trattasse di un codice internazionale!))))

12) I russi sono molto generosi. Quando tornano da una vacanza sono soliti portare souvenir a tutti i colleghi in ufficio, invitano gli amici al bar e se vi piace un oggetto che un russo ha in casa, non dovete fare altro che elogiarlo affinché ve lo regali. I russi sono così: tolgono un quadro dalla parete e lo regalano al loro ospite solo perché a quest’ultimo piaceva. 

Toccate ferro, la classifica
delle superstizioni russe

13) In Russia potete mangiare sushi praticamente ovunque; difatti, è più facile trovare un ristorante che serva sushi che uno che prepari i tradizionali pelmeni russi.

14) I russi sono molto emotivi. Litigano ogni volta come se fosse la fine del mondo e quando piangono si trascinano lungo le pareti tra i singhiozzi. Che dire, allora, delle scene di gelosia? Peggio di quelle degli italiani!

15) I russi amano festeggiare qualsiasi cosa. I matrimoni durano tre giorni; le feste di Capodanno iniziano il 31 dicembre e finiscono il 14 gennaio; un compleanno richiede una settimana di festeggiamenti. Sebbene non possa essere sempre così, la maggior parte dei russi ADORA fare festa. José, il proprietario del ristorante russo “Dona Irene” (Teresópolis, Rio de Janeiro), mi ha confessato che, secondo lui, il popolo russo e quello di Bahia sono uguali: a entrambi piace il buon cibo, l’allegria, la festa e i balli. Di lì a poco ho chiesto la stessa cosa a una mia amica di Bahia e anche lei era d'accordo!

16) I russi non chiudono i genitori anziani in case di riposo, né cacciano di casa i figli quando compiono 18 anni. Nemmeno quando tutta la famiglia entra a stento in un appartamento composto da una sola stanza.

17) Per chi non lo sapesse, i russi sono molto cordiali. Dopo pochi giorni di amicizia, sono capaci di portarvi a casa loro e di presentarvi a tutta la famiglia.

18) I russi amano sperperare. Per loro "costoso" è sinonimo di "bello". Ma non rifiutano mai i regali!

19) Credo di averne già parlato, ma insisto: sì, i russi sono molto superstiziosi!

20) Non vi è nulla di più allettante per un russo di una vacanza su una spiaggia tranquilla. Le mete più popolari (e meno costose!) tra i miei connazionali sono la Turchia, l'Egitto, la Tailandia e la Repubblica Dominicana.

21) La metà delle cose più bizzarre che succedono nel mondo avvengono proprio nel mio Paese. Ogni volta che su internet vi imbattete in un video fuori dal comune, potete stare certi che è stato girato, quasi sicuramente, in Russia.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta